Il preventivo legale ti sembra troppo alto? E’ possibile contestare la parcella dell’avvocato anche se era stato accettato il preventivo per la consulenza prima?

Il preventivo dell’avvocato è un documento utile per la stima dei costi della consulenza legale. Ed è anche obbligatorio dal 2017, in seguito alla legge sulla concorrenza. In linea di massima quindi il cliente ha modo di sapere prima quanto costerà l’assistenza del legale. Il preventivo dell’avvocato però ha valore di stima e quindi l’importo potrebbe oscillare rispetto a quanto comunicato all’inizio, a seguito di variabili e costi non previsti.

Come si legge il preventivo dell’avvocato e quali spese legali comprende

Ti sembra assurdo pagare così tanto per una “firma” dell’avvocato? Facciamo prima di tutto chiarezza: a volte per evitare rabbia e frustrazione basta saper leggere il preventivo legale. E può essere proprio il tuo avvocato di fiducia a spiegarti come fare. Di istinto infatti, di fronte al preventivo dello studio legale, l’occhio va subito al rigo finale in cui è specificato l’importo dovuto. Questa procedura però può essere fuorviante perché non tiene conto delle voci che compongono il costo finale. Oltre all’onorario dell’avvocato ci sono costi fissi e imposte che il professionista può trovarsi anche ad anticipare per l’assistito (e che ovviamente dovranno essere rimborsati indipendentemente dal risultato delle causa).

Come contestare la parcella dell’avvocato se il preventivo è troppo alto

Nella pratica potrebbe pur sempre capitare di trovarsi spiazzati di fronte ad una parcella dell’avvocato che, con o senza preventivo, appare troppo esosa. Se, anche dopo aver chiesto spiegazioni, non siete convinti, sappiate che è possibile aprire una contestazione al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati territorialmente competente.

Se manca il preventivo dell’avvocato, sarà il Consiglio dell’Ordine a stabilire il giusto importo, applicando le tabelle forensi nazionali. La mancanza di un preventivo scritto infatti non sta a significare che l’avvocato sia libero di chiedere qualsiasi cifra al cliente.

La contestazione della parcella richiede la forma scritta e va depositata personalmente o a mezzo raccomandata a/r.

Il Consiglio dell’Ordine sarà chiamato a valutare che il preventivo dell’avvocato sia congruo in riferimento alla complessità della causa e alle tabelle nazionali. Se la contestazione viene rigettata sarà sempre possibile fare appello adendo al Consiglio Nazionale Forense, seguendo le medesime modalità sopra esposte. Ricordiamo che chiedere un onorario troppo alto costituisce un illecito deontologico quindi, oltre alla riduzione del compenso, possono essere applicate misure disciplinari nei confronti del professionista. Diverso il caso di revoca del mandato, che non esonera il cliente dal pagamento del corrispettivo per l’attività svolta fino a quel momento.

Visti i tempi, l’iter e le conseguenze, probabilmente la prima strada preferibile è sempre la risoluzione per via bonaria, cercando un compromesso tra le parti.

A volte, a danno fatto, contestare la parcella può essere l’unica strada per non pagare una cifra giusta. Eppure soprattutto oggi che internet ha reso accessibili informazioni anche in ambiti così di nicchia come quello legale, appare un rischio evitabilissimo quello di incorrere in simili situazioni. La legge dà il diritto di ottenere il preventivo scritto, internet offre lo strumento per ottenerlo gratuitamente.





Potrebbe interessarti

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Leggi tutto...

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Leggi tutto...

Il diritto finanziario: di cosa si tratta?

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Leggi tutto...

La validità di una Separazione legale

 

La separazione di fatto si ha quando si verifica la cessazione della convivenza da parte dei coniugi, che non abitano più insieme. I coniugi hanno deciso di interrompere la convivenza senza formalità, ognuno si occupa del proprio destino non interessandosi dell’altro. I coniugi hanno deciso “di fatto” di non procedere con la convivenza senza però procedere ad atti legali.

Leggi tutto...

Cos'è e cosa fa la medicina legale?

La medicina legale è un ramo della medicina che si congiunge al diritto, ed è nata per conoscere e applicare le conoscenze mediche al diritto.

Leggi tutto...

I più condivisi

Il cuneo fiscale: ecco perché ti riguarda da vicino?

Molti economisti sono fermamente convinti che sia impossibile determinare una quantità di cuneo fiscale ideale, perché in ogni paese la sua cifra varia in base al bilancio statale, alla sua condizione economico-contabile ecc. 

Leggi tutto...

Esempio di calcolo IMU: strumenti e simulazioni

Per quanto riguarda esempi di calcolo dell'IMU, si parla di un valore pari a circa il triplo della vecchia ICI.

Leggi tutto...

Cambiale ipotecaria e titoli di credito

Non sono particolarmente diffusi, tuttavia potrebbe capitare ad ognuno di avere a che fare con una cosiddetta cambiale ipotecaria oppure degli eventuali titoli di credito. Cosa sono e soprattutto in quali situazioni potremmo trovarceli di fronte? Cerchiamo di approfondire meglio la questione.

Leggi tutto...

Capacità contributiva: gli indici e altre informazioni

Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Leggi tutto...

Credit Spread, una misura per il rischio di credito

Ogni ambito del diritto predispone di determinate leggi, regole da seguire; anche il diritto commerciale, infatti si muove su dinamiche di trasformazione, mutazione e cambiamento che hanno alla base strutture bene precise.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come trovare la giusta nicchia per il proprio business

Trovare la giusta nicchia per il proprio business legato all’e-commerce è il passo più importante in grado di avvicinarvi all’obiettivo del successo imprenditoriale. Ma come fare?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Patteggiamento della pena: quando e come?

Il patteggiamento sulla pena rappresenta un istituto del diritto processuale penale disciplinato dal punto 4 dell'art.2 della legge delega dl 1987 e dall'art. 444 c.p.p. come modificato dalla legge 12 giugno 2003 n.134. Il patteggiamento è dunqueil procedimento caratterizzato dalla richiesta rivolta al Giudice dall'imputato di una sanzione sostitutiva diminuita fino a un terzo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bancarotta fraudolenta: è il tuo caso?

Intimamente connesso al concetto e soprattutto al reato di fallimento, abbiamo il reato di bancarotta. Tale termine deriva dalla consuetudine, in epoca medievale, di rompere il tavolo di legno del banchiere insolvente. La bancarotta può essere di due tipologie: semplice, in quanto causata da imprudenza, oppure fraudolenta, ovvero causata per frode e violazione di leggi.

Leggi tutto...
Go to Top