Il preventivo legale ti sembra troppo alto? E’ possibile contestare la parcella dell’avvocato anche se era stato accettato il preventivo per la consulenza prima?

Il preventivo dell’avvocato è un documento utile per la stima dei costi della consulenza legale. Ed è anche obbligatorio dal 2017, in seguito alla legge sulla concorrenza. In linea di massima quindi il cliente ha modo di sapere prima quanto costerà l’assistenza del legale. Il preventivo dell’avvocato però ha valore di stima e quindi l’importo potrebbe oscillare rispetto a quanto comunicato all’inizio, a seguito di variabili e costi non previsti.

Come si legge il preventivo e quali spese legali comprende

Ti sembra assurdo pagare così tanto per una “firma” dell’avvocato? Facciamo prima di tutto chiarezza: a volte per evitare rabbia e frustrazione basta saper leggere il preventivo legale. E può essere proprio il tuo avvocato di fiducia a spiegarti come fare. Di istinto infatti, di fronte al preventivo dello studio legale, l’occhio va subito al rigo finale in cui è specificato l’importo dovuto. Questa procedura però può essere fuorviante perché non tiene conto delle voci che compongono il costo finale. Oltre all’onorario dell’avvocato ci sono costi fissi e imposte che il professionista può trovarsi anche ad anticipare per l’assistito (e che ovviamente dovranno essere rimborsati indipendentemente dal risultato delle causa).

Come contestare la parcella se il preventivo è troppo alto

Nella pratica potrebbe pur sempre capitare di trovarsi spiazzati di fronte ad una parcella dell’avvocato che, con o senza preventivo, appare troppo esosa. Se, anche dopo aver chiesto spiegazioni, non siete convinti, sappiate che è possibile aprire una contestazione al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati territorialmente competente.

Se manca il preventivo dell’avvocato, sarà il Consiglio dell’Ordine a stabilire il giusto importo, applicando le tabelle forensi nazionali. La mancanza di un preventivo scritto infatti non sta a significare che l’avvocato sia libero di chiedere qualsiasi cifra al cliente.

La contestazione della parcella richiede la forma scritta e va depositata personalmente o a mezzo raccomandata a/r.

Il Consiglio dell’Ordine sarà chiamato a valutare che il preventivo dell’avvocato sia congruo in riferimento alla complessità della causa e alle tabelle nazionali. Se la contestazione viene rigettata sarà sempre possibile fare appello adendo al Consiglio Nazionale Forense, seguendo le medesime modalità sopra esposte. Ricordiamo che chiedere un onorario troppo alto costituisce un illecito deontologico quindi, oltre alla riduzione del compenso, possono essere applicate misure disciplinari nei confronti del professionista. Diverso il caso di revoca del mandato, che non esonera il cliente dal pagamento del corrispettivo per l’attività svolta fino a quel momento.

Visti i tempi, l’iter e le conseguenze, probabilmente la prima strada preferibile è sempre la risoluzione per via bonaria, cercando un compromesso tra le parti.

A volte, a danno fatto, contestare la parcella può essere l’unica strada per non pagare una cifra giusta. Eppure soprattutto oggi che internet ha reso accessibili informazioni anche in ambiti così di nicchia come quello legale, appare un rischio evitabilissimo quello di incorrere in simili situazioni. La legge dà il diritto di ottenere il preventivo scritto, internet offre lo strumento per ottenerlo gratuitamente.

L’avvocato online: ecco la novità dell’ultimo decennio

Il mondo della tecnologia ha ormai coinvolto ogni settore, compresi quelli tradizionalmente più restii al cambiamento e all’innovazione. Il mondo degli avvocati è uno di questi, tuttavia l’innovazione ha ormai coinvolto anche loro che si ritrovano a pubblicizzarsi su internet in maniera tale da raggiungere quanti più potenziali clienti possibili.
Attualmente, però, il panorama virtuale degli avvocati è molto vasto e vario, vi sono infatti avvocati che si limitano ad avere un sito pensato solo per presentarsi e pubblicizzare i propri servizi, altri hanno invece puntato su veri e propri portali di informazione giuridicaprestando servizi di consulenza attraverso i propri siti web, visitabili in maniera gratuita.

Ovviamente risulta difficile a chiunque trovare e scegliere il servizio in grado di rispondere alle proprie esigenze, soprattutto perché spesso risulta complicato orientarsi in un mondo sconosciuto come quello degli avvocati.
Gli avvocati che offrono consulenza legale per via telematica ci sono e naturalmente vi sono quelli che lo fanno gratuitamente e chi invece a pagamento, tuttavia, come è facilmente intuibile, le prestazioni di consulenza legale gratuite hanno maggior successo ed è per questo che sono sempre di più gli avvocati che vi aderiscono nella speranza che vengano apprezzati ed eventualmente contattati dai clienti che ne hanno usufruito o da eventuali conoscenti.
Nonostante vi sia chi, purtroppo, tende ad iniziare una consulenza gratuita con l’intento di trasformarla in una a pagamento, sappiate che esiste chi è totalmente sincero con voi e vi offre un formidabile strumento di aiuto.

Una delle critiche che viene spesso mossa a chi si affida alla consulenza gratuita è quella relativa alla responsabilità del caso  perché in questo caso l’avvocato non conosce i fatti storici che stanno a monte del problema, né tanto meno i documenti ad esso inerenti e di conseguenza la consulenza offerta si basa solamente sulle informazioni che gli vengono direttamente trasmesse dal cliente.
Vista da questo punto di vista la consulenza gratuita sembrerebbe inutile, ma in realtà sappiate che spesso è un ottimo modo per instaurare un primo dialogo con l’avvocato (elemento da non sottovalutare in nessuna circostanza), in secondo luogo essa permette all’avvocato di capire l’entità del problema da risolvere e verificare se è o no in grado di rispondere alle vostre esigenze con la sola consulenza gratuita, dandovi quindi un’idea maggiormente precisa dell’entità del problema, elemento che spesso non comprendiamo perché disconosciamo cosa fare in gran parte delle situazioni, ma è per questo che esistono gli specialisti!


Potrebbe interessarti

Diritto allo sciopero: quando si esercita?

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Privacy su Twitter: ti spieghiamo come funziona davvero

Privacy su Twitter

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Immagine presente nell'articolo Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Con il termine Iter Legislativo, intendiamo il procedimento legislativo, ovvero il processo formale che porta una legge dalla sua creazione alla successiva approvazione da parte delle camere del Parlamento.

Il diritto finanziario: di cosa si tratta?

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Referendum Nucleare: ecco un approfondimento completo

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Adempimento dell’obbligazione: come annullare i debiti

Adempimento

L’adempimento dell’obbligazione consiste nell’esecuzione a favore del creditore della prestazione dovuta dal debitore. Quest’ultimo annulla l’obbligazione. L’adempimento deve essere: esatto (fedele a quanto stabilito nel titolo dell’obbligazione), per intero (in linea con le norme dispositive di legge su qualità), nel luogo e nel tempo previsti per l’adempimento dell’obbligazione. La materia è disciplinata dal diritto privato.

Società in accomandita per azioni: scopriamo di più

immagine per Società in accomandita per azioni

All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società in accomandita per azioni  (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

Rendita catastale IMU: cosa bisogna sapere esattamente?

Immagine usata nell'articolo Rendita catastale IMU: cosa bisogna sapere esattamente?

Cosa si intende per rendita catastale come base imponibile per l'IMU? Si tratta in pratica di un valore a cui andiamo ad applicare una aliquota, in modo da calcolare il valore effettivo delle imposte da pagare. Nel caso di imposte dirette, la base imponibile va ad essere calcolata per una sua applicazione al reddito delle deduzioni e riduzioni fiscale.

Leggi anche...

Il Patto di non concorrenza per il dipendente

Il patto di non concorrenza per il dipendente è disciplinato agli artt. 2125, 2596 e 1795 del codice civile (per lavoratori dipendenti, autonomi e agenti commerciali). Il lavoratore può concordare un pagamento mensile che è soggetto a contributi pensionistici ed integra la retribuzione, oppure alla cessazione del contratto, soggetto agli obblighi e al regime fiscale del TFR.

Leggi anche...

La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Immagine riferita all'articolo La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Leggi anche...

Il condono fiscale: quando e come si applica?

Il condono fiscale rientra, nell'ambito del diritto, nella più ampia categoria dei condoni legislativi emanati tramite decreti legge. Di per sé, prevede l'annullamento parziale o totale ai cittadini che vi aderiscono, di una sanzione o di una pena. Oltre a questo, esistono anche quello valutario, edilizio, quello assicurativo e molti altri ancora.

Go to Top