Almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare in modo diretto o in modo indiretto con la figura di un avvocato e di conseguenza di un giudice o magistrato, i colossi della legislatura: che sia stato per un qualcosa che ci riguardava in prima persona o per un qualcosa che riguardava una persona a noi cara siamo stati messi difronte alla ‘spiacevole’ situazione di dover pagare (giustamente) una prestazione lavorativa di legislatura che è stata offerta. Ma quanto costa un avvocato penalista? A quanto ammonta il pagamento?

Una premessa, prima di aprire un capitolo abbastanza lungo su quanto costa un avvocato penalista, va fatta: se si entra nell’ottica che quando si parla di avvocati si parla sempre di cose delicate a livello di legislatura, non c’è denaro che tenga pur di uscire puliti da situazioni che potenzialmente potrebbero essere o comunque diventare problematiche a livello di legge e giustizia.

Le prestazioni degli avvocati, a differenza di quelle riguardanti i giudici e i magistrati, all'interno di un tribunale, hanno una duplice natura: esistono infatti gli avvocati civilisti e penalisti e prima di parlare di quanto costa un avvocato penalista o civilista crediamo sia doveroso fare una scissione delle due figure che si occupano di giustizia all'interno dei tribunali.
L’avvocato civilista, per legge, si occupa di cause civili quali, prevedono sanzioni amministrative:

  • Cause civili tra vicini e condomini;
  • Cause su proprietà di beni e sull’usucapione;
  • Cause che riguardano la famiglia vedi separazione, divorzio, affidamento dei figli e quant’altro;
  • Causa che riguardano contratti e recupero dei crediti;
  • Causa contro finanziarie e/o banche;
  • Cause civili per il recupero crediti;
  • Cause per contratti d'affitto;
  • Cause per contratti di successioni e testamenti;
  • Cause che riguardano risarcimenti per danni di incidenti stradali.

L'avvocato penalista, invece, per legge, si occupa di cause penali quali prevedono sanzioni penali:

  • Reati penali societari;
  • Reati contro il patrimonio (vedi il furo e l’appropriazione indebita);
  • Reati in materia di finanziamenti;
  • Abusi edilizi;
  • Spaccio di droga;
  • Reati penali contro l’onore e la dignità;
  • Reati inerenti alle attività criminali;
  • Omicidi
  • Ogni prestazione dei suddetti avvocati in tribunale, a livello di giustizia, come detto e anticipato, viene giustamente ricompensata dal punto di vista economico. Ma quindi, quanto costa un avvocato penalista?

Addentriamoci meglio su quanto costa un avvocato penalista, come avviene il pagamento

Quanto costa un avvocato penalista

Spesso si cade nella semplice e banale idea che le prestazioni di un avvocato siano pagate in modo eccessivo e che il guadagno di questo professionista sia sproporzionato rispetto allo stipendio o mensilità medi di un lavoratore dipendente o autonomo di altro genere: questo è un pensiero più o meno opinabile ma non tutti sanno, però, che ci sono delle norme che sono tese a dare una regolamentazione a questo ‘mercato’ e al diritto di avere un avvocato difensore in cause che prevedono sanzioni civili o penali. Le pattuizioni degli eventuali compensi vengono stabilite a priori tra cliente ed avvocato ma esistono diverse tipologie di pattuizioni; per capire quanto costa un avvocato penalista e come può avvenire il pagamento:

  • In misura forfettaria quando viene stabilita una quota prossima al 15% indipendentemente da come andrà a finire la causa. Ovviamente quello che viene ridefinito come forfettario non ha nulla a che vedere con quanto chiesto a priori dall’avvocato stesso per la difesa;
  • A tempo ovvero il tutto pende e dipende dalla durata della controversia e dalla quantità di lavoro: maggiore sarà il tempo e maggiori saranno le spese;
  • Per convenzione se il cliente ha in ballo uno o più affari;
  • A priori sullo svolgimento dell’intero lavoro con la somma finale già scelta a priori indipendentemente per quanto tempo si protrarranno le prestazioni dell’avvocato. A tal proposito doveroso specificare e scindere le varie voci relative al lavoro da svolgere (oneri, spese e via discorrendo);
  • A percentuale in base all’ammontare del valore dell’affare ma solo nel caso in cui il destinatario possa beneficiarne dal punto di vista chiaramente economico.

Possiamo scegliere noi? A cosa abbiamo diritto?

Ovviamente quanto detto e specificato è solo una parte del complesso e perpetuo mondo degli avvocati. Prima di accettare quanto costa un avvocato penalista il primo passo è sicuramente quello di sedersi a ‘tavolino’ e vagliare la situazione in modo razionale riflettendo sulle varie opzioni che ci vengono messe davanti, anche se spesso si tende a pensare che che il guadagno di questo professionista sia sproporzionato rispetto allo stipendio o mensilità medi di un lavoratore dipendente o autonomo di altro genere.

Però non pensate solo a quanto costa un avvocato penalista, e non focalizzatevi sul fatto che  che il guadagno di questo professionista sia sproporzionato rispetto allo stipendio o mensilità medi di un lavoratore dipendente o autonomo di altro genere, perchè spesso e malvolentieri quando si ha dinanzi un avvocato si cade nell’involontario errore di entrare nel panico, di essere in soggezione e quindi tendiamo a prendere per oro colato tutto quello che ci vien detto: a questo punto chinare il capo e accettare il tutto viene ‘facile’ ma un consiglio che possiamo dare è quello di non farsi prendere dalla paura nonostante le tematiche e le prospettive non proprio idilliache che ci vengono palesate dall’avvocato stesso che, giustamente, tira l’acqua per il proprio mulino ed il modo più congeniale è proprio quello figlio della manipolazione della mente.



Potrebbe interessarti

Cos'è il diritto amministrativo? Proviamo a scoprirlo

Cos'è di preciso il Diritto amministrativo, e quali competenze lo riguardano? Innanzitutto diciamo che si tratta di un ramo del diritto pubblico, e disciplina le attività di perseguimento degli interessi pubblici della pubblica amministrazione e i rapporti tra questa e i cittadini.

Come disdire l'abbonamento Sky grazie al decreto Bersani

In materia di liberalizzazioni, uno dei capisaldi degli ultimi anni è senza dubbio il decreto bersani, convertito in Legge Bersani n. 248 del 4 agosto 2006. La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Privacy su Twitter: ti spieghiamo come funziona davvero

Privacy su Twitter

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Punti di invalidità: un approfondimento completo su come farne richiesta

punti invalidità

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

Inseminazione artificiale in Italia: ecco tutta la verità

Con la sentenza storica dell’Aprile del 2016 la Corte Costituzionale ha reso di fatto legale l’inseminazione artificiale in Italia. 

Con quella istanza, cadde il divieto di fecondazione eterologa imposto dalla legge precedente, permettendo ora la donazione di uno o entrambi i gameti esterni alla coppia. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Il codice tributo 4726 e gli studi di settore in materia di adeguamento

L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Tasse sugli Immobili: alcune cose che devi conoscere

tasse sugli immobili

Uno degli aspetti chiave della manovra finanziaria di alcuni governi è la revisione delle tasse sugli immobili, che riguarda la regolamentazione delle imposte relative agli affitti degli appartamenti dati in locazione e il pagamento delle imposte relative alla proprietà di una casa.

Come amministrare un condominio: spese condominiali e altro

Se vivete in un condominio è d'obbligo conoscere temi quali quelli connessi alle spese condominiali. La ripartizione di questi costi avviene in base agli artt. 1123, 1124, 1125 e 1126 c.c. Oltre a tutto ciò è importante trattare argomenti come quelli che riguardano i costi per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni.

Leggi anche...

Avvocati di Bologna: contatti e indirizzi pronti all'uso

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.

Leggi anche...

Multe per divieto di sosta: ecco i dettagli sull'argomento

immagine per Multe per divieto di sosta

Le multe per divieto di sosta possono essere comminate o perchè non viene rispettato il segnale di divieto, oppure perchè non si è messa in mostra la ricevuta per la sosta in un'area dove è previsto il pagamento.

Go to Top