La questura rappresenta un ufficio della Polizia di Stato in possesso di diverse competenza provinciali. Il compito principale della questura centrale di Roma è garantire il mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica. Per il conseguimento di questo scopo viene effettuata una costante attività di prevenzione e repressione dei reati.

Come è strutturata la questura romana

La struttura delle Questura di Roma viene delineata proprio per garantire l'efficienza e l'operatività del servizio a tutela e difesa del cittadino. Annovera due divisioni principali:

  • la Polizia Anticrimine
  • la Polizia Amministrativa e Sociale

A Roma i Commissariati rappresentano delle appendici della Questura, pensati dunque come dei presidi territoriali di polizia (che organizzano l'attività di prevenzione, investigazione e contrasto della criminalità, adeguandola alle condizioni della sicurezza in specifiche aree del territorio).

Il Questore coordina le attività proprie della polizia di sicurezza e della polizia amministrativa, che si concretizzano in atti quali ordinanze, diffide, permessi, licenze, autorizzazioni.

Questura di Roma

Il Questore - Via San Vitale 15 - 00184 Roma
telefono: 0646861
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questore: Giuseppe CARUSO

In Polizia dalla fine del 1974, il dr. Giuseppe Caruso ha ricoperto prestigiosi e delicati incarichi in numerose e importanti provincie del territorio nazionale. Commissario alla Questura di Bergamo fino al 1992, ha diretto la Squadra Mobile, la Digos e l'Ufficio di Gabinetto: sono i cc.dd. "anni di piombo". Il dr. Caruso è uno dei principali protagonisti che portano alla sbarra in uno dei primi maxiprocessi nr. 133 appartenenti a movimenti eversivi tra cui il "gruppo di fuoco" dell'organizzazione terroristica " Prima Linea".

Stazioni dei Carabinieri a Roma: informazioni e contatti

L'Arma dei Carabinieri è una delle quattro forze armate italiane. Per via della sua doppia natura di forza armata e forza di polizia le sono conferiti compiti militari in cui concorre alla difesa della Patria. Garantisce dunque la sicurezza delle rappresentanze italiane all'estero, partecipa alle operazioni militari in Italia e all'estero e porta a termine l'esercizio delle funzioni di polizia militare e sicurezza per l'Esercito, per la Marina Militare e per l'Aeronautica Militare.

Nel 2006 L'Arma dei Carabinieri contava un totale di 112.226 persone di cui 709 donne. Per tradizione i Carabinieri costituiscono un importante modello all'interno della cultura del nostro paese e godono di un grande rispetto.

Oltre ai compiti militari le sono affidati anche esercizi sociali (art. 3, comma 2 e 3 del decreto legislativo 297/2000):

  • esercizio delle funzioni di polizia giudiziaria e di sicurezza pubblica

Questure di Roma: un elenco completo

Le questure hanno il delicato compito di proteggere i cittadini e garantire la loro sicurezza. Un bel lavoraccio, insomma. Quella della Capitale d’Italia sicuramente non avrà il tempo di annoiarsi. In caso aveste bisogno di aiuto, ecco i numeri delle questure di Roma.

Orari di apertura e indirizzi

La questura di Roma è composta da varie divisioni, ognuna con compiti e competenze precise. Di seguito riportiamo l’elenco dei vari uffici e i relativi contatti:

  • Divisione Polizia Amministrativa e Sociale
    Apertura: lun-mer-ven dalle ore 9:00 alle 12:00
    Indirizzo: via San Vitale 7
    Telefono: 06-46861
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Ufficio Denunce
    Apertura: 24 ore su 24
    Telefono: 06-46861
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Divisione Stranieri (Ufficio immigrazione)
    Apertura: lun-mer-ven dalle 8:30 alle 11:30; mar-gio anche dalle 15:00 alle 17:00
    Indirizzo: via Teofilo Patini 23
    Telefono: 06-46863911
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Ufficio Arruolamenti e Concorsi
    Apertura: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00
    Indirizzo: via Statilia 30
    Telefono: 06-77278601
  • Ufficio Passaporti
    Apertura: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00; il giovedì anche dalle 15:00 alle 17:00
    Indirizzo: via di Villa Ricotti 40
    Telefono: 06-44113422
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Ufficio Porto d’Armi
    Apertura: lun-mer-ven dalle 9:00 alle 12:00
    Indirizzo: via S.Vitale 8
    Telefono: 06-46863189
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Ufficio Relazione con il Pubblico
    Apertura: dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 13:30 e dalle 15:30 alle 19:00; il sabato dalle 8:30 alle 13:00
    Indirizzo: via S.Vitale 15
    Telefono: 06-46863401
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Ufficio Stampa
    Apertura: dal lunedì al sabato dalle 8:00 alle 20:00
    Telefono: 06-46862213
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Compartimento Polizia Postale Lazio
    Apertura: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00; sabato dalle 9:00 alle 12:00
    Indirizzo: viale Trastevere 191
    Telefono: 065813429
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per quanto riguarda i commissariati, ve ne sono molti dislocati su tutto il territorio cittadino. L’elenco completo può essere visionato sul sito ufficiale della Polizia di Stato.

Il questore: chi coordina tutte le attività?

Le questure di Roma attualmente sono coordinate da Nicolò Marcello D’Angelo, classe 1954. Dopo essere stato Capo della Squadra Mobile di Roma per sei anni, ha ricoperto vari incarichi fino alla nomina, nell’ottobre 2014, come Questore di Roma.

Secondo il nostro ordinamento, il questore è un dirigente della Polizia di Stato e ha il compito di coordinare tutte le attività: sostanzialmente, è dirigente e amministratore delle questure di Roma. Prima del 1981 il Questore dipendeva dal Prefetto; in seguito alla legge di 34 anni fa si decise che le due attività fossero coordinate e non più subordinate l’una all’altra. Il questore è, in materia di sicurezza, un’autorità tecnica, mentre il prefetto è un’autorità politica (www.wikipedia.it). Entrambi, comunque, hanno la responsabilità della nostra sicurezza, soprattutto in caso di eventi pubblici, manifestazioni o eventi sportivi. Il che ci porta dritti alla Digos.

La Digos: Divisione Investigazioni Generali e Operazioni Speciali

Nonostante sia una divisione della Questura, la Digos dipende direttamente da una sezione del Ministero dell’Interno. E’ divisa in due aree:

  • Le sezioni informative
  • Le sezioni antiterrorismo

Le sezioni informative si occupano della gestione delle manifestazioni, i grandi eventi, i concerti e gli eventi sportivi. Proprio all’interno delle sezioni informative opera la Squadra Tifoserie, istituita nel 2001. Sono talmente tanti gli episodi di violenza legati allo sport (leggi calcio) che è stata creata addirittura una squadra di polizia apposita. Fa riflettere.

Le sezioni antiterrorismo, invece, si occupano delle misure di sicurezza contro minacce come bombe, attacchi terroristici ecc. Se l’ISIS dovesse attaccarci, ci penseranno loro.

Oltre tutto ciò, una parte fondamentale dell'aspetto sulla nostra sicurezza è quello legato alla sicurezza sul lavoro che si deve poter garantire ai cittadini romani. Da questo punto di vista occorre affidarsi alle aziende di consulenza private, che sanno guidare gli imprenditori nella maniera giusta.





Potrebbe interessarti

Perquisizione personale: sai quando è davvero necessaria?

La perquisizione rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

Leggi tutto...

Legge di bilancio: come avviene l'iter burocratico di approvazione

La Legge di Bilancio definisce ogni anno gli obiettivi finanziari da perseguire nel triennio successivo e dalla quale dipendono i conti pubblici. L’approvazione della legge di Bilancio suscita interesse anche nell’Unione Europea e nelle agenzie di rating perché è il momento in cui si capisce quale sarà la direzione economica di un Paese e le prospettive future di crescita e stabilità. La Legge di Bilancio 2019 sta incontrando diversi ostacoli, soprattutto sul fronte europeo, in quanto Stato Membro, infatti, l’Italia deve sottoporre il proprio bilancio anche all’approvazione UE. Ma quali sono tutti i passaggi prima di arrivare all’approvazione della Legge con pubblicazione del testo definitivo sulla Gazzetta Ufficiale?

Legge di Bilancio: dal DEF alla legge di Stabilità

Il DEF o Documento Economico e di Finanza è il primo documento economico all’interno del quale si specificano gli obiettivi di finanza pubblica per l’anno in corso e i successivi tre anni. Una volta approvato il DEF si passa alla Manovra che segue un iter prestabilito dalla Legge e che deve essere presentata con un disegno di Legge in Parlamento entro un termine stabilito (che per l’anno 2019 è il 15 ottobre 2018), ovvero entro un mese dalla presentazione del DEF. Il testo della Legge di Bilancio – da alcuni anni – risulta più snello e leggibile perché sono state eliminate norme ordinamentali e organizzative che confluiscono in un altro documento che si chiama Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio.

Si parla spesso indifferentemente di Legge di Bilancio e Legge di Stabilità, ma si tratta della stessa cosa?

La Legge di Stabilità entra in vigore il 2009 in sostituzione dell’allora Legge Finanziaria per via dell’approvazione del Federalismo Fiscale. La Legge di Stabilità è rimasta fino al 2016 il documento economico e finanziario più importante costituito da un insieme di norme sull’ordinamento delle spese, le entrate, il deficit e norme finanziarie in coordinamento con le attività economiche delle singole regioni, province e comuni e in abbinamento alla Legge di Bilancio che era il documento contabile preventivo con il quale il Governo comunicava al Parlamento le entrate e le uscite previste specificando nel dettaglio le coperture finanziarie. La Nuova Legge di Bilancio – entrata in vigore nel 2016 – riunisce in un unico documento sia la Legge di Stabilità che la Legge di Bilancio e segue un solo iter parlamentare, invece che due.

Le tappe burocratiche

La Legge di Bilancio si presenta in Parlamento dopo un mese dall’approvazione del DEF. Per l’anno 2019, l’iter di approvazione segue il seguente calendario:

  • 27 settembre 2018: presentazione del DEF, Documento di Economia e Finanza.
  • 15 ottobre 2018: entro un mese dalla presentazione del DEF, il Parlamento discute per l’approvazione della Nota propedeutica alla Legge di Bilancio, questa fase dura circa 15 giorni ed è un momento delicato in cui il Parlamento deve approvare o meno eventuali importanti scostamenti dagli obiettivi di bilancio, come si è verificato per la Legge di Bilancio 2019, in cui il Parlamento ha dibattuto per l’approvazione dell’aumento del deficit pubblico come soluzione espansiva per avere maggiori risorse finanziarie da investire.
  • 15 ottobre 2018: contestualmente alla presentazione del DEF in Parlamento, il testo deve essere inoltrato all’UE e segna l’inizio di una nuova fase dell’iter di approvazione. Nel Testo inviato alla Commissione Europea e all’Eurogruppo, il Governo deve specificare gli obiettivi per l’anno successivo, le misure da adottare e le coperture finanziarie per applicare le misure. L’Unione Europea ha tempo fino al 30 novembre 2018 per esprimere un parere e fino alla primavere del 2019 per emettere un giudizio definitivo sulla manovra presentata dai singoli Stati membri.
  • 20 ottobre 2018: il Governo è obbligato a presentare un Disegno di Legge Il documento deve contenere tutti gli interventi e la quantificazione economica per adempiere agli obiettivi prefissati.
  • 31 dicembre 2018: il Governo deve ottenere l’approvazione definitiva da parte del Parlamento sulla nuova Manovra.

Una volta approvata, la Legge di Bilancio entra in vigore dal 1° gennaio 2019 con la Pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Nel corso dell’iter di approvazione della Manovra, non sono escluse ipotesi di modifica al Testo in ottemperanza delle richieste provenienti dal Parlamento e in base alle indicazioni fornite dall’Unione Europea.

Quali sono i contenuti della Legge di Bilancio 2019

La legge di Bilancio presentata si aggira sui 20-25 miliardi di spesa e introduce misure nuove in materia di fisco, lavoro, pensione, IVA. La bozza conta 115 articoli che prevedono le seguenti misure:

Fisco:

  • Blocco dell’aumento dell’IVA;
  • Riforma Scaglioni IRPEF;
  • Flat Tax al 15% per le Partite IVA con ricavi fino a 65.000 € e start up con titolari under 35 o over 55;
  • Flat tax al 15% per professori di ogni ordine e grado;
  • Pace fiscale;
  • Rimodulazione bonus 80 € per la famiglie;
  • Proroga Bonus Casa per ristrutturazioni, ed ecobous;
  • Proroga iperammortamento.

Lavoro

  • Avvio del Reddito di cittadinanza con nuovo sussidio alla povertà;
  • Riforma delle Pensioni;
  • Bonus assunzione giovani;
  • Bonus assunzione laureati, dottori di ricerca under 30, per assunzioni a tempo indeterminato dal 1° gennaio 2019 con sgravi contributivi fino a 8000 €;
  • Concessione terreni gratuiti per 20 anni a famiglie con un terzo figlio in arrivo dal 2019, 2020 e 2021.

Finanza

  • Mutui a tasso zero fino a 200 000 € per le famiglie che acquistano terreni per la prima casa, allo scopo saranno destinati il 50% dei terreni agricoli demaniali.
  • Cedolare secca al 21% per negozi C1 sotto i 600 m2.
  • Cancellazione blocco aumenti per addizionali comunali (IMU, TASI …)
  • Investimenti per progetto “scuole belle”.

I Presidenti della Repubblica Italiana

La Repubblica Italiana ha avuto, al 2011, 11 presidenti della Repubblica.

Leggi tutto...

Marche da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo.

Leggi tutto...

Legge sul testamento biologico: a che punto siamo in Italia?

Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenzo da parte del diretto interessato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

Leggi tutto...

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Leggi tutto...

Tagli al budget per l'accoglienza 2019: come funziona in Italia?

Il tema dell’accoglienza dei migranti in Italia è sempre molto delicato e la dimensione del fenomeno è tale da essere diventata una voce di spesa all’interno della Legge di Bilancio. Per l’anno 2019, il Governo prevede un taglio – pari a circa 5 miliardi – alle risorse da destinare all’accoglienza. Le cifre si basano su stime e valutazioni rispetto a quanto definito nel DEF (documento di Economia e Finanza) 2018 dai precedenti Governi.

Leggi tutto...

Tasso fisso e variabile: i trucchi per scegliere bene il mutuo

I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Leggi tutto...

La legge Bersani sui mutui: ecco cosa dice

La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

CAF UIL Venezia: contatti e informazioni

I servizi principali dei CAF sono la compilazione del modello 730 e delle altre dichiarazioni fiscali, la compilazione dei modelli RED, ISEE e ISEU. Altre funzioni sono legate alla trasmissione telematica di determinati modelli tramite ENTRATEL.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quand’è che si parla di Crimine informatico?

Un crimine informatico si caratterizza nell’abuso della tecnologia informatica. Tutti questi reati hanno in comune:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Condono delle multe: come funziona

In questi anni, diverse volte abbiamo sentito parlare direttamente o magari in TV di sanzioni comminate e quindi elargite a determinati soggetti o società attraverso una multa. 

Leggi tutto...
Go to Top