Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Una tipologia di redditi poco conosciuta è quella del Reddito dominicale dei terreni; questa tipologia è disciplinata dagli Artt. 27 – 35 D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917.

In soldoni, i redditi dominicale sono quei redditi che provengono dai terreni che si trovano nel territorio statale e che quindi vanno per forza iscritti al catasto dei terreni, in quanto hanno attribuzione di rendita, connessa al reddito agrario.

La parte relativa al reddito dominicale consta dunque, per la precisione, della parte di reddito fondiario che in maniera diretta permette alla proprietà di essere remunerata.

Variazione reddito dominicale

Il reddito dominicale non rimane fisso, ma può aumentare quando la qualità di coltura che risulta dal catasto diventa di maggiore reddito: questo è stabilito dall'Art. 29, c. 1, D.P.R. 917/1986.

Naturalmente, vale anche il contrario, ovvero si ha una riduzione del reddito dominicale quando dimimnuisce la capacità produttiva del terreno causa forze maggiori, oppure la qualità di coltura che risulta al catasto è minore della precedetne, secondo l'Art. 29, c. 2, D.P.R. 917/1986.

Denuncia variazione 

immagine per reddito dominicale

In caso di variazione del reddito dominicale, è necessario effettuare una opportuna denuncia.

Per le variazioni in aumento, la denuncia va effettuata entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello in cui si è determinata la variazione e al conseguente aumento di reddito dominicale; gli effetti si riscontrano a partire da tale anno.

Le variazioni in diminuzione, invece, hanno effetto da subito, ovvero a partire dall'anno in cui il fatto si è verificato, anche se la denuncia è presentabile entro il 31 gennaio dell'anno seguente.

Rivalutazione dei terreni

Con l’entrata in vigore dell’art. 7 c.4 del D.l. 24 Giugno 2014, n. 91, convertito in legge n. 116 dell’11 agosto 2014, sono state stabilite nuove aliquote per la rivalutazione del reddito dominicale derivante dai terreni (dominicale e agrario) ai fini del calcolo delle imposte dirette e del calcolo IMU. Le aliquote stabilite variano in base ad alcuni requisiti:

  • al periodo di imposta;
  • a chi possiede o conduce il terreno: coltivatori diretti o Imprenditori Agricoli Professionali.

Le aliquote previste sono così stabilite per periodo di imposta:

  • 2013-2014, aliquota del 15%;
  • 2015, del 30%;
  • dal 2016, fissata al 7%.

Questi percentuali si riferiscono a reddito dominicale e agrari, mentre per i terreni agricoli e non coltivati posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli IAP le aliquote sono fissate rispettivamente in 5% e 10%.
La rivalutazione viene fatta su quella base dell’80% per il reddito dominicale e del 70% per quello agrario. Per alcune condizioni questa regola non viene applicata, ma si considera solo la rivalutazione aggiornata. Queste condizioni sono: terreno concesso in affitto per usi agricoli, per un tempo maggiore di cinque anni.

Differenze

Nel parlare di redditi derivanti dai terreni, è meglio chiarire quale sia la differenza tra il reddito dominicale e quello agrario. Il primo si riferisce al terreno coltivato, quindi una rendita che deriva dal fondo in sè; mentre il secondo è il reddito dell’agricoltore che coltiva il fondo, per conto proprio e per conto terzi, da cui ricava profitto.
Non rientrano in queste categorie quei terreni che fanno parte di giardini privati o parchi pubblici, e terreni ad uso commerciale.

Come si calcola?

Sono previsti due modi per calcolare il reddito dominicale, in base al tipo di coltivazione effettuata sul terreno:

  • se è quella che risulta dal catasto, il reddito può essere calcolato sulla base delle tariffe d’estimo stabilite dalla legge catastale per quella classe di terreno;
  • se la coltivazione è diversa da quella prevista dal catasto, si procederà calcolando il reddito su una tariffa d’estimo media prevista per quel tipo di coltura.

In pratica il reddito è il prodotto tra il reddito dominicale e il coefficiente di rivalutazione.


Potrebbe interessarti

Cosa spetta per la Paternità: Permessi, Ferie

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Ergastolo in Italia: l'art 22 del codice penale spiegato bene

ergastolo in italia

Chi commette un delitto efferato è severamente punito dalla legge italiana. Nei casi più blandi si deve scontare una pena che varia a seconda della gravità del reato commesso. Quando

Presidenti della Repubblica Italiana: ecco l'elenco completo

immagine presidenti della repubblica italiana

La Repubblica Italiana ha avuto, al 2020, 12 Presidenti della Repubblica Italiana.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Le imposte indirette nel diritto tributario: un approfondimento

imposte indirette

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Imposta IRES: cos'è e come si calcola. Ecco il nostro approfondimento

imposta ires

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Tassazione nel Trading online: vediamo come funziona

Le attività di investimento online nei mercati valutari e finanziari sono in crescita costante, un fenomeno dovuto all’uso diffuso del trading online e ad una sempre più attenta regolamentazione degli strumenti finanziari. La regolamentazione degli strumenti, delle piattaforme di trading e degli attori principali del settore finanziario comporta un maggiore controllo e una regolamentazione anche delle normative inerenti la tassazione dei proventi derivanti dal trading online.

Leggi anche...

Avvocati di Torino: gli indirizzi

La sezione Professionisti si amplia con una lista degli avvocati di Torino. Di seguito gli studi che sono presenti anche sul web grazie ai propri siti internet.

Leggi anche...

Sequestro probatorio: che cos’è e quando si applica?

immagine per sequestro probatorio

Facciamo chiarezza su uno degli argomenti di cui più si discute in Italia in questo ultimo periodo. Il codice di procedura penale comprende tra i mezzi di ricerca della prova il sequestro probatorio (uno strumento utilizzato per lo più da Pubblici Ministeri e Polizia Giudiziaria). Il sequestro probatorio è collegato alla perquisizione (rappresentando in pratica una sua conseguenza).

Go to Top