Ecco alcune regole importanti da seguire quando si vogliono trasportare i bambini in automobile.

  • L'uso dei dispositivi di ritenuta è obbligatorio dalla nascita fino al raggiungimento dei 36 Kg di peso.
  • Fino ai 9 Kg i bambini devono essere trasportati in senso contrario alla marcia dell'auto e sul sedile posteriore.
  • Dopo i 10 Kg si può cominciare a sistemare il seggiolino secondo il senso di marcia.
  • I bambini di età superiore ai tre anni possono occupare un sedile anteriore solo se la loro statura supera 1,50 m, a meno che il veicolo sia dotato di sistemi di ritenuta adatti alla loro configurazione fisica.
  • I bambini di statura non superiore a 1,50 m devono viaggiare legati agli appositi seggiolini. Possono non essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, a condizione che non occupino un sedile anteriore e siano accompagnati da almeno un passeggero di età non inferiore a sedici anni.
  • Per i trasgressori sono previsti il ritiro di 5 punti dalla patente e una sanzione da 68,00 a 275 euro.

Questa serie di regole sono valide per conducente e i passeggeri dei veicoli della categoria L6e, "dotati di carrozzeria chiusa, di cui all'art. 1, paragrafo 3, lettera a), della direttiva 2002/24/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 marzo 2002, e delle categorieM1 N1, N2 ed N3, di cui all'articolo 47, comma 2, del presente codice, muniti di cintura di sicurezza".

Classificazione seggiolini

In questo paragrafo ci occuperemo della classificazione dei seggiolini per bimbi, da poter consultare anche sul sito ufficiale dell’ACI:

  • Gruppo 0: fino a 12 mesi circa, con un peso del bimbo pari a 10 kg. Da montare sul sedile posteriore in senso opposto a quello di marcia con la posizione della navicella che deve essere parallela a quella dei sedili posteriori;
  • Gruppo 0+: 24 mesi circa, con un peso del bimbo pari a 13 kg. Da montare sul sedile posteriore in senso opposto a quello di marcia;
  • Gruppo 1: da 9 mesi a circa 4 anni, con un peso del bimbo dai 9 kg ai 18 kg. Da montare, a seconda dei casi, in senso opposto a quello di marcia fino ai due anni di età, e in senso corrente nelle altre circostanze;
  • Gruppo 2: da 3 anni a 6 anni, con un peso del bimbo da 15 kg a 25 kg. Da montare sul sedile posteriore o anteriore in senso uguale a quello di marcia;
  • Gruppo 3: da 5 a 12 anni, con un peso del bambino da 25 kg a 36 kg. Valgono le stesse regole del seggiolino del Gruppo 2.

Progetti per il trasporto sicuro dei bimbi

Il tema è parecchio sensibile, tanto che è nato ultimamente il progetto “Trasporto Sicuro – Bimbi Protetti”, organizzato dal Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche e dalla Polizia di Stato di Bologna, al fine di prevenire drammatici incidenti ed invitare le persone adulte a comportarsi in maniera corretta con i bambini piccoli a carico. Il progetto consiste in una serie di incontro face to face con Ufficio di Educazione Stradale di Bologna: l’iniziativa è a lungo raggio perchè dopo un periodo di nove mesi vengono inviati per mail ulteriori documenti integrativi con lo scopo di sensibilizzare non solo i genitori ma anche tutti i componenti della famiglia su questo delicato argomento. La modalità del corso è unica e originale all’interno del Dipartimento e solo per il 2015 sono in programma oltre trenta corsi con la previsione di più di seicento partecipanti.

Lo scopo finale infatti è quello di educare ad una maggiore cultura stradale tutti i conducenti, soprattutto quando di mezzo ci sono figli piccoli che devono avere tutte le attenzioni necessarie quando si viaggia in macchina. L’educazione stradale infatti deve essere un caposaldo fondamentale quando ci si mette alla guida e questi progetti servono proprio a stimolare la buona guida sui mezzi di trasporto privati, che troppo spesso invece non viene rispettata.





Potrebbe interessarti

Congedi di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il congedo anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Leggi tutto...

Rilascio passaporto a Milano: dove richiedere il passaporto elettronico

Il passaporto ordinario è un documento che consente l’opportunità di viaggiare soggiornando in tutti gli Stati riconosciuti dalla Repubblica Italiana: il rilascio del passaporto a Milano è consentito a tutti i cittadini italiani ed è, in Italia, una procedura di competenza delle questure.

Leggi tutto...

Governo Tecnico: quando entra in funzione?

La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. 

Leggi tutto...

Copyright web: come si applica rispetto al diritto d'autore

Scrivere contenuti per i siti internet può essere molto soddisfacente, in quanto è un modo completamente gratuito per esprimere le proprie idee ad un pubblico vasto e spesso sconosciuto.

Leggi tutto...

L’Annullamento del matrimonio religioso

Occorre stabilire un’importante differenza tra il matrimonio civile e quello religioso. È ovvio che tali differenza prendono maggior forma nel momento in cui si parla di Divorzio e di annullamento del matrimonio. Vanno considerati i fattori che determinano la persistenza e dunque l’annullabilità dei vari tipi di matrimonio. Vediamo dunque quali sono queste differenze, analizzando in particolare la situazione per quel che riguarda il rito religioso.

Leggi tutto...

I più condivisi

Esempio di calcolo IMU: strumenti e simulazioni

Per quanto riguarda esempi di calcolo dell'IMU, si parla di un valore pari a circa il triplo della vecchia ICI.

Leggi tutto...

Redditi diversi: scopri se ti riguarda?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi tutto...

Istruzioni CUD: cos'è, a cosa serve e come si compila

A partire dal 1998, nell'ambito della burocrazia e della documentazione fiscale relativa alla dichiarazione dei redditi, è entrato in vigore il certificato unico dipendente, meglio noto come CUD: cos'è di preciso?

Leggi tutto...

Che cos'è AltroConsumo Finanza

Il servizio di consulenza che viene messo a disposizione da AltroConsumo Finanza consente a chiunque ne usufruisca di investire in condizioni di massima sicurezza e senza rischi

Leggi tutto...

La mediazione commerciale: di cosa si tratta?

Il diritto commerciale è un ramo del diritto privato che regola le attività imprenditoriali; è anche definito come diritto privato delle imprese. Il diritto commerciale è una materia molto vasta e articolata; questa guida vi aiuterà a saperne di più.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Patto di non concorrenza per il dipendente

Il patto di non concorrenza per il dipendente è disciplinato agli artt. 2125, 2596 e 1795 del codice civile (per lavoratori dipendenti, autonomi e agenti commerciali). Il lavoratore può concordare un pagamento mensile che è soggetto a contributi pensionistici ed integra la retribuzione, oppure alla cessazione del contratto, soggetto agli obblighi e al regime fiscale del TFR.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima
Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos’è e quando si applica il sequestro probatorio?

Facciamo chiarezza su uno degli argomenti di cui più si discute in Italia in questo ultimo periodo. Il codice di procedura penale comprende tra i mezzi di ricerca della prova il sequestro probatorio (uno strumento utilizzato per lo più da Pubblici Ministeri e Polizia Giudiziaria). Il sequestro probatorio è collegato alla perquisizione (rappresentando in pratica una sua conseguenza).

Leggi tutto...
Go to Top