Dopo aver parlato dei punti della patente, oggi vi parliamo delle leggi che regolamentano il Trasporto dei bambini in auto. Ecco alcune regole importanti da seguire quando si vogliono trasportare i bambini in automobile.

  • L'uso dei dispositivi di ritenuta è obbligatorio dalla nascita fino al raggiungimento dei 36 Kg di peso.
  • Fino ai 9 Kg i bambini devono essere trasportati in senso contrario alla marcia dell'auto e sul sedile posteriore.
  • Dopo i 10 Kg si può cominciare a sistemare il seggiolino secondo il senso di marcia.
  • I bambini di età superiore ai tre anni possono occupare un sedile anteriore solo se la loro statura supera 1,50 m, a meno che il veicolo sia dotato di sistemi di ritenuta adatti alla loro configurazione fisica.
  • I bambini di statura non superiore a 1,50 m devono viaggiare legati agli appositi seggiolini. Possono non essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, a condizione che non occupino un sedile anteriore e siano accompagnati da almeno un passeggero di età non inferiore a sedici anni.
  • Per i trasgressori sono previsti il ritiro di 5 punti dalla patente e una sanzione da 68,00 a 275 euro.

Questa serie di regole sono valide per conducente e i passeggeri dei veicoli della categoria L6e, "dotati di carrozzeria chiusa, di cui all'art. 1, paragrafo 3, lettera a), della direttiva 2002/24/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 marzo 2002, e delle categorieM1 N1, N2 ed N3, di cui all'articolo 47, comma 2, del presente codice, muniti di cintura di sicurezza".

Classificazione seggiolini

Trasporto dei bambini in auto

In questo paragrafo ci occuperemo della classificazione dei seggiolini per bimbi, da poter consultare anche sul sito ufficiale dell’ACI:

  • Gruppo 0: fino a 12 mesi circa, con un peso del bimbo pari a 10 kg. Da montare sul sedile posteriore in senso opposto a quello di marcia con la posizione della navicella che deve essere parallela a quella dei sedili posteriori;
  • Gruppo 0+: 24 mesi circa, con un peso del bimbo pari a 13 kg. Da montare sul sedile posteriore in senso opposto a quello di marcia;
  • Gruppo 1: da 9 mesi a circa 4 anni, con un peso del bimbo dai 9 kg ai 18 kg. Da montare, a seconda dei casi, in senso opposto a quello di marcia fino ai due anni di età, e in senso corrente nelle altre circostanze;
  • Gruppo 2: da 3 anni a 6 anni, con un peso del bimbo da 15 kg a 25 kg. Da montare sul sedile posteriore o anteriore in senso uguale a quello di marcia;
  • Gruppo 3: da 5 a 12 anni, con un peso del bambino da 25 kg a 36 kg. Valgono le stesse regole del seggiolino del Gruppo 2.

Progetti per il trasporto dei bambini in auto

Il tema è parecchio sensibile, tanto che è nato ultimamente il progetto “Trasporto Sicuro – Bimbi Protetti”, organizzato dal Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche e dalla Polizia di Stato di Bologna, al fine di prevenire drammatici incidenti ed invitare le persone adulte a comportarsi in maniera corretta con i bambini piccoli a carico. Il progetto consiste in una serie di incontro face to face con Ufficio di Educazione Stradale di Bologna: l’iniziativa è a lungo raggio perchè dopo un periodo di nove mesi vengono inviati per mail ulteriori documenti integrativi con lo scopo di sensibilizzare non solo i genitori ma anche tutti i componenti della famiglia su questo delicato argomento. La modalità del corso è unica e originale all’interno del Dipartimento e solo per il 2015 sono in programma oltre trenta corsi con la previsione di più di seicento partecipanti.

Lo scopo finale infatti è quello di educare ad una maggiore cultura stradale tutti i conducenti, soprattutto quando di mezzo ci sono figli piccoli che devono avere tutte le attenzioni necessarie quando si viaggia in macchina. L’educazione stradale infatti deve essere un caposaldo fondamentale quando ci si mette alla guida e questi progetti servono proprio a stimolare la buona guida sui mezzi di trasporto privati, che troppo spesso invece non viene rispettata.


Potrebbe interessarti

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Perquisizione personale: sai quando è davvero necessaria?

immagine per La perquisizione personale rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

La perquisizione personale rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

Ergastolo in Italia: l'art 22 del codice penale spiegato bene

ergastolo in italia

Chi commette un delitto efferato è severamente punito dalla legge italiana. Nei casi più blandi si deve scontare una pena che varia a seconda della gravità del reato commesso. Quando

Il referendum costituzionale del 1946: sai cosa ha significato?

Con il termine referendum, si intende quel particolare strumento democratico grazie al quale gli elettori sono consultati in maniera diretta su determinati temi di rilevo. Essendo una grande conquista nell'epoca della democrazia diretta, il referendum permette agli elettori di fornire il proprio voto su un tema particolare, senza l'intermediazione del Parlamento.

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Codice accisa: la carta d’identità dei prodotti

Il cosiddetto “codice di accisa” è composto da una sequenza alfanumerica composta sempre da tredici caratteri ed è attribuito dalla Agenzia delle Dogane a ciascuni dei suoi operatori abilitati, siano essi un Deposito Fiscale come un Destinatario o uno Speditore Autorizzato.

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

8 per mille: elenco dei beneficiari e criteri di inclusione

8 per mille: elenco

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'8 per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi anche...

CAF a Napoli: indirizzi delle varie associazioni UIL

I centri di Assistenza Fiscale, noti come CAF, offrono ai cittadini tutta una serie di servizi fondamentali. In particolare, ci si può rivolgere ai CAF a Napoli per avere un aiuto nella dichiarazione dei redditi, o per compilare modelli RED, ISEE e ISEU. Altre funzioni sono legate alla trasmissione telematica di determinati modelli tramite ENTRATEL.

Leggi anche...

La prescrizione per la multa: vediamo come funziona

immagine per prescrizione multe

Quando va in prescrizione una multa? E' necessario chiarire questo aspetto in quanto bisogna fare attenzione alle varie norme del codice della strada che nel corso degli anni possono aver ingenerato confusione negli utenti della strada.

Leggi anche...

Libertà condizionale

Chi commette un reato, di media, piccola o grave intensità viene rinchiuso in carcere per un periodo che varia in base alla gravità della pena.

Go to Top