Non sempre l'unione tra due coniugi va a buon fine. Capita spesso infatti che per motivi di varia natura e legati a diverse incomprensioni tra marito e moglie si prenda la decisione, anche in presenza di figli, di separarsi.

È possibile che la coppia decida per una separazione consensuale, che prevede un accordo dei coniugi che decidono di annullare i vincoli precedentemente presi con il matrimonio religioso e civile. Soprattutto quando si hanno dei figli poi si opta per la separazione in casa, dove la coppia decide di vivere sotto lo stesso tetto.

Ci sono situazioni però che non riescono a risolversi esclusivamente con l'adozione della separazione; in questi casi è necessario prendere misure decisamente più drastiche. Nei casi estremi infatti e dopo un periodo di separazione si avviano invece le pratiche del divorzio vero e proprio. Per coloro che vogliono accorciare i tempi giuridici è possibile inoltre il divorzio breveanche in Italia.

Questa forma di risoluzione del matrimoni e consiste nella possibilità di applicare le dinamiche legali legate al divorzio stesso in modo più veloce rispetto al normale accelerando così le pratiche e le procedure previste per la sua attuazione.

Il divorzio breve è consentito unicamente trascorsi tre anni di separazione legale; questo è quanto previsto in Italia, in altri Paesi si può procedere direttamente al divorzio breve senza separazione obbligatoria precedente. 

Vediamo quindi in cosa consiste la riforma del divorzio breve.

La recente riforma sul divorzio breve italiano

Recentemente sono state modificate le dinamiche legate al divorzio breve con la prevista riduzione della durata di separazione obbligatoria che scenderà ad un anno.

La riforma del divorzio breve indica in caso di prole non maggiorenne, in una fase molto particolare ancora della vita e di crescita fisica e psicologica, la durata di separazione dovrà invece essere di due anni. Altre novità sono legate al patrimonio da dividere tra i due ex coniugi.

Con la separazione personale il regime di comunione viene meno già in udienza, nella quale di presidente del tribunale decreta la separazione anche dei beni.

Come farlo in fretta?

L’Istat ha pubblicato dati relativi a separazioni e divorzi in Italia riuscendo a dare delle buone notizie. Per l’appunto, secondo i dati dell’ente statistico la percentuale dei divorzi nel Belpaese ha subito un calo dello 0,7 %, andando in controtendenza rispetto a quanto registrato dal 1995.

Il cambiamento registrato negli ultimi 15 anni nelle regioni italiane ha messo in luce altri fattori interessanti. In principio era una tendenza prevalentemente settentrionale, con la Valle D’Aosta ad avere le percentuali più importanti. Oggi il Nord Italia resta leader nel numero, ma evidenzia cali importanti, mentre il Centro-Sud descrive una crescita esponenziale con il Lazio ad avere la media più elevata.

Nello specifico, a contribuire all’aumento di questo numero si è resa protagonista Roma, grazie ai tanti residenti nella Capitale. Il lungo tempo dedicato a queste tipologie di processo è da sempre una criticità per i tanti romani che hanno deciso di intraprendere questo percorso. Infatti, è molto frequente venire a conoscenza di esperienze di coppie che hanno avuto figli con un processo per divorzio ancora non terminato.

Complice la presenza di Città del Vaticano, i praticanti cattolici di Roma scelgono la via dell’annullamento alla Sacra Rota; purtroppo non è un percorso molto semplice sia in termini pratici che dal punto di vista economico. Infine, l’ultima tendenza importante è stata descritta dall’affrontare tale processo in un Paese estero. In Italia per completare un divorzio è necessario un iter di tre anni di separazione, mentre all’Estero esistono diversi Paesi dove quest’ultimo percorso non è previsto.

Ma è davvero questa la soluzione per velocizzare i termini? In realtà non è sempre così sicura, viste le barriere linguistiche e giurisdizioni differenti rispetti all’Italia. Proprio per questo motivo, alcuni Studi Legali di Roma hanno aumentato la loro esperienza in questo settore inserendo nel team dei professionisti di diritto di famiglia pronti a ridurre quanto possibile i tempi del divorzio.

Continuiamo il nostro articolo sulla riforma del divorzio breve  parlando di quello congiunto.

Quello congiunto: quali sono le sue caratteristiche?

Per Divorzio si intende il disfacimento del matrimonio civile e la conclusione degli effetti del matrimonio religioso. Si parla di slegatura del vincolo matrimoniale, quando si frappone in relazione al matrimonio civile; si parla di cessazione degli effetti civili del matrimonio, quando il divorzio interviene in relazione al matrimonio concordatario.

Per arrivare alla separazione una coppia deve rivolgersi al Tribunale competente per territorio. A seconda che i consorti siano in accordo o meno nello slegare il vincolo matrimoniale, il procedimento seguirà due processi differenti:

  • giudiziale (i consorti non sono d’accordo sulle condizioni)
  • congiunto (c'è accordo dei coniugi sulle condizioni)

Caratteristiche della Riforma

Riforma del divorzio breve

Al giorno d’oggi molto spesso capita che, per incomprensioni o per problemi di diversa natura, l’amore tra due persone finisce. Quando tra i due coniugi non va più come si desidera si opta per la fine del matrimonio e si decide di separarsi oppure di divorziare. Il divorzio può verificarsi attraverso due procedimenti ben distinti. Esiste infatti quello canonico, detto giudiziale; oltre ad esso è possibile velocizzare maggiormente le pratiche e optare così per il rito abbreviato detto divorzio congiunto.

Quando si ha la necessità di accelerare le pratiche di separazione, al fine di tutelare maggiormente i figli e i coniugi stessi, si opta per il divorzio congiunto: è ammissibile unicamente previa comune accordo scritto tra le due parti, che dovranno dare prova di aver già pattuito in merito alle eventuali divisioni patrimoniali e di aver già deciso in merito agli interessi e ai diritti personali di ciascuno dei due, al fine di evitare le pratiche della forma giudiziale. Non è solamente di veloce realizzazione, ma prevede dei costi decisamente minori rispetto a quello giudiziale.

In caso di divorzio congiunto, ci saranno tre giudici che dovranno ascoltare i due ex coniugi insieme e decidere se concederlo . È bene però sapere che può essere richiesto unicamente trascorsi tre anni di separazione legale che si calcolano partendo dall’incontro di separazione presso il Presidente del Tribunale di competenza.

Affinché il ricorso sia valido, secondo l’articolo 4 della legge numero 898 del 1970 e diversamente dalla separazione, è necessario esprimere in modo chiaro ed esplicito le condizioni di entrambi i coniugi in merito ai figli e al patrimonio, anche in base ai rapporti economici instaurati tra i due. Sarà poi il Tribunale a decidere sul da farsi e a verificare che le condizioni dichiarate non vadano contro gli interessi della prole.

Qualche cenno su quello giudiziale

Nel momento in cui si parla di divorziare dal punto di vista giudiziale il procedimento è sempre più complesso e articolato. Nel caso di ricorso per il divorzio congiunto non è imposta la presenza dell’avvocato, mentre il ricorso per il giudiziale può essere mostrato anche da un solo coniuge.

Gli interventi per "forzare" il pagamento

In caso di inadempimento il coniuge creditore può dunque ricorrere alle azioni esecutive per il recupero credito. Il coniuge beneficiario, può querelare l’ex consorte che rischia di essere punito con la reclusione e con il pagamento di una multa. Nel momento in cui l'obbligato non versi il contributo, è possibile agire nei confronti di terzi che sono suoi debitore. I terzi sono obbligati a versare le somme di denaro dovute al coniuge beneficiario.

L’ex coniuge può ricorrere in appello invece contro la sentenza di divorzio. In questa situazione la sentenza è presa nuovamente in esame dal giudice di secondo grado.
L'assegno per il mantenimento dei figli

separazione

Per alimenti si intendono le prestazioni di sostegno dovute alla persona che si trovi in stato di bisogno economico (sono tra gli obblighi di solidarietà familiare secondo l’art. 433 del codice civile). Sono tenuti a quest’obbligo:

  • il coniuge
  • i genitori
  • i generi e le nuore
  • i suoceri

Il dovere di fornire gli alimenti nasce per il soggetto che è nel grado di parentela più vicino. Agli alimenti è tenuto anche il donatario, così come sono anche dovuti dal coniuge cui sia imputabile la nullità del matrimonio in favore dell'altro coniuge. L’abitazione nella casa familiare tocca al genitore cui sono affidati i figli (il giudice valuta le condizioni economiche dei coniugi per tutelare il più debole).

Solitamente è il padre il soggetto fornitore dell’assegno per il loro mantenimento (la madre è obbligata soltanto nel 2% circa dei casi). Nel momento in cui si parli di separazioni con presenza di figli affidati al padre, la percentuale di madri che devono versare il contributo economico sale in maniera considerevole.

Storia di questo istituto in Italia

escape 2686086 640

Fu nel 1965 iniziava la mobilitazione del Partito Radicale per sensibilizzare l'opinione pubblica su questo tema. Nel 1970 il divorzio veniva inserito nell'ordinamento giuridico italiano con la legge n. 898.

Gli italiani furono poi chiamati il 12 maggio 1974 a decidere se abrogare la legge Fortuna-Baslini: parteciparono al voto l'87,7% degli aventi diritto, votarono no il 59,3%, mentre i sì furono il 40,7% . Da sottolineare che comunque la normativa venne più volte ritoccata; si ridussero i tempi necessari per giungere alla sentenza e si diede al giudice la facoltà di pronunciare una sentenza parziale.

Il Tribunale deve dunque controllare l’esistenza di alcune condizioni:

  • è riconosciuta la fine della comunione materiale e della comunione spirituale tra i coniugi
  • sia stata approvata la separazione consensuale e la separazione giudiziale e siano trascorsi almeno tre anni dall'udienza presidenziale
  • uno dei coniugi non sia stato condannato a qualsiasi pena detentiva

Il Tribunale può emettere una pronuncia solo per la cessazione degli effetti civili (quelli religiosi possono venire meno soltanto con la dichiarazione di nullità del sacramento del matrimonio). La sentenza di divorzio produce i seguenti effetti personali: mutamento dello stato civile dei coniugi e perdita del cognome del marito da parte della moglie.

Occorre pagare un assegno periodico per il mantenimento del coniuge che sia privo di redditi adeguati (con conseguente perdita dei diritti successori. L’assegno di mantenimento e la sua quantificazione è specificata in relazione alle circostanze ed ai redditi dell’obbligato. Presupposti per il diritto al mantenimento sono la non titolarità di redditi propri e la sussistenza di una disparità economica tra le parti.

Tra le molte novità proposte qualche anno fa dal governo tecnico Monti, una in particolare aveva suscitato la reazione benevola di una categoria spesso dimenticata di cittadini italiani: i divorziati o in attesa di divorzio. La riforma sul divorzio breve non è stata esattamente una novità dell'esecutivo Monti.

Alcuni emendamenti sono stati presentati negli anni scorsi nel tentativo di modificare il codice civile in materia di disciplina del diritto di famiglia. 

In tema di divorzio, che sia esso breve o lungo, i parlamentari italiani hanno sempre formato schieramenti trasversali rispetto alle varie bandiere di partito, proprio perché il tema solleva problemi di natura etica e morale. Per questa stessa ragione, non si è mai riuscito a trovare un punto d’accordo sulla materia e i cittadini direttamente interessati dal problema hanno continuato a doversela vedere con le lunghe attese della giustizia.

Gli aspetti che sono stati regolati dalla riforma

divorce 619195 1920

Alcune proposte di modifica in questi anni riguardanti la riforma sul divorzio breve si riassumevano soprattutto in due articoli. Il primo si occupa della riduzione dei tempi di attesa per la concessione del divorzio (consensuale) che si allineano ai parametri europei: dai tre anni si passa ad un solo anno di attesa nel caso in cui la coppia non abbia figli o se essi abbiano già compiuto la maggiore età.

Nel caso in cui i figli siano ancora minori, i tempi possono essere più dilatati e le procedure possono durare fino ad un massimo di due anni, per far si che il cambiamento dello status della famiglia non sia repentino e non danneggi psicologicamente i minori.

Il secondo articolo riguarda gli effetti patrimoniali del divorzio. Il problema della gestione del patrimonio in regime di comunione dei beni rimane insoluto fin quando la coppia non ottiene formalmente il divorzio. Dato che possono passare anni e che nel frattempo i coniugi potrebbero anche non vivere più sotto lo stesso tetto (come abitualmente accade), rimanere impigliati nelle maglie della burocrazia economica per ogni tipo di spesa da effettuare, diventa uno stillicidio per entrambi gli ex-coniugi.

La riforma, come si vedrá successivamente, è andata a regolare proprio questi aspetti, affermando, tra l'altro, che la comunione dei beni viene sciolta quando il giudice autorizza i coniugi a vivere separati, il che potrebbe anche non coincidere con la separazione formale.

Novitá 2021 sulla riforma sul divorzio breve

1separazione divorzio moglie mantenimento marito 360x240

Finalmente, dopo tanta attesa e vicissitudini, la legge sul divorzio breve è divenuta realtá qualche anno fa, grazie al Governo Renzi e al Parlamento italiano, che ha approvato il testo di legge nell'Aprile 2015 ed è entrato in vigore nel Maggio dello stesso anno. Cosí, con la Legge 55/2015, la riforma sul divorzio breve è entrata a far parte anche dell'ordinamento normativo italiano. Come giá accennato, le nuove norme sono andate a modificare la vecchia legge 898/1970, meglio conosciuta come legge sul divorzio.

I tempi di quest'ultima sono stati nettamente ridimensionati per quanto riguarda la separazione, giudiziale o consensuale che sia, con importanti interventi anche in tema di scioglimento della comunione dei beni tra coniugi. Di conseguenza, relativamente ai tempi per la separazione tra questi bastano da 6 a 12 mesi (a seconda dei casi) e si evidenzia inoltre anche una notevole semplificazione di alcuni passaggi burocratici, fondamentale per la riduzione di controversie che, per le loro lungaggini, avrebbero creato possibili ulteriori attriti tra le parti.

Successivamente all'approvazione della riforma sul divorzio breve del 2015, si è assistito ad una vera e propria impennata di divorzi e separazioni tra coniugi. Per i primi, tale andamento, tuttavia, ha visto un netto calo nel 2019, attestati a circa 85.000, con una diminuzione di quasi il 14% in confronto al 2016, anno di massimo picco al momento. Per quanto riguarda invece le separazioni, queste sono rimaste all'incirca stabili, attestati a poco meno di 100.000 annuali. 

Nel 2020, a causa dell'arrivo della pandemia da Covid-19 e la convivenza forzata dovuta al lockdown, divorzi e separazioni hanno registrato ulteriori difficoltá. Infatti le separazioni hanno visto un incremento del 60% rispetto all'anno precedente. Riguardo a tale andamento, al Nord Italia esso ha coinvolto il doppio delle persone rispetto al Sud del Paese. Sono state invece circa 10.000 le coppie che hanno atteso almeno un giudizio provvisorio, a causa della chiusura dei tribunali.

Situazione ben diversa, invece, è accaduta dal punto di vista dei costi da sostenere per i coniugi che vogliano divorziare o separarsi. Difatti, con la riforma sul divorzio breve e quindi la legge relativa, le tariffe degli avvocati hanno registrato una discreta diminuzione. Questo in conseguenza anche della possibilitá per una coppia di divorziare attraverso una procedura in Comune, senza la necessitá della presenza di avvocati. Infatti, l'omologazione della separazione presso l'ente locale viene a costare intorno ai 30 Euro.


Potrebbe interessarti

Referendum Nucleare: ecco un approfondimento completo

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Presidenti della Repubblica Italiana: ecco l'elenco completo

immagine presidenti della repubblica italiana

La Repubblica Italiana ha avuto, al 2020, 12 Presidenti della Repubblica Italiana.

Fivet in Italia: le ultime novità sulla limitazione degli embrioni

In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

AltroConsumo Finanza: scopri che cos'è con un approfondimento sul caso

immagine per AltroConsumo Finanza

Il servizio di consulenza che viene messo a disposizione daAltroConsumo Finanzaconsente a chiunque ne usufruisca di investire in condizioni di massima sicurezza e senza rischi.

8 per mille: elenco dei beneficiari e criteri di inclusione

8 per mille: elenco

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'8 per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi anche...

Qual è il CCNL migliore: scopriamo che cosa sono e quali sono i migliori

ccnl

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) rappresenta il frutto delle trattative intercorse tra le associazioni dei datori dilavoro e i sindacati, con l’obiettivo di stabilire i contenuti fondamentali dei contratti di lavoro, toccando l’aspetto economico, come la retribuzione e l’aspetto normativo, come le mansioni, gli orari di lavoro e le qualifiche. Si tratta quindi di un documento fondamentale non solo perché regola il rapporto lavorativo, ma soprattutto in quanto rappresenta l’unione degli interessi di ambo le parti firmanti.

Leggi anche...

Patteggiamento della pena: quando e come avviene questo evento?

Il patteggiamento è dunqueil procedimento caratterizzato dalla richiesta rivolta al Giudice dall'imputato di una sanzione sostitutiva diminuita fino a un terzo.

Go to Top