Il passaporto ordinario è un documento che consente l’opportunità di viaggiare soggiornando in tutti gli Stati riconosciuti dalla Repubblica Italiana: il rilascio del passaporto a Milano è consentito a tutti i cittadini italiani ed è, in Italia, una procedura di competenza delle questure.

Chi effettua il rilascio del passaporto

I cittadini che, per i più diversi motivi, vivono all’estero, possono invece richiedere il rilascio del passaporto alle strutture della diplomazia del proprio Paese (quindi ad ambasciate e a consolati).

Il passaporto ordinariamente in stato di rilascio è dal 20 maggio 2010 diverso dal vecchio, semplice libretto cartaceo: il nuovo passaporto (detto “passaporto elettronico”) consiste in un libretto di 48 pagine a modello unificato nel quale è stato inserito un microchip elettronico.

Tale microchip, posto in copertina, contiene tutte le varie informazioni che riguardano i dati anagrafici, la fotografia modello tessera e le impronte digitali del titolare.

Visa Waiser Program nella questura Milanese

Anche la Questura di Milano emette, attraverso i sui uffici, il rilascio del passaporto elettronico. Il microprocessore di cui il nuovo passaporto è dotato permette l’immediata certificazione dei dati già registrati elettronicamente, quali sono per esempio le informazioni anagrafiche (e la fotografia) del titolare, oltre a specificare l’Autorità competente che ha rilasciato il passaporto.

Tali notifiche si rivelano necessarie a tutti quei cittadini che volessero entrare negli Stati Uniti senza visto. Bisogna inoltre considerare, a proposito, che il rilascio del nuovo passaporto elettronico continuerà a consentire il beneficio dell’esenzione visto a uso dei cittadini italiani, grazie al Visa Waiver Program.

Tasse da pagare per il passaporto

Il passaporto elettronico ha un costo specifico, fissato da un decreto ministeriale, pari a 42,50 euro da versare tramite conto corrente postale da intestare al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro, ponendo come causale la dicitura “importo per il rilascio del passaporto elettronico”.

Specifichiamo, tuttavia, che la cifra cui si è fatto riferimento non comprende l’annuale tassa di concessione del Governo, che è rimasta la medesima. Il conto corrente postale del Ministero ha il seguente numero: 67422808.

Commissariati a Milano

Ottenere il rilascio del passaporto elettronico a Milano è facile. Basta collegarsi al sito della Questura di Milano per trovare le pagine web di collegamento ai vari Commissariati. Da qui è possibile ricavare gli orari d’apertura e gli indirizzi utili che ci consentiranno di facilitare la presentazione della domanda di rilascio del passaporto.

A Milano gli uffici dediti a questo compito solitamente sono tutti aperti dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 a 12:30. Il sabato tale orario presenta una leggera flessione (9:00 – 12:00).

Rinnovo del passaporto

Per effettuare il rinnovo del passaporto occorre compilare l’apposito modulo. La documentazione deve avere:

  • il contrassegno telematico per passaporto;
  • la firma di entrambi i coniugi nel caso in cui il richiedente sia minore;
  • il passaporto in scadenza;
  • l’autorizzazione del giudice tutelare se il richiedente è:
    • genitore separato con figlio/i minore/i; (vedi la scheda sulla separazione dei coniugi)
    • genitore naturale con figlio/i minore/i riconosciuto/i solo dal genitore naturale; (vedi scheda sui figli naturali)
    • genitore divorziato con figlio/i minore/i senza che vi sia stato l’assenso dell’altro genitore (vedi scheda sul divorzio).

Il rinnovo può essere richiesto presso i medesimi uffici competenti per il rilascio e cioè:

  • la Questura;
  • l’ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza;
  • la stazione dei Carabinieri;
  • l’ufficio postale;
  • l’ufficio comunale.

Se il passaporto da rinnovare è stato smarrito o è stato oggetto di furto occorre allegare alla documentazione la copia della denuncia di smarrimento o di furto che sia stata rilasciata alla competente autorità di Pubblica Sicurezza (es. carabinieri).

Il rinnovo deve essere richiesto al massimo entro sei mesi seguenti alla scadenza, ma è opportuno, per i motivi già segnalati, richiederlo con un anticipo di sei mesi antecedenti alla scadenza. Se il rinnovo è richiesto oltre i sei mesi dalla scadenza, esso è respinto ed occorre richiedere il rilascio di un nuovo passaporto.

E’ in ogni caso necessario richiedere il rilascio di un nuovo passaporto dopo dieci anni dalla data del primo rilascio.

Quanto costa

Per richiedere e ottenere il passaporto bisogna sostenere i seguenti costi:

  • contributo amministrativo di euro 73,50 (introdotto dal DL 66/2014, convertito con Legge n. 89/2014);
  • il costo del libretto che verrà stabilito in apposito decreto del Ministro dell'economia e delle finanze (attualmente di 44,66 euro per il libretto a 32 pagine e di 45,62 euro per quello a 48 pagine).




Potrebbe interessarti

Privacy Twitter: ecco come funziona davvero

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Leggi tutto...

Cos'è e cosa fa la medicina legale?

La medicina legale è un ramo della medicina che si congiunge al diritto, ed è nata per conoscere e applicare le conoscenze mediche al diritto.

Leggi tutto...

Area edificabile: ecco le caratteristiche estrinseche

Le caratteristiche che rendono un'area edificabile sono di tre tipi: estrinseche, intrinseche e giuridiche.

Leggi tutto...

Diritto di difesa: come usufruirne

Analizziamo oggi in questo articolo un concetto molto importante per la persona. Il Diritto di difesa è infatti uno dei principali diritti riconosciuti all'imputato nell’ambito del diritto processuale penale. Il diritto di difesa è tecnico e sostanziale. Si ha la prima accezione nel momento in cui si ha il diritto e dovere di avere un difensore che guida la parte nel processo tramite consigli tecnici; la seconda con la titolarità dell'imputato stesso che sceglie la tesi sulla quale dibattere la propria posizione.

Leggi tutto...

La legge sulla banda larga in Italia

Qualcosa si muove nel settore della rete a banda larga in Italia. Infatti, in quella che possiamo considerare l'agenda del digitale in Italia, veniamo a sapere dal Sole 24 ore che è tonata alla ribalta il cosiddetto piano di sviluppo in materia.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono?

Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Leggi tutto...

La mediazione commerciale: di cosa si tratta?

Il diritto commerciale è un ramo del diritto privato che regola le attività imprenditoriali; è anche definito come diritto privato delle imprese. Il diritto commerciale è una materia molto vasta e articolata; questa guida vi aiuterà a saperne di più.

Leggi tutto...

Il ricorso cartelle di equitalia e l’annullamento del debito: come fare?

 

Equitalia S.p.A. è una società italiana a totale controllo pubblico, incaricata della riscossione dei tributi su tutto il territorio, ad eccezione della Sicilia. È partecipata al 51% dall'Agenzia delle Entrate, ed al 49% dall'INPS.

Leggi tutto...

Modello F23 editabile, cos’è e quando si deve utilizzare

Rispetto ad altri Paesi europei, in Italia purtroppo si è costretti a pagare annualmente diverse tipologie di tasse. Per rendere meno complicato e pesante il loro pagamento, almeno dal punto di vista pratico, negli ultimi anni l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti, sul proprio sito internet, alcuni utili strumenti che permettono di poter compilare e stampare dei moduli, utilizzabili appunto per il versamento di alcune imposte.

Leggi tutto...

Credit Spread, una misura per il rischio di credito

Ogni ambito del diritto predispone di determinate leggi, regole da seguire; anche il diritto commerciale, infatti si muove su dinamiche di trasformazione, mutazione e cambiamento che hanno alla base strutture bene precise.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Società cooperativa europea: quali sono le sue caratteristiche?

Secondo quanto riportato dal codice civile italiano, si viene a determinare una società cooperativa quando tre o più soci vogliano gestire in comune un'impresa, che abbia come scopo principale quello di fornire ai soci stessi una serie di beni o servizi che hanno determinato la nascita della stessa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos’è e quando si applica il sequestro probatorio?

Facciamo chiarezza su uno degli argomenti di cui più si discute in Italia in questo ultimo periodo. Il codice di procedura penale comprende tra i mezzi di ricerca della prova il sequestro probatorio (uno strumento utilizzato per lo più da Pubblici Ministeri e Polizia Giudiziaria). Il sequestro probatorio è collegato alla perquisizione (rappresentando in pratica una sua conseguenza).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cartella esattoriale Equitalia: scopri come fare per la cancellazione dell'ipoteca!

Aprendo la cassetta della posta, possiamo rischiare l'infarto trovandoci di fronte una cartella esattoriale Equitalia. Riprendiamo il fiato, perchè a quanto pare, una cartella inviata per posta può considerarsi tranquillamente nulla: infatti la Sent. CTP di Milano, 75/26/11 della Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha stabilito la nullità di una cartella Equitalia inviata per posta raccomandata, in quanto tali atti devono essere notificati da figure giuridicamente preposte a tale incarico.

Leggi tutto...
Go to Top