Il Decreto fiscale 146/2021 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 252 del 21 ottobre 2021. E riporta novità riguardo la rottamazione delle cartelle esattoriali per il periodo 2021/2022. La notizia di maggior interesse riguarda le scadenze, il differimento delle date e gli aventi diritto.

Cosa prevede il decreto rottamazione delle cartelle esattoriali

Il decreto prevede, innanzitutto, la riammissione dei contribuenti che erano decaduti nei termini dai provvedimenti precedenti identificati con “Rottamazione – Ter” e “Saldo e Stralcio”. Vale a dire che sono riammessi alle agevolazioni e alla rottamazione delle cartelle esattoriali , i contribuenti che avevano mancato il pagamento delle rate originariamente previste nel 2020 in base a quanto disposto dalla legge di conversione del Decreto n. 106/2021 – nota come “Sostegni-Bis” – le cui scadenze previste erano entro il 31 luglio, 31 agosto, 30 settembre e 31 ottobre 2021.

Pertanto, il provvedimento dispone che tutte le rate del 2020 per la rottamazione delle cartelle esattoriali e il saldo e stralcio devono essere corrisposte entro il 30 novembre 2021. Sempre entro la stessa data – al fine di non perdere i benefici e le agevolazioni – occorre versare le rate del piano di rateazione previste in scadenza per l’anno 2021.

Proroga di 150 giorni dalla notifica di pagamento

L’articolo 2 del decreto 146/2021 stabilisce il prolungamento a 150 giorni – invece di 60 giorni - dalla notifica di ingiunzione di pagamento per l’adempimento spontaneo e senza more delle cartelle di pagamento. Ciò vale per le cartelle che saranno notificate a partire dal 1° settembre fino al 31 dicembre 2021. Oltre a concedere un termine extra di 3 mesi per il versamento e il risanamento del debito verso il Fisco e di quanto dovuto, non si applicheranno more entro questo termine e l’agente di riscossione non potrà intervenire per il recupero del debito prima dello scadere dei termini di 150 giorni.

Le nuove scadenze e il piano di dilazione

rottamazione delle cartelle esattoriali

Conseguentemente all’emergenza pandemica da Covid-19, i piani di rateizzazione per le attività di riscossione delle cartelle erano stati sospesi a partire dall’8 marzo 2020. Per coloro che hanno avuto il piano di rateizzazione sospeso, è prevista l’estensione del numero delle rate da 10 a 18 in caso di mancati pagamenti. Per i residenti nella cosiddetta “zona rossa” la sospensione decorreva già dal 2 febbraio 2020. E pertanto i termini di decadenza della dilazione sono già scaduti.

Pertanto per andare incontro agli interessati e per far valere la nuova agevolazione, sono stati prorogati i termini di rateizzazione dal 30 settembre al 31 ottobre 2021. La decadenza occorre in caso di mancato pagamento di 10 rate.

Per il piano di rateizzazione a partire dal 1° gennaio 2022, la decadenza subentra dopo il mancato versamento di 5 rate, così come era originariamente stabilito.

L’agenzia delle Entrate con circolare n 11/E riporta uno schema riepilogativo delle scadenze relative al solo stralcio:

  • 20 agosto 2021: trasmissione elenco dei codici fiscali dei soggetti ammissibili allo Stralcio;
  • 30 settembre 2021: segnalazione dei codici fiscali che restano fuori per superamento del requisito reddituale;
  • 31 ottobre 2021 l’agente della riscossione procede con l’annullamento automatico dei debiti;
  • 15 novembre 2021 l’agente della riscossione presenta al Ministero dell’economia e delle finanze la richiesta di rimborso delle spese di notifica della rottamazione delle cartelle esattoriali;
  • 30 novembre 2021 l’agente esattore segnala l’elenco delle quote di debito annullate agli enti creditori;
  • 31 dicembre 2021 versamento della prima rata del rimborso delle spese di notifica;
  • Entro il 30 giugno 2022 versamento della seconda rata del rimborso delle spese di notifica.

Speriamo di avervi chiarito la questione della rottamazione delle cartelle esattoriali.

 


Potrebbe interessarti

Supporto psicologico da casa? Basta una connessione internet

psicologo.jpg

L'equilibrio mentale è una parte fondamentale del benessere di una persona, sia nell’individualità che nella sfera sociale. Le patologie più frequenti nella società moderna sono la depressione, la schizofrenia, le sindromi nevrotiche e somatoformi. In piena emergenza Coronavirus, sono aumentate le problematiche legate ad un mancato benessere mentale, a causa della quarantena, dell’isolamento e dei cambiamenti improvvisi che hanno radicalmente stravolto la vita di ognuno di noi. 

Significato di Oblazione: cos'è esattamente? Quando è usata?

Significato di Oblazione

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Le normative in merito alle piattaforme elevatrici per disabili

piattaforme-elevatrici-per-disabili.jpg

Uno dei temi sociali più importanti al giorno d’oggi è abbattere tutte quelle barriere e i pregiudizi nei confronti di chi è nato con una disabilità

Punti di invalidità: un approfondimento completo su come farne richiesta

punti invalidità

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

I più condivisi

Tasse per le slot machine: ecco cosa cambia con gli ultimi provvedimenti

Tasse per le slot machine

Per alcune persone rappresentano dei semplici passatempi con cui divertirsi sporadicamente, da altre invece sono considerate come l'origine di problemi di varia natura, mentre per lo Stato sono una fonte di entrate annue costanti, le slot machines hanno visto nel corso degli ultimi anni una considerevole diffusione sul territorio, anche grazie all'apertura di locali appositi in diverse città e paesi. Tuttavia, attorno a queste macchinette, spesso, sono sorte anche molte polemiche.

Capacità contributiva: scopri gli indici e altre informazioni

Immagine per capacità contributiva

Nell'ambito del diritto tributario italiano, uno dei principi fondamentali vigenti in Italia, relativamente alla cosiddetta capacità contributiva, è sancito dall'art. 53 della Costituzione. Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Scadenza della cambiale: come comportarsi?

Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Leggi anche...

Consulenti del Lavoro a Bologna: scopriamo a chi rivolgersi?

immagine per Consulenti del Lavoro a Bologna

Di seguito riportiamo una serie di consigli utili alla gestione dei contatti con alcuni degli studi di consulenti del lavoro di Bologna. Possono iscriversi al registro dei praticanti solo coloro in possesso di laurea triennale o specialistica conseguita in Giurisprudenza, Economia e Scienze Politiche. Altre lauree triennali non consentono l'iscrizione al registro dei praticanti.

Leggi anche...

Notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Immagine riferita all'articolo La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Go to Top