Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Informazioni sulla cambiale

Come abbiamo visto, le caratteristiche più importanti di una cambiale sono la data di scadenza e la somma indicata. Esistono due forme di cambiale: quella tratta e il vaglia cambiario, ovvero il classico “pagherò”.

In ogni caso, su questo documento va riportata la denominazione, l'ordine incondizionato di pagamento di una determinata cifra, i dati anagrafici completi del soggetto designato al pagamento, i dati del beneficiario, luogo e data di emissione della stessa, luogo e data di scadenza della cambiale

Quando scade una cambiale?

Quando viene emessa, esistono diverse modalità di scadenza valide. Innanzitutto, la cambiale può essere pagabile a vista, ovvero al momento della sua presentazione, entro un anno dalla data di emissione.
Un'altra possibile scadenza è prevista nel caso di cambiale a certo tempo vista: in questo caso, il termine è indicato a partire dalla data di accettazione o comunque da quella del protesto.

Le cambiale a tempo

Nel caso di pagherò a certo tempo data, la scadenza è indicata in un periodo a partire dalla data di emissione: è il caso del pagherò tra 90 giorni, tanto per avere un'idea.
L'ultima possibilità è la cambiale a giorno fisso, in cui la data di scadenza è chiaramente indicata nel titolo di credito stesso.

È comunque possibile che quanto indicato come scadenza in questi casi generici, non sia applicabile ad un caso specifico: questo perchè è possibile riportare fra le clausole la possibilità di adottare delle diverse specifiche patteggiate dal soggetto trattatario e dal beneficiario della cambiale.

Cosa succede se scade?

Se la cambiale non viene pagata entro i termini di scadenza, sono previsti i seguenti provvedimenti:
• l'esecuzione forzata sul patrimonio del debitore;
• il procedimento ingiuntivo, se la stessa non può esser fatta valere come titolo esecutivo;
• l'ordinario giudizio di cognizione, se entrambi i casi precedenti non possono essere fatti valere.

Nel momento in cui viene redatta una cambiale fra due soggetti (propriamente detti "traente" e "trattario"), assume carattere di fondamentale importanza la data di scadenza della stessa: questo è infatti il termine ultimo che va considerato per effettuare il pagamento da parte del soggetto in debito.

Una premessa fondamentale è quella che in caso non vi siano indicate date di scadenza, la cambiale viene considerata pagabile "a vista". Ma vediamo quali sono le varie modalità in cui può presentarsi una cambiale, e i vari tipi di scadenza ad essa associabili:

  • a giorno fisso (come si deduce, la data è indicata perfettamente nella cambiale;
  • a certo tempo data (viene indicato un periodo a decorrere dalla data di emissioni, come per esempio "pagherò tra 50 giorni");
  • a vista: in questo caso la cambiale va pagata entro un anno dalla data di emissione, in qualsiasi momento essa venga presentata. Il soggetto traente può decidere se allungare o accorciare il termine di un anno, mentre i cosiddetti giranti possono solo abbreviarlo;
  • a certo tempo vista: il termine indicato nella cambiale è considerato a partire dalla data di accettazione o da quella del protesto in caso questa non sia indicata;

tutti gli altri tipi di scadenza non sono ritenuti validi.

Se la cambiale ha scadenza a tot mesi, e supponiamo sia stata redatta il 10, essa scadrà nel corrispondente 10 del mese indicato come scadenza. In mancanza del giorno di corrisopondenza, la scadenza della cambiale è prevista per l'ultimo giorno del mese.

Può accadere che una cambiale sia generata fra due soggetti con diverso calendario: in questo caso la data di scadenza è quella del calendario del luogo di pagamento a meno che non sia stabilito diversamente all'interno della cambiale stessa.



Potrebbe interessarti

Come disdire l'abbonamento Sky grazie al decreto Bersani

In materia di liberalizzazioni, uno dei capisaldi degli ultimi anni è senza dubbio il decreto bersani, convertito in Legge Bersani n. 248 del 4 agosto 2006. La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Referendum Nucleare: ecco un approfondimento completo

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Successione senza testamento: chi sono gli eredi?

Il diritto ereditario è un insieme piuttosto complesso di norme che hanno come obiettivo la regolarizzazione di tutte le vicende riguardanti il patrimonio di una persona in seguito alla sua morte e quindi per il periodo successivo alla stessa, in particolare per la definizione dei nuovi titolari del suddetto patrimonio.
In questo caso il diritto ereditario si occupa di tutti quei rapporti che sono trasmissibili e che quindi permangono alla morte del soggetto, definiti come diritti patrimoniali assoluti.

Principio di colpevolezza: ecco tutto quello che c'è da sapere

Principio di colpevolezza

Il principio di colpevolezza delimita ciò che è illecito sotto il profilo penale e determina la pena da applicare. Il codice penale italiano non usa il termine colpevolezza, ma il nostro ordinamento giuridico lo considera uno dei principi fondamentali della responsabilità penale.

Registro delle opposizioni: iscrizione per il tuo numero

1imposte

Per tutelare la privacy e gli interessi commerciali dei cittadini, è nato un nuovo servizio, il Registro Pubblico delle Opposizioni. Si tratta di un servizio rivolto ai cittadini il cui numero telefonico è presente nei vari elenchi telefonici pubblici, i quali non desiderano più ricevere telefonate indesiderate collegate a ricerche di mercato o per scopi commerciali.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Quattordicesima mensilità: scopri come funziona e come calcolarla

immagine per quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

Imposte: proporzionali, progressive, regressive

La tipologia di imposta che ogni Stato decide di immettere in relazione alla ricchezza dei propri cittadini, può essere distinta in imposta fissa, imposta proporzionaleimposta progressiva regressiva.

Buoni ordinari del tesoro: come funzionano realmente?

buoni ordinari del tesoro

I BOT, ovvero i buoni ordinari del tesoro, sono dei titoli a breve scadenza emessi dallo stato, da molti considerati come titoli con un rischio pari allo zero. Sono un titolo senza cedola, della durata massima di 12 mesi, che vengono emessi dallo Stato Italiano per finanziare il debito pubblico.

Leggi anche...

Cos'è il fatturato: diamo un'occhiata ai termini tecnici

Nell'ambito del diritto tributario, si parla di fatturato intendendo la somma delle vendite unita a quella dei ricavi di un'azienda; a questo si deve aggiungere la prestazione dei servizi di varia natura e tutta una serie di ricavi e proventi ordinari legati alla vita aziendale.

Leggi anche...

Pignoramento mobiliare: sai come funziona nel dettaglio?

Pignoramento mobiliare

Per pignoramento mobiliare si intende in diritto l'atto attraverso il quale ha inizio l'espropriazione forzata, ai sensi dell'art. 491 del codice di procedura civile.

Go to Top