Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Informazioni sulla cambiale

Come abbiamo visto, le caratteristiche più importanti di una cambiale sono la data di scadenza e la somma indicata. Esistono due forme di cambiale: quella tratta e il vaglia cambiario, ovvero il classico “pagherò”.

In ogni caso, su questo documento va riportata la denominazione, l'ordine incondizionato di pagamento di una determinata cifra, i dati anagrafici completi del soggetto designato al pagamento, i dati del beneficiario, luogo e data di emissione della stessa, luogo e data di scadenza della cambiale

Quando scade una cambiale?

Quando viene emessa, esistono diverse modalità di scadenza valide. Innanzitutto, la cambiale può essere pagabile a vista, ovvero al momento della sua presentazione, entro un anno dalla data di emissione.
Un'altra possibile scadenza è prevista nel caso di cambiale a certo tempo vista: in questo caso, il termine è indicato a partire dalla data di accettazione o comunque da quella del protesto.

Le cambiale a tempo

Nel caso di pagherò a certo tempo data, la scadenza è indicata in un periodo a partire dalla data di emissione: è il caso del pagherò tra 90 giorni, tanto per avere un'idea.
L'ultima possibilità è la cambiale a giorno fisso, in cui la data di scadenza è chiaramente indicata nel titolo di credito stesso.

È comunque possibile che quanto indicato come scadenza in questi casi generici, non sia applicabile ad un caso specifico: questo perchè è possibile riportare fra le clausole la possibilità di adottare delle diverse specifiche patteggiate dal soggetto trattatario e dal beneficiario della cambiale.

Cosa succede se scade?

Se la cambiale non viene pagata entro i termini di scadenza, sono previsti i seguenti provvedimenti:
• l'esecuzione forzata sul patrimonio del debitore;
• il procedimento ingiuntivo, se la stessa non può esser fatta valere come titolo esecutivo;
• l'ordinario giudizio di cognizione, se entrambi i casi precedenti non possono essere fatti valere.

Nel momento in cui viene redatta una cambiale fra due soggetti (propriamente detti "traente" e "trattario"), assume carattere di fondamentale importanza la data di scadenza della stessa: questo è infatti il termine ultimo che va considerato per effettuare il pagamento da parte del soggetto in debito.

Una premessa fondamentale è quella che in caso non vi siano indicate date di scadenza, la cambiale viene considerata pagabile "a vista". Ma vediamo quali sono le varie modalità in cui può presentarsi una cambiale, e i vari tipi di scadenza ad essa associabili:

  • a giorno fisso (come si deduce, la data è indicata perfettamente nella cambiale;
  • a certo tempo data (viene indicato un periodo a decorrere dalla data di emissioni, come per esempio "pagherò tra 50 giorni");
  • a vista: in questo caso la cambiale va pagata entro un anno dalla data di emissione, in qualsiasi momento essa venga presentata. Il soggetto traente può decidere se allungare o accorciare il termine di un anno, mentre i cosiddetti giranti possono solo abbreviarlo;
  • a certo tempo vista: il termine indicato nella cambiale è considerato a partire dalla data di accettazione o da quella del protesto in caso questa non sia indicata;

tutti gli altri tipi di scadenza non sono ritenuti validi.

Se la cambiale ha scadenza a tot mesi, e supponiamo sia stata redatta il 10, essa scadrà nel corrispondente 10 del mese indicato come scadenza. In mancanza del giorno di corrisopondenza, la scadenza della cambiale è prevista per l'ultimo giorno del mese.

Può accadere che una cambiale sia generata fra due soggetti con diverso calendario: in questo caso la data di scadenza è quella del calendario del luogo di pagamento a meno che non sia stabilito diversamente all'interno della cambiale stessa.





Potrebbe interessarti

Bambini immigrati in mensa: cosa prevede la legge

L’Italia è un paese che vanta da sempre grandi capacità di accoglienza sia in termini di solidarietà che di efficienza ricettiva, così come è noto che l’Italia è un paese crocevia del Mediterraneo, paese di transito, di emigrazione e di immigrazione

Leggi tutto...

Affidamento congiunto: come regolarsi?

Non sempre l'unione di due coniugi va a buon fine. Spesso per incomprensioni o altro si decide di separarsi e divorziare e di non condividere più insieme la vita di coppia e l'educazione dei propri figli; a pagare maggiormente per la fine di un matrimonio sono infatti proprio i figli della coppia.

Leggi tutto...

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Leggi tutto...

Domanda di rinnovo del passaporto: come e dove

In un momento storico in cui viaggiare all’estero è diventato pratica comune per motivi lavorativi e di piacere, avere un passaporto valido è lo strumento essenziale per raggiungere quelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea che lo riconoscano, senza bisogno di richiedere un visto per arrivare a destinazione.

Leggi tutto...

Diritto allo sciopero: quando si esercita?

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il calcolo della quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

Leggi tutto...

Accisa: cos'è e come si calcola

 

Da quando è stata costituita l’UE, l’Unione Europea, ogni stato che fa parte dei membri ha scelto di applicare delle imposte riguardanti la fabbricazione di alcuni prodotti che hanno un vasto consumo.

Leggi tutto...

8 x 1000: la lista dei beneficiari

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'otto per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi tutto...

Il cuneo fiscale: ecco perché ti riguarda da vicino?

Molti economisti sono fermamente convinti che sia impossibile determinare una quantità di cuneo fiscale ideale, perché in ogni paese la sua cifra varia in base al bilancio statale, alla sua condizione economico-contabile ecc. 

Leggi tutto...

Le imposte indirette nel diritto tributario

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Contratto a tempo Indeterminato

Un contratto è un istituto giuridico che vincola una o più parti tra di loro. Nonostante la nozione non è definita allo stesso modo in tutti gli ordinamenti giuridici; c'è però un elemento comune in tutte le definizioni: l'accordo tra due o più soggetti (le parti del contratto) per produrre effetti giuridici (ossia costituire, modificare o estinguere rapporti giuridici), quindi un atto giuridico e, più precisamente, un negozio giuridico bilaterale o plurilaterale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La prescrizione per le multe: vediamo come funziona

Quando va in prescrizione una multa? E' necessario chiarire questo aspetto in quanto bisogna fare attenzione alle varie norme del codice della strada che nel corso degli anni possono aver ingenerato confusione negli utenti della strada. I termini di prescrizione di una multa sono specificati nell'art. 209. del codice della strada, secondo il quale:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tariffe multe (non solo divieto di sosta): confronta gli importi

Poche volte consideriamo gli importi delle multe una somma ragionevole rispetto all'infrazione effettuata. Sarebbe bene conoscere quali sono gli importi delle multe per evitare di riceve spiacevoli avvisi da parte delle forze di Polizia.

Leggi tutto...
Go to Top