All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società per azioni (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

La Società per azioni è dotata di personalità giuridica e possiede autonomia patrimoniale perfetta. In pratica, il capitale sociale viene suddiviso in un determinato numero di titoli, che vanno a rappresentare e incorporare la corrispettiva quota di partecipazione nonché i diritti sociali ad essa inerenti.

Caratteristiche

Un'impresa per azioni viene definita giuridicamente negli articoli 2325 e seguenti del Codice civile. Il patrimonio sociale è distinto in maniera perfetta da quello privato dei singoli soci, che dunque non sono tenuti a rispondere delle obbligazioni della ditta.

Inoltre, i soci hanno responsabilità limitata alla sola quota di partecipazione, e sono legati da vincolo di sussistenza proprio in virtù della normativa relativa alla società per azioni.

Elementi della società per azioni

  • L'intento di limitare il rischio.

  • La presenza di azioni, appunto, che vanno a rappresentare la partecipazione dei soci all'impresa.

  • L'ammontare minimo del capitale sociale pari ad € 120.000(art. 2327 c.c.)

  • La corporazione normativa: il legislatore impone che i poteri siano rigidamente distribuiti tra diversi organi.

Qualora uno dei precedenti elementi descritti venisse a mancare, la ditta per azioni cessa di esistere o non viene considerata tale al momento della sua costituzione.

Modelli

Esistono tre diversi modelli di amministrazione e controllo delle società per azioni, che i soci possono decidere di sottoscrivere: quello tradizionale, più usato al momento, quello dualistico e quello monistico, entrambi costituiti da norme specifiche e da particolari rinvii al modello tradizionale.

E' una società di capitali con una propria personalità giuridica accomunabile alla normale società per azioni. La differenza fra i due tipi di società sta nella distinzione di due tipi di soci al proprio interno

Soci accomandatari

Sono detti soci accomandatari, e dunque amministratori di diritto, coloro che rispondono in maniera solidale e illimitata delle obbligazioni sociali. Qualora avvenga una violazione dei loro obblighi, i soci accomandatari sono costretti a risarcire i danni procurati alla società, nonché i vari creditori sociali e tutti gli altri soci danneggiati.

Soci accomandanti

Nell'azienda accomandita per azioni, sono detti soci accomandanti coloro i quali non possono amministrare la società in maniera diretta, e sono costretti a rispondere nei limiti del conferimento. Nella sapa, dunque, la qualità di socio accomandatario non può essere svincolata da quella dell'amministratore, a differenza della ditta in accomandita semplice. Il socio accomandatario, dunque, risponde del ruolo di amministratore per tutta la durata del mandato agli obblighi del caso.

Caratteristiche giuridiche

Le norme giuridiche relative alla s.a.p.a sono pressochè simili a quelle della S.p.a.; vanno aggiunge inoltre le seguenti disposizioni:

  • l'atto costitutivo deve indicare gli accomandatari

  • la denominazione sociale è costituita dal nome di uno o più accomandatari, con l'indicazione di s.a.p.a. (se ne giovano i terzi che identificano uno degli amministratori sulla cui consistenza patrimoniale possono confidare, ad integrazione di quella del patrimonio sociale).

In accomandita semplice

All'interno della categoria delle società di persone esiste la cosiddetta in accomandita semplice. Nell'ambito del diritto italiano, viene definita la società in accomandita semplice un particolare tipo di società costituita da persone, in grado di esercitare attività di tipo commerciale e non. Principalmente, la società in accomandita semplice si caratterizza a seconda della categoria di soci che la compongono.

Soci accomandanti

R' composta da soci che rispondono delle obbligazioni che vengono contratte dalla società, nei limiti della quota conferita dal socio stesso. Si tratta quindi di una società con responsabilità limitata, che prevede l'esclusione degli accomandanti dall'amministrazione.

Qualora tale divieto venga violato, il socio accomandante rischia l'esclusione dalla società; stesso fenomeno accade se l'accomandante consente di inserire il proprio nome all'interno della ragione sociale.

Soci accomandatari

I soci di questo tipo rispondono in maniera solidale ed illimitata in merito alle obbligazioni sociali: essi solamente possono amministrare e rappresentare l'azienda. Questo tipo di società è dagli articoli 2313-2324 del codice civile. L'atto costitutivo della ditta in accomandita semplice deve dichiarare in maniera esplicita i soci accomandanti e quelli accomandatari. La facoltà di rivalsa di eventuali creditori può essere effettuata sia sul capitale sociale che sul patrimonio personale dei soci accomandatari.

Particolarità fiscali

La società in accomandita semplice prevede fra le varie pratiche burocratiche e fiscali quella di avere una partita IVA, l'iscrizione alla camera di commercio ed un registro della ditta stessa.





Potrebbe interessarti

Come ottenere il visto per l'Australia, anche se si hanno precedenti penali

Per poter andare in Australia, anche se per un periodo massimo di tre mesi, è necessario ottenere un visto con una procedura che può ormai essere tranquillamente realizzata on-line. Più complessa è la situazione nel caso in cui il soggetto richiedente abbia dei precedenti penali

Leggi tutto...

Contratto di spedizione: differenze con il contratto di trasporto

Vediamo ora nel diritto commerciale come sono regolati i cosiddetti contratti di spedizione.

Leggi tutto...

Funzioni del Parlamento

Le funzioni svolte dal Parlamento Italiano sono principalmente tre, ovvero la funzione legislativa, la funzione di controllo sul governo e le funzioni di indirizzo politico.

Leggi tutto...

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Leggi tutto...

Diritto Parlamentare: come funziona?

Anche i deputati e i senatori hanno una branca del diritto costituzionale che regola e si occupa di valutare il corretto andamento della gestione e di tutto quello che concerne il Parlamento. Tutto quello che concerne infatti l’operato del Parlamento rientra nel diritto parlamentare.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Accisa: cos'è e come si calcola

 

Da quando è stata costituita l’UE, l’Unione Europea, ogni stato che fa parte dei membri ha scelto di applicare delle imposte riguardanti la fabbricazione di alcuni prodotti che hanno un vasto consumo.

Leggi tutto...

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

Leggi tutto...

Imposta IRES: cos'è e come si calcola

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Leggi tutto...

Buoni ordinari del tesoro: come funzionano?

I BOT, ovvero i buoni ordinari del tesoro, sono dei titoli a breve scadenza emessi dallo stato, da molti considerati come titoli con un rischio pari allo zero. Sono un titolo senza cedola, della durata massima di 12 mesi, che vengono emessi dallo Stato Italiano per finanziare il debito pubblico.

Leggi tutto...

Coefficiente di rivalutazione del TFR: a cosa serve esattamente?

Immagine usata nell'articolo Coefficiente di rivalutazione del TFR: a cosa serve esattamente?

Il trattamento di fine rapporto consiste in una parziale retribuzione del lavoratore subordinato, effettuata dal datore di lavoro e differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Al 31 dicembre di ogni anno entra in gioco il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR. Bisogna infatti in quella data rivalutare la somma complessivamente accantonata al 31 dicembre dell'anno precedente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Centri per l'impiego a Milano: orari e informazioni per iniziare a lavorare

Immagine presente nell'articolo Centri per l'impiego a Milano: orari e informazioni per iniziare a lavorare

Il Centro per l'impiego a Milano è un ufficio della Regione che gestisce le offerte di lavoro della città e della Provincia. L’Ufficio deriva direttamente dai vecchi uffici di collocamento di Milano.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Protesto cambiale: ti spieghiamo come comportarsi in questi casi

Succede (è sempre successo e continuerà a succedere sempre, specie di questi tempi) di sentire storie in cui si parla di cambiali e di mancati pagamenti. Ma cosa succede veramente quando non si è in grado di pagare una cambiale?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Multe per eccesso di velocità: ecco una guida imperdibile

Immagine presente nell'articolo Multe per eccesso di velocità: ecco una guida imperdibile

Le sanzioni e le relativo multe per eccesso di velocità, in seguito alle modifiche portate al codice della strada nell'estate del 2010, vanno a farsi più severe.

Leggi tutto...
Go to Top