L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Cosa sono gli studi di settore?

Gli studi di settore – introdotti nel 1993 – sono uno strumento del Fisco per raccogliere sistematicamente i dati sull’attività e il contesto economico in cui opera un’impresa, libero professionista o lavoratore autonomo e servono per accertare la capacità reale di produrre reddito. Gli studi di settore sono suddivisi per ambiti e identificati con codici meccanografici. Per facilitare il contribuente nella compilazione è stato creato un software gratuito, GE.RI.CO.

La disciplina dell’adeguamento spontaneo

Il contribuente che esercita un’attività per la quale si applicano gli studi di settore è obbligato alla compilazione dell’apposito modello per la comunicazione dei dati. Chi disattende l’obbligo o non provvede anche a seguito di sollecito da parte dell’Agenzia delle entrate è sottoposto a sanzione amministrativa di 2.065 €. La disciplina per l’adeguamento spontaneo è contenuta nel DPR 195/1999 che prevede che l’adeguamento sia:

- Gratuito e non sanzionato per gli studi “nuovi” (la prima volta) o “revisionati”;
- Sanzionato per chi effettua l’adeguamento a condizione che il contribuente versi una maggiorazione del 3%, calcolata sulla differenza tra ricavi o compensi derivanti dall’applicazione degli studi e quelli annotati nelle scritture contabili.

Quando si applica la maggiorazione?

La maggiorazione non è dovuta se la predetta differenza non è superiore al 33% (Decreto Monti) dei ricavi o compensi annotati nelle scritture contabili. La maggiorazione deve essere versata entro il termine per il versamento a saldo dell’imposta sul reddito utilizzando l’apposito mod. F24.

Sui maggiori ricavi da adeguamento il contribuente oltre all’eventuale maggiorazione dovrà versare anche l’IVA da calcolarsi in base all’aliquota media e utilizzando il codice tributo 6494 (Studi di settore adeguamento IVA).

I codici tributo da utilizzare sono:
- 4726. Persone fisiche – Maggiorazione 3% adeguamento studi di settore;
- 2118. Soggetti diversi dalle persone fisiche – Maggiorazione 3% adeguamento studi di settore.

L’importanza di congruità e coerenza anche per adeguamento

Si è precisato che la L. 214/2011 ha introdotto nuove disposizioni relative agli studi di settore e in particolare i primi 8 commi introducono – a partire dal 1 gennaio 2013 - dei benefici per i contribuenti congrui, coerenti e veritieri, quali:

• inibizione agli accertamenti analitico – induttivi;
• riduzione di un anno del termine per l’accertamento;
• aumento al 33% della percentuale di tolleranza in caso di scostamento rispetto al redditometro.

Più precisamente, il comma 9 si riferisce ai contribuenti che dichiarano, anche per effetto dell’adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dall’applicazione degli studi di settore.

Inoltre, il contribuente deve aver assolto regolarmente agli obblighi di comunicazione dei dati e la sua posizione deve risultare coerente con gli indicatori previsti dal relativo studio di settore. In pratica, quindi, il contribuente può accedere ai benefici se risulta congruo (anche per adeguamento) e coerente rispetto al risultato degli studi di settore.

La congruità vale anche per l’adeguamento dei ricavi dichiarati in dichiarazione e deve essere assecondata dalla coerenza a tutti gli indicatori previsti dallo studio di settore. L’esclusione dal regime speciale si applica alle società non operative per cui sufficiente dimostrare la congruità sull’anno e non quella del triennio di osservazioni ai fini della disciplina (circolare n. 14/E del 14 febbraio 2008.

I maggiori ricavi derivanti dall’adeguamento devono essere annotati nella sezione dedicata del Registro delle Fatture emesse o dei corrispettivi.

Come compilare il modello F24 con il codice tributo 4726

Come detto, il codice tributo 4726 è quello che le persone fisiche sono tenute a compilare con il modello F24 per versare la maggiorazione del 3% per l’adeguamento agli studi di settore.

La Risoluzione n. 66 del 2005 dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il D.P.R. n. 195/1999 - relativo ai periodi di imposta in cui trova applicazione lo studio di settore – prevede che l’adeguamento per i periodi di imposta diversi da quelli in cui lo studio si applica per la prima volta deve essere effettuata dal contribuente con una maggiorazione del 3% calcolata sulla differenza tra i ricavi e i compensi derivanti dall’applicazione degli studi di settore e quelli annotati nelle scritture contabili. La maggiorazione si versa entro i termini previsti di versamento a saldo dell’imposta sul reddito – il 16 giugno dell’anno successivo a quello in cui è stato generato il reddito, o il 16 luglio con una mora dello 0,4% a titolo di interesse verso l’Erario.

Nel caso in cui il contribuente ha dichiarata ricavi o compensi inferiori, può avvalersi del titolo della maggiorazione del 3% sulla differenza. Il codice tributo 4726 serve proprio a versare tale maggiorazione. È bene notare che non si tratta di un ravvedimento operoso, in quanto tale regime non si applica sui tributi.

Per compilare il modulo F24 correttamente occorre indicare sia l’importo a debito dovuto sia la somma dei debiti iscritti alla sezione Erario oltre che quella relativa ad eventuali crediti. Al saldo, si ottiene la posizione netta del contribuente quale differenza tra il totale dei debiti e il totale dei crediti.

La sezione da compilare del modello F24 è “Erario”, il riferimento normativo è il D.P.R: n. 195 del 31/05/1999, art. 2, comma 2 bis. Sotto la voce “Imposte dirette IVA ritenute alla fonte, altri tributi e interessi” inserire il codice tributo (4726 per la maggiorazione sugli studi di settore), indicare l’anno di riferimento (per. es. 2018), indicare in “importi a debito versati” la somma dovuta (per. es. 5.000 €).





Potrebbe interessarti

Carta dei diritti dei bambini: storia e informazioni!

Il tema dei diritti dei bambini è oggetto di enorme attenzione da parte di buona parte delle società del nostro tempo: sono soprattutto i più piccoli che lo stato deve proteggere dai rischi della vita e dagli adulti che, in molti casi abusano di loro.

Leggi tutto...

Patria potestà: ecco come viene regolamentata a livello genitoriale

Nell'ambito del codice civile, per quanto riguarda il diritto di famiglia, uno dei concetti fondamentali è la cosiddetta potestà genitoriale.

Leggi tutto...

Privacy Twitter: ecco come funziona davvero

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Leggi tutto...

Le droghe legali ed il fenomeno delle smart drug

“Le Smart drugs” o “Smart nutrients” fanno parte di un fenomeno nuovo, in vasta crescita in Europa, che hanno l'obiettivo di simulare l’effetto di droghe illegali pur essendo legali, poiché sono composte essenzialmente da elementi di origine naturale.

Leggi tutto...

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Leggi tutto...

I più condivisi

Tariffa igiene ambientale: ecco in cosa consiste!

Nei prossimi anni, a seguito del decreto Rochi, la TARSU lascerà il posto alla TIA, o tariffa di Igiene ambientale, il cui scopo è quello di riuscire a far spendere al contribuente la somma reale, relativa all'effettivo utilizzo del servizio in questione.

Leggi tutto...

Come richiedere un prestito personale: la documentazione

Oggi richiedere un prestito personale non è difficile, presentando la corretta documentazione. È necessario avere a disposizione i documenti che attestano la disponibilità economica sufficiente al saldo delle rate.

Leggi tutto...

Associazioni che difendono i diritti dei consumatori

In Italia esistono varie associazioni che tutelano i diritti dei consumatori, ovvero dei soggetti sorti con lo scopo di difendere i consumatori e gli utenti di determinati servizi.

Leggi tutto...

Imposta IRES: cos'è e come si calcola

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Leggi tutto...

Cos'è la cambiale: un approfondimento

Tutti noi ci siamo sicuramente messi nei panni disperati del povero Paperino, costretto dal suo miliardario zio a firmare al termine di ogni storia una tonnellata di cambiali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

CAF UIL di Genova: gli indirizzi e i recapiti

Secondo la convenzione del 22 gennaio 2015 firmata con l’INPS nella persone del commissario straordinario Tiziano Treu, saranno bloccati per sei mesi i compensi per i CAF che in questo periodo collaboreranno con l’Istituto di Previdenza per la trasmissione delle dichiarazioni ISEE (acronimo di Indicatore della Situazione Economica Equivalente). Questo indicatore serve per permettere ad alcune famiglie particolari agevolazioni per quanto riguarda l’ambito della scuola, del sociale e della sanità. Nel luglio del 2015, tali compensi saranno nuovamente rivisti e forse adeguati.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ecomafia globale: il traffico illecito di rifiuti

Affari milioniari che hanno riguardato sempre più soggetti quelli delle navi portacontainer da un capo all’altro del globo. Spedizioni verso i Paesi del sud del mondo, di navi stracariche di scorie prodotte dalle aziende, un modo per smaltire i rifiuti senza incidere sui bilanci aziendali e senza disturbare gli affari.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reato di Frode: la prescrizione per l'evasione fiscale

Il reddito proveniente dal lavoro del singolo contribuente e cittadino è soggetto a partire dagli anni '30 alla tassazione, ovvero ad una trattenuta da parte dello stato per contribuire a tutta una serie di servizi pubblici.

Leggi tutto...
Go to Top