L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Cosa sono gli studi di settore?

Gli studi di settore – introdotti nel 1993 – sono uno strumento del Fisco per raccogliere sistematicamente i dati sull’attività e il contesto economico in cui opera un’impresa, libero professionista o lavoratore autonomo e servono per accertare la capacità reale di produrre reddito. Gli studi di settore sono suddivisi per ambiti e identificati con codici meccanografici. Per facilitare il contribuente nella compilazione è stato creato un software gratuito, GE.RI.CO.

La disciplina dell’adeguamento spontaneo

Il contribuente che esercita un’attività per la quale si applicano gli studi di settore è obbligato alla compilazione dell’apposito modello per la comunicazione dei dati. Chi disattende l’obbligo o non provvede anche a seguito di sollecito da parte dell’Agenzia delle entrate è sottoposto a sanzione amministrativa di 2.065 €. La disciplina per l’adeguamento spontaneo è contenuta nel DPR 195/1999 che prevede che l’adeguamento sia:

- Gratuito e non sanzionato per gli studi “nuovi” (la prima volta) o “revisionati”;
- Sanzionato per chi effettua l’adeguamento a condizione che il contribuente versi una maggiorazione del 3%, calcolata sulla differenza tra ricavi o compensi derivanti dall’applicazione degli studi e quelli annotati nelle scritture contabili.

Quando si applica la maggiorazione?

La maggiorazione non è dovuta se la predetta differenza non è superiore al 33% (Decreto Monti) dei ricavi o compensi annotati nelle scritture contabili. La maggiorazione deve essere versata entro il termine per il versamento a saldo dell’imposta sul reddito utilizzando l’apposito mod. F24.

Sui maggiori ricavi da adeguamento il contribuente oltre all’eventuale maggiorazione dovrà versare anche l’IVA da calcolarsi in base all’aliquota media e utilizzando il codice tributo 6494 (Studi di settore adeguamento IVA).

I codici tributo da utilizzare sono:
- 4726. Persone fisiche – Maggiorazione 3% adeguamento studi di settore;
- 2118. Soggetti diversi dalle persone fisiche – Maggiorazione 3% adeguamento studi di settore.

L’importanza di congruità e coerenza anche per adeguamento

Si è precisato che la L. 214/2011 ha introdotto nuove disposizioni relative agli studi di settore e in particolare i primi 8 commi introducono – a partire dal 1 gennaio 2013 - dei benefici per i contribuenti congrui, coerenti e veritieri, quali:

• inibizione agli accertamenti analitico – induttivi;
• riduzione di un anno del termine per l’accertamento;
• aumento al 33% della percentuale di tolleranza in caso di scostamento rispetto al redditometro.

Più precisamente, il comma 9 si riferisce ai contribuenti che dichiarano, anche per effetto dell’adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dall’applicazione degli studi di settore.

Inoltre, il contribuente deve aver assolto regolarmente agli obblighi di comunicazione dei dati e la sua posizione deve risultare coerente con gli indicatori previsti dal relativo studio di settore. In pratica, quindi, il contribuente può accedere ai benefici se risulta congruo (anche per adeguamento) e coerente rispetto al risultato degli studi di settore.

La congruità vale anche per l’adeguamento dei ricavi dichiarati in dichiarazione e deve essere assecondata dalla coerenza a tutti gli indicatori previsti dallo studio di settore. L’esclusione dal regime speciale si applica alle società non operative per cui sufficiente dimostrare la congruità sull’anno e non quella del triennio di osservazioni ai fini della disciplina (circolare n. 14/E del 14 febbraio 2008.

I maggiori ricavi derivanti dall’adeguamento devono essere annotati nella sezione dedicata del Registro delle Fatture emesse o dei corrispettivi.

Come compilare il modello F24 con il codice tributo 4726

Come detto, il codice tributo 4726 è quello che le persone fisiche sono tenute a compilare con il modello F24 per versare la maggiorazione del 3% per l’adeguamento agli studi di settore.

La Risoluzione n. 66 del 2005 dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il D.P.R. n. 195/1999 - relativo ai periodi di imposta in cui trova applicazione lo studio di settore – prevede che l’adeguamento per i periodi di imposta diversi da quelli in cui lo studio si applica per la prima volta deve essere effettuata dal contribuente con una maggiorazione del 3% calcolata sulla differenza tra i ricavi e i compensi derivanti dall’applicazione degli studi di settore e quelli annotati nelle scritture contabili. La maggiorazione si versa entro i termini previsti di versamento a saldo dell’imposta sul reddito – il 16 giugno dell’anno successivo a quello in cui è stato generato il reddito, o il 16 luglio con una mora dello 0,4% a titolo di interesse verso l’Erario.

Nel caso in cui il contribuente ha dichiarata ricavi o compensi inferiori, può avvalersi del titolo della maggiorazione del 3% sulla differenza. Il codice tributo 4726 serve proprio a versare tale maggiorazione. È bene notare che non si tratta di un ravvedimento operoso, in quanto tale regime non si applica sui tributi.

Per compilare il modulo F24 correttamente occorre indicare sia l’importo a debito dovuto sia la somma dei debiti iscritti alla sezione Erario oltre che quella relativa ad eventuali crediti. Al saldo, si ottiene la posizione netta del contribuente quale differenza tra il totale dei debiti e il totale dei crediti.

La sezione da compilare del modello F24 è “Erario”, il riferimento normativo è il D.P.R: n. 195 del 31/05/1999, art. 2, comma 2 bis. Sotto la voce “Imposte dirette IVA ritenute alla fonte, altri tributi e interessi” inserire il codice tributo (4726 per la maggiorazione sugli studi di settore), indicare l’anno di riferimento (per. es. 2018), indicare in “importi a debito versati” la somma dovuta (per. es. 5.000 €).


Potrebbe interessarti

Validità del passaporto: costi e scadenze del documento per chi viaggia

validità del passaporto

Il passaporto è un documento necessario per viaggiare e, più nello specifico, per varcare le frontiere di tutti quei Paesi non Europei riconosciuti dalla Repubblica Italiana. Va richiesto ed è poi rilasciato dalla Questura cui facciamo riferimento.

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Legge sul Daspo? Vediamo insieme com'è regolata

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Approvazione della legge di stabilità: come avviene l'iter burocratico?

Approvazione della legge di stabilità

La Legge di Bilancio definisce ogni anno gli obiettivi finanziari da perseguire nel triennio successivo e dalla quale dipendono i conti pubblici. L’approvazione della legge di Bilancio suscita interesse anche nell’Unione Europea e nelle agenzie di rating perché è il momento in cui si capisce quale sarà la direzione economica di un Paese e le prospettive future di crescita e stabilità.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Imposte: proporzionali, progressive, regressive

La tipologia di imposta che ogni Stato decide di immettere in relazione alla ricchezza dei propri cittadini, può essere distinta in imposta fissa, imposta proporzionaleimposta progressiva regressiva.

Tassazione nel Trading online: vediamo come funziona

Le attività di investimento online nei mercati valutari e finanziari sono in crescita costante, un fenomeno dovuto all’uso diffuso del trading online e ad una sempre più attenta regolamentazione degli strumenti finanziari. La regolamentazione degli strumenti, delle piattaforme di trading e degli attori principali del settore finanziario comporta un maggiore controllo e una regolamentazione anche delle normative inerenti la tassazione dei proventi derivanti dal trading online.

Le commissioni tributarie: scopriamo qual è il loro ruolo?

commissioni tributarie

Nell'ambito dell'ordinamento italiano, esistono particolari organi giurisdizionali denominati Commissioni tributarie. Queste sono dei giudici particolari che si esprimono in materia tributaria.

Leggi anche...

CAF a Napoli: indirizzi delle varie associazioni UIL sul capoluogo campano

I centri di Assistenza Fiscale, noti come CAF a Napoli, offrono ai cittadini tutta una serie di servizi fondamentali. In particolare, ci si può rivolgere ai CAF a Napoli per avere un aiuto nella dichiarazione dei redditi, o per compilare modelli RED, ISEE e ISEU. Altre funzioni sono legate alla trasmissione telematica di determinati modelli tramite ENTRATEL.

Leggi anche...

Sequestro probatorio: che cos’è e quando si applica?

immagine per sequestro probatorio

Facciamo chiarezza su uno degli argomenti di cui più si discute in Italia in questo ultimo periodo. Il codice di procedura penale comprende tra i mezzi di ricerca della prova il sequestro probatorio (uno strumento utilizzato per lo più da Pubblici Ministeri e Polizia Giudiziaria). Il sequestro probatorio è collegato alla perquisizione (rappresentando in pratica una sua conseguenza).

Go to Top