L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Cosa sono gli studi di settore?

Gli studi di settore – introdotti nel 1993 – sono uno strumento del Fisco per raccogliere sistematicamente i dati sull’attività e il contesto economico in cui opera un’impresa, libero professionista o lavoratore autonomo e servono per accertare la capacità reale di produrre reddito. Gli studi di settore sono suddivisi per ambiti e identificati con codici meccanografici. Per facilitare il contribuente nella compilazione è stato creato un software gratuito, GE.RI.CO.

La disciplina dell’adeguamento spontaneo

Il contribuente che esercita un’attività per la quale si applicano gli studi di settore è obbligato alla compilazione dell’apposito modello per la comunicazione dei dati. Chi disattende l’obbligo o non provvede anche a seguito di sollecito da parte dell’Agenzia delle entrate è sottoposto a sanzione amministrativa di 2.065 €. La disciplina per l’adeguamento spontaneo è contenuta nel DPR 195/1999 che prevede che l’adeguamento sia:

- Gratuito e non sanzionato per gli studi “nuovi” (la prima volta) o “revisionati”;
- Sanzionato per chi effettua l’adeguamento a condizione che il contribuente versi una maggiorazione del 3%, calcolata sulla differenza tra ricavi o compensi derivanti dall’applicazione degli studi e quelli annotati nelle scritture contabili.

Quando si applica la maggiorazione?

La maggiorazione non è dovuta se la predetta differenza non è superiore al 33% (Decreto Monti) dei ricavi o compensi annotati nelle scritture contabili. La maggiorazione deve essere versata entro il termine per il versamento a saldo dell’imposta sul reddito utilizzando l’apposito mod. F24.

Sui maggiori ricavi da adeguamento il contribuente oltre all’eventuale maggiorazione dovrà versare anche l’IVA da calcolarsi in base all’aliquota media e utilizzando il codice tributo 6494 (Studi di settore adeguamento IVA).

I codici tributo da utilizzare sono:
- 4726. Persone fisiche – Maggiorazione 3% adeguamento studi di settore;
- 2118. Soggetti diversi dalle persone fisiche – Maggiorazione 3% adeguamento studi di settore.

L’importanza di congruità e coerenza anche per adeguamento

Si è precisato che la L. 214/2011 ha introdotto nuove disposizioni relative agli studi di settore e in particolare i primi 8 commi introducono – a partire dal 1 gennaio 2013 - dei benefici per i contribuenti congrui, coerenti e veritieri, quali:

• inibizione agli accertamenti analitico – induttivi;
• riduzione di un anno del termine per l’accertamento;
• aumento al 33% della percentuale di tolleranza in caso di scostamento rispetto al redditometro.

Più precisamente, il comma 9 si riferisce ai contribuenti che dichiarano, anche per effetto dell’adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dall’applicazione degli studi di settore.

Inoltre, il contribuente deve aver assolto regolarmente agli obblighi di comunicazione dei dati e la sua posizione deve risultare coerente con gli indicatori previsti dal relativo studio di settore. In pratica, quindi, il contribuente può accedere ai benefici se risulta congruo (anche per adeguamento) e coerente rispetto al risultato degli studi di settore.

La congruità vale anche per l’adeguamento dei ricavi dichiarati in dichiarazione e deve essere assecondata dalla coerenza a tutti gli indicatori previsti dallo studio di settore. L’esclusione dal regime speciale si applica alle società non operative per cui sufficiente dimostrare la congruità sull’anno e non quella del triennio di osservazioni ai fini della disciplina (circolare n. 14/E del 14 febbraio 2008.

I maggiori ricavi derivanti dall’adeguamento devono essere annotati nella sezione dedicata del Registro delle Fatture emesse o dei corrispettivi.

Come compilare il modello F24 con il codice tributo 4726

Come detto, il codice tributo 4726 è quello che le persone fisiche sono tenute a compilare con il modello F24 per versare la maggiorazione del 3% per l’adeguamento agli studi di settore.

La Risoluzione n. 66 del 2005 dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il D.P.R. n. 195/1999 - relativo ai periodi di imposta in cui trova applicazione lo studio di settore – prevede che l’adeguamento per i periodi di imposta diversi da quelli in cui lo studio si applica per la prima volta deve essere effettuata dal contribuente con una maggiorazione del 3% calcolata sulla differenza tra i ricavi e i compensi derivanti dall’applicazione degli studi di settore e quelli annotati nelle scritture contabili. La maggiorazione si versa entro i termini previsti di versamento a saldo dell’imposta sul reddito – il 16 giugno dell’anno successivo a quello in cui è stato generato il reddito, o il 16 luglio con una mora dello 0,4% a titolo di interesse verso l’Erario.

Nel caso in cui il contribuente ha dichiarata ricavi o compensi inferiori, può avvalersi del titolo della maggiorazione del 3% sulla differenza. Il codice tributo 4726 serve proprio a versare tale maggiorazione. È bene notare che non si tratta di un ravvedimento operoso, in quanto tale regime non si applica sui tributi.

Per compilare il modulo F24 correttamente occorre indicare sia l’importo a debito dovuto sia la somma dei debiti iscritti alla sezione Erario oltre che quella relativa ad eventuali crediti. Al saldo, si ottiene la posizione netta del contribuente quale differenza tra il totale dei debiti e il totale dei crediti.

La sezione da compilare del modello F24 è “Erario”, il riferimento normativo è il D.P.R: n. 195 del 31/05/1999, art. 2, comma 2 bis. Sotto la voce “Imposte dirette IVA ritenute alla fonte, altri tributi e interessi” inserire il codice tributo (4726 per la maggiorazione sugli studi di settore), indicare l’anno di riferimento (per. es. 2018), indicare in “importi a debito versati” la somma dovuta (per. es. 5.000 €).

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Governo Tecnico: quando entra in funzione?

La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. 

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

I più condivisi

Reddito dominicale: un approfondimento sul'argomento

immagine per reddito dominicale

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Leggi anche...

Commercialisti di Firenze: a chi rivolgersi?

La città di Firenze offre delle soluzioni variegate per quel che concerne la scelta del commercialisti. Date un’occhiata alla lista che proponiamo di seguito.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top