Il diritto ereditario è un insieme piuttosto complesso di norme che hanno come obiettivo la regolarizzazione di tutte le vicende riguardanti il patrimonio di una persona in seguito alla sua morte e quindi per il periodo successivo alla stessa, in particolare per la definizione dei nuovi titolari del suddetto patrimonio.
In questo caso il diritto ereditario si occupa di tutti quei rapporti che sono trasmissibili e che quindi permangono alla morte del soggetto, definiti come diritti patrimoniali assoluti.
La successione ereditaria si apre dunque nel momento del decesso della persona e determina il trasferimento al o ai successori, ma come funziona nel caso in cui si abbia a che fare con una successione senza testamento?
La successione senza testamento può essere definita come successione a titolo universale da contrapporre a quella a titolo particolare dove il successore, indicato dal defunto, subentra in uno o più rapporti patrimoniali.

Cosa dice la legge

In caso di successione senza testamento, condizione ormai comune perché ci si ritiene soddisfatti delle leggi o perché magari ci si ritrova di fronte ad una morte inaspettata anche in giovane età, l’eredità spetta di norma al coniuge e ai figli.
Se il figlio è solo uno, allora l’eredità viene divisa a metà, se i figli sono due o più a questi spettano i due terzi dell’eredità, mentre al coniuge spetta un terzo della stessa.
Qualora invece il defunto non avesse figli, subentrano in questo caso, oltre al coniuge, i parenti più vicini quali genitori e fratelli, ma in entrambi i casi in questo caso i due terzi dell’eredità spettano al coniuge, al resto spetta un terzo della stessa. Nel caso particolare in cui i genitori dovessero essere ancora vivi, a questi spetta un quarto dell’eredità, quindi, in realtà ai fratelli resta ben poco.
Nel caso in cui il defunto, invece, non dovesse avere né un coniuge né dei figli, allora l’eredità spetta ai genitori e ai fratelli, eredità divisa per capi ma la cui metà spetta ai genitori.
Un altro fattore da ricordare assolutamente è che nel caso in cui i figli o i fratelli del defunto dovessero essere morti o dovessero aver rinunciato all’eredità, a questi subentrano dal punto di vista del diritto ereditario i solo discendenti, quindi l’eventuale quota che sarebbe spettata al soggetto erede per vicinanza parentale viene suddivisa tra i rispettivi discendenti.
Naturalmente non mancano i casi di successioni senza testamento quasi difficili da devolvere agli eredi che possono essere ricercati entro i parenti più prossimi fino al sesto grado, nel caso in cui non si dovesse trovare nessuno, allora l’eredità viene devoluta allo Stato.

Cosa accade in caso di separazione

Successione senza testamento

Nel caso in cui il defunto ed il coniuge dovessero essere separati al momento della morte di uno dei due, non cambia granché in termini ereditari perché la quota spetta in ogni caso, a meno che fosse ritenuto il responsabile per la fine del matrimonio.
In questo caso, il coniuge ha diritto ad un assegno vitalizio se nel momento in cui si è aperta la successione godeva ancora degli alimenti.
Dopo il divorzio, invece, l’ex coniuge perde tutti i diritti ereditari.

Successione ereditaria: ecco cosa fare

Sia che si abbia a che fare con una successione senza testamento, sia che questo vi sia, gli eredi indicati dal defunto o quelli indicati dalla legge, entro un anno dalla morte devono presentare all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione di successione che dal primo gennaio del 2019 può essere trasmessa solo telematicamente (motivo per cui vi consigliamo di affidarvi ad un soggetto delegato come un commercialista o ad un CAF), in modo tale da velocizzare la procedura.
Questo presuppone che avvenga un pagamento delle imposte dovute oltre che l’automatica voltura catastale relativa agli immobili ereditati. Per fare questo troverete sul sito dell’Agenzia delle Entrate un programma gratuito in cui sono presenti tutte le istruzioni e l’elenco dei documenti da allegare.
Una volta presentata la dichiarazione di successione che deve comprendere tutti i beni e i diritti del defunto (beni mobili, immobili, contanti, oggetti di valore, pensioni, quote societarie, azioni…) e avvenuto il pagamento delle imposte, si otterrà un attestato da parte dell’Agenzia delle Entrate che permetterà agli eredi di ottenere la liquidazione e la parte che gli spetta. Per quanto riguarda i beni immobili occorre invece attendere il Catasto e la Conservatoria dell’Agenzia delle Entrate.

Vi sono casi in cui non occorre effettuare alcuna dichiarazione di successione senza testamento perché gli eredi in linea diretta è stato devoluto un patrimonio non superiore a 100.000 euro, in assenza di beni immobili o di diritti immobiliari.
In questo caso è prevista la sola compilazione di una dichiarazione di responsabilità in cui viene confermata tale condizione in termini di patrimonio.

In generale, qualora doveste avere a che fare con una successione senza testamento informatevi bene e rivolgetevi a dei professionisti.



Potrebbe interessarti

Registro delle opposizioni: iscrizione per il tuo numero

1imposte

Per tutelare la privacy e gli interessi commerciali dei cittadini, è nato un nuovo servizio, il Registro Pubblico delle Opposizioni. Si tratta di un servizio rivolto ai cittadini il cui numero telefonico è presente nei vari elenchi telefonici pubblici, i quali non desiderano più ricevere telefonate indesiderate collegate a ricerche di mercato o per scopi commerciali.

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Supporto psicologico da casa? Basta una connessione internet

psicologo.jpg

L'equilibrio mentale è una parte fondamentale del benessere di una persona, sia nell’individualità che nella sfera sociale. Le patologie più frequenti nella società moderna sono la depressione, la schizofrenia, le sindromi nevrotiche e somatoformi. In piena emergenza Coronavirus, sono aumentate le problematiche legate ad un mancato benessere mentale, a causa della quarantena, dell’isolamento e dei cambiamenti improvvisi che hanno radicalmente stravolto la vita di ognuno di noi. 

Legge Bersani telefonia

Con l’avvento della Legge Bersani, sono state introdotte delle misure favorevoli ai consumatori, relativamente alle tariffe telefoniche.

Fedina Penale: i dettagli su consultazione e rilascio

fedina penale

Una delle cose più importanti in materia di diritto penale è sicuramente il certificato penale, meglio conosciuta come fedina penale. Per essere un buono ed onesto cittadino ai sensi della Legge e nei confronti dello Stato, è infatti fondamentale avere una fedina penale pulita.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Quando il preventivo dell’avvocato è troppo alto

 

Il preventivo legale ti sembra troppo alto? E’ possibile contestare la parcella dell’avvocato anche se era stato accettato il preventivo per la consulenza prima?

Come amministrare un condominio: spese condominiali e altro

Se vivete in un condominio è d'obbligo conoscere temi quali quelli connessi alle spese condominiali. La ripartizione di questi costi avviene in base agli artt. 1123, 1124, 1125 e 1126 c.c. Oltre a tutto ciò è importante trattare argomenti come quelli che riguardano i costi per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni.

Accisa sulla benzina: tutti i rincari del carburante

Il 2012 e il primo trimestre del 2013 hanno registrato ulteriori nuovi aumenti sul prezzo del carburante, per far fronte agli obblighi del Patto di Stabilità e sanare i conti danneggiati dalla crisi finanziaria internazionale.

Leggi anche...

Definizione di reddito. Ecco alcune informazioni da non perdere

Definizione di reddito

Cos'è il reddito? Rispondere a questa domanda sembra una cosa semplice, in quanto viene considerato spesso come una semplice misura delle entrate di un soggetto o di una società.

Leggi anche...

Punti patente per semaforo rosso: tutti i casi spiegati con calma

Decurtazione dei punti della patente

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Go to Top