Le attività di investimento online nei mercati valutari e finanziari sono in crescita costante, un fenomeno dovuto all’uso diffuso del trading online e ad una sempre più attenta regolamentazione degli strumenti finanziari. La regolamentazione degli strumenti, delle piattaforme di trading e degli attori principali del settore finanziario comporta un maggiore controllo e una regolamentazione anche delle normative inerenti la tassazione dei proventi derivanti dal trading online.

Un approfondimento in materia si può leggere in questa guida alla tassazione nel trading online, ma intanto ecco alcuni concetti di base sulla fiscalità per chi opera nel trading.

Come si dichiarano i proventi del trading online

Il Trading online (TOL) – per quanto sia un’attività di investimento rischiosa – ha registrato negli anni una crescita esponenziale che ha permesso di generare introiti anche di cospicuo interesse, al punto da dover richiedere una regolamentazione dal punto di vista fiscale e dichiarativo dei redditi maturati da attività di trading.

La prima cosa da definire è che le attività di trading online sono tassate ad un’aliquota del 26% e si dichiarano attraverso la compilazione del modello unico. I regimi fiscali di riferimento sono sostanzialmente due:

  • Il regime sostitutivo o amministrato;
  • Il regime dichiarativo.

Nel regime sostitutivo, il broker a cui ci si è affiliati funziona da “sostituto di imposta”, la dichiarazione è sostanzialmente automatizzata e ogni volta che il trader realizza una plusvalenza, il broker provvede a trattenere e versare le imposte dovute allo Stato. Il trader/contribuente finale è così esonerato da qualsiasi obbligo di natura fiscale, in quanto l’onere è assunto dal broker.

Nel regime dichiarativo, invece, il trader ha l’obbligo di provvedere da sé ad assolvere gli oneri fiscali per le eventuali plusvalenze ottenute dall’attività di trading. È compito del trader/contribuente, quindi, specificare l’ammontare dei proventi tramite la dichiarazione dei redditi e con il versamento dei contributi dovuti.

Quando si sceglie un broker per la propria attività di investimento online, bisogna dunque valutare – oltre all’affidabilità e all’essere un broker regolamentato e autorizzato – anche i vari servizi offerti e se fra questi, il broker assolve anche il ruolo di sostituto di imposta, in grado di fornire assistenza fiscale e di provvedere in via automatizzata alla dichiarazione dei redditi dei propri utenti trader.

Quali sono i campi da compilare nel modello unico

Indipendentemente dal regime fiscale (amministrato o dichiarativo) è bene conoscere quali sono i termini e i campi da compilare all’interno del modello unico per la dichiarazione dei redditi.

Il quadro di riferimento all’interno del Modello Unico è il quadro RT – plusvalenze di natura finanziaria. In particolare l’importo delle plusvalenze va indicato nella sezione II-B, rigo RT41 che è il rigo proprio per indicare i ricavi provenienti dalle operazioni di trading online; nello specifico in questa sezione si dichiarano tutti i “redditi diversi di natura finanziaria”, quali i contratti forward, i future e i proventi del TOL.

Sulla dichiarazione – stesso quadro e sezione – al rigo RT45, invece, si riportano le eventuali perdite (o minusvalenze) che sono tuttavia deducibili fino al 62,50% del totale delle perdite. Il pagamento dell’imposta calcolata si effettua tramite il modello F24 con codice tributo 1100.

Tutto ciò vale per i flussi di denaro ottenuti tramite un intermediario con sede legale in Italia, registrato presso la CONSOB e abilitato dalla Banca d’Italia.

Per coloro che utilizzano broker stranieri – sempre abilitati e regolamentati – occorre compilare il quadro RW dove si indicano i flussi di denaro registrati tramite operatori esteri, congiuntamente alla descrizione dei movimenti di capitale da e verso l’estero qualora l’importo totale comprensivo di depositi e prelievi supera la soglia di 10.000 € nell’anno solare.

Infine, chi presenta già la dichiarazione dei redditi con modello 730, e al contempo percepisce redditi dall’attività di trading - dovrà integrare la dichiarazione con il riquadro RT (proventi dall’Italia) o RW (proventi dall’estero), unitamente al frontespizio compilato del modello Unico.

Come si calcola l’imposta da redditi TOL con aliquota al 26%

L’aliquota applicata per il calcolo dell’imposta sui redditi derivanti da attività di trading online è fissata al 26%, quindi, esempio, per introiti pari a 25.000 € l’anno, il trader contribuente dovrà versare 6500 € di imposte. Il calcolo dell’imposta si effettua sulla somma di tutte le vendite e gli acquisti che hanno generato un guadagno nell’anno precedente, ovvero il periodo compreso tra il primo gennaio e il 31 dicembre dell’anno precedente quello della dichiarazione (2019 per i redditi generati nel 2018, 2018 per i redditi del 2017 e così via).

Il pagamento del’imposta avviene tramite il modello F24 e le scadenze sono generalmente fissate al:

  • 30 giugno; e al
  • 16 luglio (ma con la maggiorazione dello 0.40% a titolo di interesse corrispettivo).

Per quanti utilizzano il modello Unico, la scadenza per il versamento è:

  • il 30 giugno per il saldo dell’anno precedente e primo acconto per l’anno di dichiarazione (per esempio saldo 2018 e primo acconto 2019);
  • il 30 novembre come acconto dell’anno successivo (per esempio acconto 2020).

Quali sono di codici tributo da riportare sull’F24

Ogni codice tributo indica la specifica sulla derivazione dei proventi, per cui andrà indicato sul modello F24 per il pagamento dell’imposta da proventi generati tramite il trading online, uno dei seguenti codici di riferimento.

 

  1. codice 1100:per imposte sostitutive su plusvalenze derivanti da cessione a titolo oneroso di partecipazioni non qualificate.
  2. codice 1242:  per indicare un’imposta sostitutiva per redditi di capitale derivanti da fonte estera.
  3. codice 2724:per indicare un’imposta sostitutiva sulle plusvalenze.
  4. codice 4043:per indicare un’imposta sul valore delle attività finanziarie concernenti esclusivamente quelle detenute all’estero da parte di persone fisiche residenti in Italia (art. 19, c. 18, D.L. 201/2011 convertito in Legge 214/2011).
  5. codice 4047: per indicare un’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero da persone fisiche residenti Italia (il riferimento normativo è lo stesso del codice 4043). La differenza tra l’impiego del codice 4043 o del codice 4047 dipende solo dal fatto che il codice 4047 va utilizzato solo in caso di acconto prima rata.




Potrebbe interessarti

Punti invalidità: un approfondimento completo

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

Leggi tutto...

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Leggi tutto...

Il referendum del 1946: sai cosa ha significato?

Con il termine referendum, si intende quel particolare strumento democratico grazie al quale gli elettori sono consultati in maniera diretta su determinati temi di rilevo. Essendo una grande conquista nell'epoca della democrazia diretta, il referendum permette agli elettori di fornire il proprio voto su un tema particolare, senza l'intermediazione del Parlamento.

Leggi tutto...

Tipi di referendum: li conosci tutti?

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

Leggi tutto...

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il ricorso cartelle di equitalia e l’annullamento del debito: come fare?

 

Equitalia S.p.A. è una società italiana a totale controllo pubblico, incaricata della riscossione dei tributi su tutto il territorio, ad eccezione della Sicilia. È partecipata al 51% dall'Agenzia delle Entrate, ed al 49% dall'INPS.

Leggi tutto...

Cos'è lo scudo fiscale? Scopriamolo insieme

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta esattamente, almeno a livello di diritto fiscale e tributario, quando si utilizza il termine scudo fiscale.

Leggi tutto...

Visura Catastale online: ecco come ottenerla

La visura catastale un documento che viene rilasciato dall'agenzia del Territorio, ovvero dal Catasto, contenente tutti i dati principali relativi a un immobile in oggetto, distinti in dati sui fabbricati o sui terreni.

Leggi tutto...

Codice accisa: la carta d’identità dei prodotti

Il cosiddetto “codice di accisa” è composto da una sequenza alfanumerica composta sempre da tredici caratteri ed è attribuito dalla Agenzia delle Dogane a ciascuni dei suoi operatori abilitati, siano essi un Deposito Fiscale come un Destinatario o uno Speditore Autorizzato.

Leggi tutto...

Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono?

Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Fatturazione elettronica: cos’è e a chi si rivolge

Da anni si parla di colmare il gap di digitalizzazione tra l’Italia e gli altri Paesi europei a cominciare dalla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione (P.A) e con la Legge finanziaria 2018 viene introdotta la fattura in formato digitale fino ad arrivare al 6 giugno 2014 con l’obbligo di fatturazione elettronica verso le pubbliche amministrazioni italiane.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima Leggi tutto...

Leggi anche...

Multe semaforo rosso

Le multe per il passaggio al semaforo rosso sono sicuramente le più dure da digerire per un'automobilista, sia perchè vengono tolti punti patente, sia perchè spesso non ci si accorge o non si ricorda dell'infrazione effettuata.

Leggi tutto...
Go to Top