Ciò che caratterizzata un'impresa rispetto ad un'altra serie di entità riconosciute a livello di diritto commerciale, sono una serie di peculiarità. La principale caratteristica dell'impresa resta sempre e comunque quella di procurarsi un capitale necessario a superare il costo delle spese. L'impresa, naturalmente, deve guadagnare, altrimenti rischia di fallire.

Vediamo ora le varie tipologie di impresa esistenti, suddivise a seconda che il suo esercizio sia svolto da una persona fisica o da una persona giuridica.

Impresa individuale

Un' impresa individuale è costituita da un soggetto giuridico, inteso come persona fisica, la quale va a agire sui propri beni in caso di inadempienze o mancanze dell'impresa stessa. Il fallimento, dunque, in questo caso, viene a coincidere nel soggetto imprenditore e nell'impresa.

In questa categoria rientrano, almeno concettualmente, l'impresa familiare e l'impresa coniugale. La prima è costituita per il 51% dal capofamiglia e per il restante dai familiari che abbiano un grado di parentela col capofamiglia che non superi il secondo grado. L'impresa coniugale, invece, è formata solamente da marito e moglie. Nel caso di impresa con persona giuridica, essa va ad assumere diverse vesti.

Società di persone

Questo tipo di impresa è costituita da una cosiddetta autonomia patrimoniale imperfetta. Questo significa che il patrimonio della società e quello dei soci non è distinto in maniera netta, e quindi i creditori possono agire anche si beni dei vari soci. Rientrano in questa categoria le seguenti tipologie di impresa: società semplice, società in nome collettivo, società in accomandita semplice.

  • Società semplice (Ss): si può costituire nei casi in cui si ha necessità di gestire patrimoni immobiliari, esercizio della professione in forma associata, attività agricole e di tempo libero. Questo tipo di società può essere avviata anche senza un capitale sociale minimo ed entro 30 giorni dall’accordo tra i soci si deve provvedere alla iscrizione nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio competente. Ogni socio ha diritto a ricevere una parte di reddito della società in base alla sua quota di partecipazione e al contempo risponde con il suo patrimonio personale a coprire eventuali debiti;
  • Società in nome collettivo (Snc): è applicata a quelle imprese che producono e scambiano beni e servizi, cosiddette attività commerciali. Condivide le stesse caratteristiche della Società Semplice in termini di capitale minimo alla sua fondazione, numero di soci e responsabilità patrimoniale. Si può costituire tramite atto pubblico o scrittura privata davanti ad un notaio che scrive l’Atto costitutivo oppure lo Statuto. Per avere affetto deve essere iscritta al Registro delle Imprese della Camera di Commercio competente;
  • Società in accomandita semplice (Sas): si costituisce quando alcuni soci “accomandanti” mettono i capitali per l’attività ma non si assumono i rischi. Questi soci non possono amministrare direttamente la società e rispondono delle obbligazioni sociali in proporzione al capitale investito. Al contrario, i soci “accomandatari” ricevono in gestione i capitali altrui e rispondono in modo illimitato e solidale per le obbligazioni sociali, cioè anche con il patrimonio personale. Essi si sono coloro che amministrano la società. Si fonda tramite Atto Costitutivo e Statuto.

Società di capitali

Un'impresa di questo genere è costituita da soggetti giuridici dotati di autonomia patrimoniale perfetta. Appartengono a questa categoria le società a responsabilità limitata, le società per azioni e le società in accomandita per azioni.

  • Società a responsabilità limitata (Srl): i soci hanno una responsabilità limitata sulla quota di capitale investito. La Società ha una personalità giuridica e gode di una autonomia patrimoniale perfetta, quindi risponde delle obbligazioni sociali. In questo caso, il capitale sociale minimo è di 10000 euro il cui 25% deve essere versato all’atto della sua costituzione;
  • Societa per azioni (SpA): si può costituire quando l’azienda è già avviata e si prevede un’espansione. La sua attività si svolge grazie alle quote di partecipazione, le “azioni”, versate dai soci in egual valore. E’ un tipo di società che gode di “autonomia patrimoniale perfetta” il cui capitale sociale minimo è di 120.000 euro;
  • Società in accomandita per azioni (SApA): poco usata, racchiude le caratteristiche di una SpA e di una Sas.




Potrebbe interessarti

Commissione dell'Unione Europea: metodologia di giudizio della legge di bilancio

Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione Europea ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Leggi tutto...

Codice civile italiano: tutte le indicazioni

Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile. Il codice civile infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Leggi tutto...

Perché stipulare una polizza vita

La vita è come una scatola di cioccolatini: non si sa mai cosa ci può riservare. Per questo una polizza sulla vita può essere davvero conveniente, specialmente se consideriamo che, in caso di bisogno, essa può diventare un validissimo aiuto finanziario, sia come fondo per i familiari, sia come rendita aggiuntiva una volta in pensione.

Leggi tutto...

Il principio di colpevolezza

Il principio di colpevolezza delimita ciò che è illecito sotto il profilo penale e determina la pena da applicare. Il codice penale italiano non usa il termine colpevolezza, ma il nostro ordinamento giuridico lo considera uno dei principi fondamentali della responsabilità penale.

Leggi tutto...

Diritto Parlamentare: come funziona?

Anche i deputati e i senatori hanno una branca del diritto costituzionale che regola e si occupa di valutare il corretto andamento della gestione e di tutto quello che concerne il Parlamento. Tutto quello che concerne infatti l’operato del Parlamento rientra nel diritto parlamentare.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Redditi dominicali: sai di cosa si parla?

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi tutto...

Il Calcolo ISEE on line: come effettuarlo?

ISEE è una sigla che sta per Indicatore Situazione Economica Equivalente. Tale indicatore è uno strumento necessario ad individuare la condizione economica di una famigliaCalcolare l'ISEE online è importante nel momento in cui una famiglia vuole richiedere delle prestazioni agevolate, ed è un indicatore necessario in tutta una serie di interventi che hanno a che fare con la Famiglia e codice civile

Leggi tutto...

Istruzioni CUD: cos'è, a cosa serve e come si compila

A partire dal 1998, nell'ambito della burocrazia e della documentazione fiscale relativa alla dichiarazione dei redditi, è entrato in vigore il certificato unico dipendente, meglio noto come CUD: cos'è di preciso?

Leggi tutto...

Coefficiente rivalutazione TFR 2017: a cosa serve?

Il trattamento di fine rapporto consiste in una parziale retribuzione del lavoratore subordinato, effettuata dal datore di lavoro e differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Al 31 dicembre di ogni anno entra in gioco il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR. Bisogna infatti in quella data rivalutare la somma complessivamente accantonata al 31 dicembre dell'anno precedente.

Leggi tutto...

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reddito esente IRPEF: scopri come calcolarlo!

L'Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche, abbreviata con l'acronimo IRPEF, è regolata dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi, il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917. Si tratta di un'imposta italiana diretta, personale, progressiva, generale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione da 1 a 5 punti patente: tutti i casi

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Multe per eccesso di velocità: ecco una guida imperdibile

Le sanzioni e le relativo multe per eccesso di velocità, in seguito alle modifiche portate al codice della strada nell'estate del 2010, vanno a farsi più severe.

Leggi tutto...
Go to Top