Affari milioniari che hanno riguardato sempre più soggetti quelli delle navi portacontainer da un capo all’altro del globo. Spedizioni verso i Paesi del sud del mondo, di navi stracariche di scorie prodotte dalle aziende, un modo per smaltire i rifiuti senza incidere sui bilanci aziendali e senza disturbare gli affari.

E’ accaduto per diverso tempo, nella sostanziale indifferenza degli Stati, almeno fino a quando le comunità locali dove avevano luogo gli sversamenti ,come quella libanese o somala, si sono ribellate costringendo la Comunità internazionale a prendere precisi provvedimenti e a mettere al bando il dumping ambientale.

Ecomafia globale: uno strumento efficace per la risoluzione

L’articolo 260 del Dlgs 152/06, entrato in vigore nel 2001, risulta essere uno strumento efficace per affrontare questo fenomeno criminale che opera su scala globale. Cosa sancisce nello specifico?

Questo articolo rappresenta l’unico baluardo per contrastare un fenomeno criminale multiforme e da elevata pericolosità. L’intera protezione penale dell’ambiente, infatti, si riduce a mere contravvenzioni. Il vero avanzamento nella lotta alle ecomafie si avrà solo con l’introduzione nel codice penale “dei delitti contro l’ambiente”. Tale modifica avrebbe non solo un alto valore simbolico connesso alla centralità del codice penale, ma fornirebbe, finalmente, quegli strumenti giuridici, reclamati ormai da anni da magistrati, investigatori e ambientalisti, idonei a contrastare questo fenomeno criminale"

Dove si dislocano i rifiuti legati all'ecomafia

- Quando si parla di ecomafie dunque, generalmente ci si riferisce alle associazioni criminali dedite al traffico e allo smaltimento illegale di rifiuti. Dove si dislocano maggiormente le aree di smaltimento abusivo e che tipologia di rifiuti è interessata da queste operazioni?

Per anni il Sud è stata la pattumiera di rifiuti tossici e nocivi provenienti dalle industrie del nord Italia. Le inchieste hanno fatto luce su intrecci criminali tra imprenditori, camorristi e apparati della pubblica amministrazione collusi, che hanno letteralmente devastato interi territori.

Ricordo che a metà degli anni ’90, all’epoca del mio impegno come guardia ecologica, sono stato testimone oculare di interramenti di rifiuti avvenuti in provincia di Napoli, frettolosamente ricoperti in meno di 48 ore. Sullo stesso terreno, poi, poco dopo sono stati costruite immobili abusivi.

Il salto di qualità, rappresentato dalla creazione o dall’acquisizione di società che operavano sul mercato legale, è più recente e databile intorno agli inizi degli anni ’90. E l’aspetto più evidente della presenza illecita in questo settore è rappresentato proprio dalle discariche abusive: è un’impresa ardua provare a censire le discariche illegali create in Italia. Tanto per fare un esempio, nella sola provincia di Caserta in tre anni sono state sequestrate circa 1000 discariche abusive. Si tratta di un fenomeno che ha subìto modifiche nel corso degli ultimi anni.

Fino all’inizio degli anni Novanta, anche per la generale disattenzione con cui il tema veniva seguito, sono state realizzate discariche illegali di enormi dimensioni, capaci di raccogliere centinaia di migliaia di tonnellate di rifiuti.

Adesso, a causa anche della maggiore attenzione diffusa sul territorio, le associazioni criminali privilegiano la tattica del “mordi e fuggi”: piccole buche capaci di ospitare pochi carichi, e che all’occorrenza possono essere coperte in brevissimo tempo. Non solo rifiuti pericolosi, ma anche urbani, molte inchieste hanno attestato le infiltrazioni in questo ambito.

‘Nel 2010 sono state sequestrate 11.400 tonnellate di rifiuti diretti prevalentemente in Cina, India, Africa, il 35% dei quali composto da materie plastiche e pneumatici fuori uso. I principali porti di spedizione si sono rivelati quelli di Genova, Venezia, Napoli, Gioia Tauro e Taranto. Nel porto di Taranto, nell’ultimo anno, sono stati intercettati 60 container fuori legge, con dentro 1.400 tonnellate di pattume.

Un’attività repressiva che è cresciuta negli anni, segno del progressivo raffinamento del lavoro di intelligence, e di un lavoro di squadra esteso a livello globale. Bloccare questi flussi criminali è difatti l’obiettivo prioritario degli inquirenti. Ogni anno, solo nei nostri porti, si movimentano circa 4.400.000 container, 750 mila dei quali diretti in Cina.

Un flusso mostruoso di scarti composti soprattutto da materiali riciclabili, sottratti alle ditte italiane e inghiottiti nei meandri dell’ecomafia globale’’ – è quanto viene riportato in un dossier stilato da Legambiente e Polieco, dal titolo ’Ecomafia globale. Radiografia dei traffici illeciti di rifiuti:i numeri, le rotte, i Paesi coinvolti e le proposte’.





Potrebbe interessarti

Commissione dell'Unione Europea: metodologia di giudizio della legge di bilancio

Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione Europea ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Leggi tutto...

Marche da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo.

Leggi tutto...

Il diritto finanziario: di cosa si tratta?

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Leggi tutto...

Cosa spetta per la Paternità: Permessi, Ferie

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Leggi tutto...

Congedi di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il congedo anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Capacità contributiva: gli indici e altre informazioni

Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Leggi tutto...

Come compilare una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Leggi tutto...

Tabelle redditometro: non devi perderti queste informazioni

Il redditometro è da mesi fonte di numerose polemiche che lo considererebbero violazione della privacy dei cittadini italiani, questo secondo quanto dichiarato da alcuni giudici tributari.

Leggi tutto...

Come amministrare un condominio: spese condominiali e altro

Se vivete in un condominio è d'obbligo conoscere temi quali quelli connessi alle spese condominiali. La ripartizione di questi costi avviene in base agli artt. 1123, 1124, 1125 e 1126 c.c. Oltre a tutto ciò è importante trattare argomenti come quelli che riguardano i costi per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni.

Leggi tutto...

CAF UIL di Roma: vediamo a chi rivolgersi

I CAF, o centri di Assistenza Fiscale, sono delle organizzazioni importantissimi per chi ha bisogno di una mano dal punto di vista della materia fiscale. Per quanto riguarda gli iscritti alla UIL di Roma, è possibili usufruire dei servizi di centri particolari, rivolti esclusivamente a questo tipo di profili.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Assegno Trasferibile: ecco quello che c'è da sapere

L'assegno trasferibile è uno strumento che permette al titolare di un conto corrente, il pagamento di una somma ad un altro soggetto. L’assegno bancario è valido quando esiste una reale somma di denaro all'interno del conto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cosa è l'usufrutto: non perderti quest'approfondimento

 

Nell'ambito del diritto, un termine assai ricorrente è quello di usufrutto. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e cosa implica la sua presenza.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Informazioni sul pignoramento: dall'impignorabilità allo stipendio

Nella scelta dei beni su cui effettuare il pignoramento mobiliare, vanno esclusi alcuni determinati oggetti a causa del loro valore morale (oggetti votivi, fede nuziale) o a causa del bisogno che ne ha il debitore per poter continuare una vita normale (elettrodomestici...).

Leggi tutto...
Go to Top