Il tribunale ordinario rappresenta, nell'ordinamento italiano, l'organo giurisdizionale cui competono cause civili e penali, in primo grado, le quali non siano di competenza di altri giudici. In appello, il tribunale ordinario si occupa di cause su cui si è già pronunciato il giudice di pace.

Ogni tribunale ordinario si occupa esclusivamente di cause avvenute nel proprio circondario di competenza, limitato alla propria circoscrizione territoriale.

La composizione del Tribunale Ordinario

Ogni tribunale ordinario, nelle funzioni giudicanti, può essere composto in maniera monocratica, ovvero come organo composto da un solo magistrato, definito giudice unico.

Altrimenti, il tribunale ordinario può essere composto da un collegio di tre magistrati, rispettivamente il presidente e due giudici a latere: si ha in questo caso un tribunale collegiale, previsto per legge solo in casi straordinari.

Le funzioni

In quanto tale, il tribunale ordinario si occupa in prima istanza delle cause civile che non competono al giudice di pace o al tribunale per i minorenni, e di tutte le cause penali che non sono di competenza dei due organi già citati, della corte d'assise e del tribunale militare.

In caso di appello, invece, il tribunale ordinario si occupa delle impugnazioni contro le sentenze già pronunciate dal giudice di pace in ambito civile e penale.
Nel primo caso, le sentenze sono impugnabili davanti alla corte d'appello, mentre nel secondo caso, possono essere impugnate solo ricorrendo alla Cassazione.

Tribunale dei ministri

Nel caso di un reato commesso dal Presidente del Consiglio o da Ministri nell'esercizio delle loro funzioni, è previsto l'istituto del Tribunale dei Ministri.

Organi del fallimento

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Tribunale fallimentare

Il principale organo dedicato a presiedere sull'intera procedura fallimentare è il cosiddetto tribunale fallimentare. Il tribunale ha luogo dove è stanziata la sede principale dell'impresa che ha dichiarato fallimento, e quindi è l'organo competente a determinare le azioni che ne derivano.

Ogni provvedimento stabilito dal tribunale fallimentare è pronunciato tramite decreto.

Nel caso in cui l'impresa ha trasferito la propria sede l'anno che precede la domanda di fallimento, tale fatto non risulta determinante ai fini della competenza territoriale del tribunale stesso.

La Corte di Cassazione, infatti, può stabilire univocamente in merito ad una eventuale incompetenza da parte del tribunale fallimentare, e dunque decidere di trasmettere gli atti da un tribunale considerato incompetente ad uno dichiarato competente.

Compiti particolari

Il tribunale fallimentare possiede inoltre dei compiti particolari, che possono essere riassunti nei seguenti punti:

  • nomina il giudice delegato nonché il curatore, sorvegliandone l'operato e potendoli sostituire per giustificato motivo
  • opera sostituzioni nel comitato dei creditori su richiesta dei creditori
  • decide controversie che esulano dalla competenza del giudice delegato o in caso di reclamo contro gli atti di quest'ultimo
  • può chiedere in qualsiasi momento informazioni e chiarimenti al fallito, al comitato dei creditori ed al curatore

Tutta questa serie di compiti del tribunale fallimentare vengono adottati dunque attraverso decreto, a meno di altre disposizioni.

Un tempo tali decreti risultavano inoppugnabile, mentre ora è prevista l'impugnabilità tramite reclamo in Corte d'Appello entro il termine di 10 giorni dalla notifica o ricevuta notizia.

Tipologie di tribunali

Il tribunale è il luogo in cui si amministra la giustizia. In Italia, il termine può indicare anche l'edificio in cui hanno sede i giudici, o ancora il giudice in persona. Inoltre, con questo termine si indica anche genericamente un organo collegiale e l'ufficio giudiziario di cui questo fa parte.

In Italia vanno ad assumere la denominazione una serie di ordinamenti che possono anche essere estranei allo Stato, i quali sono identificati appunto con il termine accompagnato da una parola che ne specifica la competenza.

In Italia esistono numerose tipologie, a seconda del loro ambito di competenza:

  • Tribunale ordinario
  • Tribunale in composizione monocratica (ordinamento penale italiano)
  • Tribunale per i minorenni
  • Tribunale Amministrativo Regionale (TAR)
  • Tribunale militare
  • Tribunale Regionale delle Acque Pubbliche
  • Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche
  • Tribunale dei ministri
  • Fanno parte della categoria anche quelli di diritto canonico:
  • Tribunale della Rota Romana
  • Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
  • Tribunale diocesano
  • Tribunale della Città del Vaticano




Potrebbe interessarti

Le droghe legali ed il fenomeno delle smart drug

“Le Smart drugs” o “Smart nutrients” fanno parte di un fenomeno nuovo, in vasta crescita in Europa, che hanno l'obiettivo di simulare l’effetto di droghe illegali pur essendo legali, poiché sono composte essenzialmente da elementi di origine naturale.

Leggi tutto...

Perquisizione personale: sai quando è davvero necessaria?

La perquisizione rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

Leggi tutto...

Fedina Penale: consultazione e rilascio

Una delle cose più importanti in materia di diritto penale è sicuramente il certificato penale, meglio conosciuta come fedina penale. Per essere un buono ed onesto cittadino ai sensi della Legge e nei confronti dello Stato, è infatti fondamentale avere una fedina penale pulita.

Leggi tutto...

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Leggi tutto...

La riforma del divorzio breve: ecco in cosa consiste

Non sempre l'unione tra due coniugi va a buon fine. Capita spesso infatti che per motivi di varia natura e legati a diverse incomprensioni tra marito e moglie si prenda la decisione, anche in presenza di figli, di separarsi.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Buoni ordinari del tesoro: come funzionano?

I BOT, ovvero i buoni ordinari del tesoro, sono dei titoli a breve scadenza emessi dallo stato, da molti considerati come titoli con un rischio pari allo zero. Sono un titolo senza cedola, della durata massima di 12 mesi, che vengono emessi dallo Stato Italiano per finanziare il debito pubblico.

Leggi tutto...

Cos’è l’Anatocismo? Come si calcola?

La parola anatocismo sta a significare la capitalizzazione degli interessi su un capitale, in modo che siano produttivi di altri interessi (questi interessi vengono poi dichiarati composti). La legge italiana autorizza il pagamento degli interessi legali sulle quote di debito, che non sono state saldate a scadenza. 

Leggi tutto...

CAF UIL di Roma: vediamo a chi rivolgersi

I CAF, o centri di Assistenza Fiscale, sono delle organizzazioni importantissimi per chi ha bisogno di una mano dal punto di vista della materia fiscale. Per quanto riguarda gli iscritti alla UIL di Roma, è possibili usufruire dei servizi di centri particolari, rivolti esclusivamente a questo tipo di profili.

Leggi tutto...

Come amministrare un condominio: spese condominiali e altro

Se vivete in un condominio è d'obbligo conoscere temi quali quelli connessi alle spese condominiali. La ripartizione di questi costi avviene in base agli artt. 1123, 1124, 1125 e 1126 c.c. Oltre a tutto ciò è importante trattare argomenti come quelli che riguardano i costi per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni.

Leggi tutto...

Adempimento dell’obbligazione: come annullare i debiti

L’adempimento dell’obbligazione consiste nell’esecuzione a favore del creditore della prestazione dovuta dal debitore. Quest’ultimo annulla l’obbligazione. L’adempimento deve essere: esatto (fedele a quanto stabilito nel titolo dell’obbligazione), per intero (in linea con le norme dispositive di legge su qualità), nel luogo e nel tempo previsti per l’adempimento dell’obbligazione. La materia è disciplinata dal diritto privato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Società semplice: come si amministra?

Nell'ambito giuridico delle imprese italiane, viene definita come società semplice quella più elementare. Non può essere utilizzata per esercitare una attività commerciale, e a partire dal 2001 va comunque iscritta presso la sezione speciale del registro delle imprese per le seguenti ragioni: come funzione dichiarativa, per finalità di pubblicità legale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La prescrizione per le multe: vediamo come funziona

Quando va in prescrizione una multa? E' necessario chiarire questo aspetto in quanto bisogna fare attenzione alle varie norme del codice della strada che nel corso degli anni possono aver ingenerato confusione negli utenti della strada. I termini di prescrizione di una multa sono specificati nell'art. 209. del codice della strada, secondo il quale:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contestare una multa: ecco come fare

Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure il giudice di pace.

Leggi tutto...
Go to Top