Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile italiano. Il codice civile italiano infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Il testo di partenza è datato 1942, e per questo ha subito molti cambiamenti, soprattutto in merito ai contenuti che sono stati aggiornati all'orientamento della società nel corso dei decenni.

Il codice civile italiano sulla famiglia originario, datato 1942, si basava su una concezione patriarcale dei rapporti personali, per questo discrimina spesso moglie e figli rispetto al pater familias. In particolare, vengono degradati i figli considerati illegittimi e nati fuori dal matrimonio. Inoltre, si occupa anche di tematiche quali separazione e divorzio.

Codice civile italiano: la famiglia nella Costituzione

Le basi di questa disciplina giuridica sono riportate nella Costituzione, che prevede alcuni principi fondamentali quali l'autonomia della famiglia, l'uguaglianza fra i coniugi, l'autonomia educativa, la tutela dei figli extra-matrimonio, il sostegno dello Stato all'educazione della famiglia.

In particolare le norme della costituzione relative sono le seguenti:

Articolo di legge 29

"La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sulla eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare".

Articolo 30 del Codice Civile Italiano

"È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità".

Cos'è il Codice civile italiano

In materia di diritto civile sono tante le norme che ne regolano il suo corretto svolgimento e adempimento ai sensi di legge. E' rappresentato infatti da tutte quelle norme che sono nate per disciplinare i rapporti tra i privati; esso fa infatti parte, con il diritto commerciale, del diritto privato.

Il diritto civile è volto a legittimare e regolamentare tutte le dinamiche legate dunque ai contratti o ai rapporti di successione, nonché alle responsabilità civili, ai diritti degli individui e delle loro famiglie.

Sono da includersi anche norme giuridiche relative al diritto processuale. Le leggi garanti sono inoltre incluse nel codice di procedura civile italiano. Il codice civile italiano è dunque l'insieme di leggi nate per regolamentare le materie di diritto civile. Il primo codice è entrato in vigore nel 1942 con il Decreto Regio del 16 marzo, numero 262; venne stilato in sostituzione di quello emesso nel 1865, definito codice Pisanelli dal cognome di colui che lo emanò. Con la Costituzione della Repubblica Italiana, è la fonte principale del diritto civile stesso.

La caratteristica principale del 1942, e che lo differenzia da quello di altri Stati europei, è quella di contenere argomenti sia di diritto civile che di diritto commerciale. Negli anni il codice civile italiano ha subito numerose aggiunte e modifiche a quello originario.

Il codice civile italiano è costituito da sei libri, ciascuno suddiviso in Titoli, e tra gli argomenti fondanti c'è proprio il rapporto tra lo stesso e la famiglia. Il Primo Libro (“Delle persone fisiche e della famiglia”) contiene comunque delle nozioni generali sugli organi giudiziari e sul diritto civile stesso, puntando i suoi contenuti proprio sulle persone fisiche e sulla famiglia.

Il Secondo Libro (“Delle successioni”) ha dei contenuti in materia di processi, giurisdizione e tratta in primis le disposizioni generali sulle successioni. I meccanismi di attuazione vera e propria sono invece contenuti all'interno del Terzo Libro (“Della proprietà”) che analizza e disciplina anche le dinamiche legate alla proprietà.

Il Quarto Libro (“Delle obbligazioni”) si occupa di tutti i provvedimenti speciali e di tutti gli affari legati ad obbligazioni, contratti, pagamenti, illeciti civili eccc.

Il Quinto Libro (“Del Lavoro”), assieme al Sesto (“Della tutela dei diritti”) e all'ultimo, si occupa del Lavoro e della tutela e dei diritti del lavoratore e degli individui.

Codice civile italiano: riforme diritto familiare

Codice civile italiano

Già dal 1975 subisce sostanziali riforme grazie alla legge del 19 maggio 1975, n. 151 "Riforma del diritto di famiglia".

Grazie a questa Legge, si riconosce ai coniugi la parità giuridica, si va ad abolire l'istituto della dote, e finalmente anche i figli “illegittimi” ricevono la stessa tutela dei figli illegittimi. Un altra riforma prevede l'istituto della comunione dei beni, e la patria potestà lascia il passo alla potestà della coppia dei genitori.

Al momento della morte di un coniuge, il coniuge rimasto in vita diventa erede diretto.

Riforme successive

Nel corso degli anni queste sono state le principali riforme del codice civile italiano sulla famiglia:

  • la legge n. 431/1967 sull'adozione e l'affido dei figli;
  • nel 1970 si introduce la legge che disciplina il divorzio, modificata nel 1987;
  • nel 1985 si modifica la disciplina del matrimonio concordatario;
  • nel 2004 viene regolamentata la cosiddetta procreazione medica assistita;
  • nel 2006 viene riformato l'assetto dei rapporti fra genitori e figli con la legge cosiddetta sull'affidamento condiviso.


Potrebbe interessarti

Adozione per single: quando sarà possibile in Italia?

 

Secondo quanto previsto dalla Convenzione di Strasburgo sui fanciulli del 1967, l'adozione da parte di un genitore single non sarebbe un tabù. Infatti, tale Convenzione, che in pratica contiene le linee guida relative all'adozione di minori, non conterrebbe nulla in contrario.

Punti di invalidità: un approfondimento completo su come farne richiesta

punti invalidità

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Cos’è l’Attività istruttoria

Entriamo nel dettaglio di una delle attività più importanti del processo amministrativo. L'attività istruttoria è infatti un’attività volta ad individuare la realtà dei fatti. Ovviamente precede l'attività di trattazione (che viene inserita per l'individuazione della disciplina giuridica applicabile). 

Legge sul Daspo? Vediamo insieme com'è regolata

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Significato di accise: spieghiamo alcune tipologie specifiche di imposte

 Accise: significato

Da quando è stata costituita l’UE, l’Unione Europea, ogni stato che fa parte dei membri ha scelto di applicare delle imposte riguardanti la fabbricazione di alcuni prodotti che hanno un vasto consumo.

Le commissioni tributarie: scopriamo qual è il loro ruolo?

commissioni tributarie

Nell'ambito dell'ordinamento italiano, esistono particolari organi giurisdizionali denominati Commissioni tributarie. Queste sono dei giudici particolari che si esprimono in materia tributaria.

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Leggi anche...

CAF UIL di Genova: gli indirizzi e i recapiti di tutti (o quasi) gli uffici

CAF UIL di Genova

Secondo la convenzione del 22 gennaio 2015 firmata con l’INPS nella persone del commissario straordinario Tiziano Treu, saranno bloccati per sei mesi i compensi per i CAF che in questo periodo collaboreranno con l’Istituto di Previdenza per la trasmissione delle dichiarazioni ISEE (acronimo di Indicatore della Situazione Economica Equivalente). Questo indicatore serve per permettere ad alcune famiglie particolari agevolazioni per quanto riguarda l’ambito della scuola, del sociale e della sanità. Nel luglio del 2015, tali compensi saranno nuovamente rivisti e forse adeguati.

Leggi anche...

Multa per semaforo rosso: la sanzione più salata?

multa passaggio con rosso

La multa per il passaggio con il rosso è sicuramente la più dura da digerire per un'automobilista, sia perchè vengono tolti punti patente, sia perchè spesso non ci si accorge o non si ricorda dell'infrazione effettuata.

Go to Top