Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile italiano. Il codice civile italiano infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Il testo di partenza è datato 1942, e per questo ha subito molti cambiamenti, soprattutto in merito ai contenuti che sono stati aggiornati all'orientamento della società nel corso dei decenni.

Il codice civile italiano sulla famiglia originario, datato 1942, si basava su una concezione patriarcale dei rapporti personali, per questo discrimina spesso moglie e figli rispetto al pater familias. In particolare, vengono degradati i figli considerati illegittimi e nati fuori dal matrimonio. Inoltre, si occupa anche di tematiche quali separazione e divorzio.

Famiglia nella Costituzione

Le basi di questa disciplina giuridica sono riportate nella Costituzione, che prevede alcuni principi fondamentali quali l'autonomia della famiglia, l'uguaglianza fra i coniugi, l'autonomia educativa, la tutela dei figli extra-matrimonio, il sostegno dello Stato all'educazione della famiglia.

In particolare le norme della costituzione relative sono le seguenti:

Articolo 29

"La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sulla eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare".

Articolo 30

"È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità".

Cos'è il diritto civile

In materia di diritto civile sono tante le norme che ne regolano il suo corretto svolgimento e adempimento ai sensi di legge. E' rappresentato infatti da tutte quelle norme che sono nate per disciplinare i rapporti tra i privati; esso fa infatti parte, con il diritto commerciale, del diritto privato.

immagine per Codice civile italiano

Il diritto civile è volto a legittimare e regolamentare tutte le dinamiche legate dunque ai contratti o ai rapporti di successione, nonché alle responsabilità civili, ai diritti degli individui e delle loro famiglie.

Sono da includersi anche norme giuridiche relative al diritto processuale. Le leggi garanti sono inoltre incluse nel codice di procedura civile italiano. Il codice civile italiano è dunque l'insieme di leggi nate per regolamentare le materie di diritto civile. Il primo codice è entrato in vigore nel 1942 con il Decreto Regio del 16 marzo, numero 262; venne stilato in sostituzione di quello emesso nel 1865, definito codice Pisanelli dal cognome di colui che lo emanò. Con la Costituzione della Repubblica Italiana, è la fonte principale del diritto civile stesso.

La caratteristica principale del 1942, e che lo differenzia da quello di altri Stati europei, è quella di contenere argomenti sia di diritto civile che di diritto commerciale. Negli anni il codice civile italiano ha subito numerose aggiunte e modifiche a quello originario.

Il codice civile italiano è costituito da sei libri, ciascuno suddiviso in Titoli, e tra gli argomenti fondanti c'è proprio il rapporto tra lo stesso e la famiglia. Il Primo Libro (“Delle persone fisiche e della famiglia”) contiene comunque delle nozioni generali sugli organi giudiziari e sul diritto civile stesso, puntando i suoi contenuti proprio sulle persone fisiche e sulla famiglia.

Il Secondo Libro (“Delle successioni”) ha dei contenuti in materia di processi, giurisdizione e tratta in primis le disposizioni generali sulle successioni. I meccanismi di attuazione vera e propria sono invece contenuti all'interno del Terzo Libro (“Della proprietà”) che analizza e disciplina anche le dinamiche legate alla proprietà.

Il Quarto Libro (“Delle obbligazioni”) si occupa di tutti i provvedimenti speciali e di tutti gli affari legati ad obbligazioni, contratti, pagamenti, illeciti civili eccc.

Il Quinto Libro (“Del Lavoro”), assieme al Sesto (“Della tutela dei diritti”) e all'ultimo, si occupa del Lavoro e della tutela e dei diritti del lavoratore e degli individui.

Riforme diritto familiare

Già dal 1975 subisce sostanziali riforme grazie alla legge del 19 maggio 1975, n. 151 "Riforma del diritto di famiglia".

Grazie a questa Legge, si riconosce ai coniugi la parità giuridica, si va ad abolire l'istituto della dote, e finalmente anche i figli “illegittimi” ricevono la stessa tutela dei figli illegittimi. Un altra riforma prevede l'istituto della comunione dei beni, e la patria potestà lascia il passo alla potestà della coppia dei genitori.

Al momento della morte di un coniuge, il coniuge rimasto in vita diventa erede diretto.

Riforme successive

Nel corso degli anni queste sono state le principali riforme del codice civile italiano sulla famiglia:

  • la legge n. 431/1967 sull'adozione e l'affido dei figli;
  • nel 1970 si introduce la legge che disciplina il divorzio, modificata nel 1987;
  • nel 1985 si modifica la disciplina del matrimonio concordatario;
  • nel 2004 viene regolamentata la cosiddetta procreazione medica assistita;
  • nel 2006 viene riformato l'assetto dei rapporti fra genitori e figli con la legge cosiddetta sull'affidamento condiviso.

 





Potrebbe interessarti

Bambini immigrati in mensa: cosa prevede la legge

L’Italia è un paese che vanta da sempre grandi capacità di accoglienza sia in termini di solidarietà che di efficienza ricettiva, così come è noto che l’Italia è un paese crocevia del Mediterraneo, paese di transito, di emigrazione e di immigrazione

Leggi tutto...

Tipi di referendum: li conosci tutti?

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

Leggi tutto...

Legge sul testamento biologico: a che punto siamo in Italia?

Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenzo da parte del diretto interessato.

Leggi tutto...

Questura centrale di Roma

La questura rappresenta un ufficio della Polizia di Stato in possesso di diverse competenza provinciali. Il compito principale della questura centrale di Roma è garantire il mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica. Per il conseguimento di questo scopo viene effettuata una costante attività di prevenzione e repressione dei reati.

Leggi tutto...

Le droghe legali ed il fenomeno delle smart drug

“Le Smart drugs” o “Smart nutrients” fanno parte di un fenomeno nuovo, in vasta crescita in Europa, che hanno l'obiettivo di simulare l’effetto di droghe illegali pur essendo legali, poiché sono composte essenzialmente da elementi di origine naturale.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Tabelle redditometro: non devi perderti queste informazioni

Il redditometro è da mesi fonte di numerose polemiche che lo considererebbero violazione della privacy dei cittadini italiani, questo secondo quanto dichiarato da alcuni giudici tributari.

Leggi tutto...

Tasse sugli Immobili: alcune cose che devi conoscere

Uno degli aspetti chiave della manovra finanziaria dell’attuale governo è la revisione delle tasse sugli immobili, che riguarda la regolamentazione delle imposte relative agli affitti degli appartamenti dati in locazione e il pagamento delle imposte relative alla proprietà di una casa.

Leggi tutto...

8 x 1000: la lista dei beneficiari

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'otto per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi tutto...

Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono esattamente?

Immagine presente nell'articolo Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono esattamente?

Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Leggi tutto...

Tasso fisso e variabile: i trucchi per scegliere bene il mutuo

I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Leggi tutto...

Leggi anche...

I commercialisti di Milano: trova i più autorevoli!

I commercialisti di Milano svolgono, in questa città, una funzione particolarmente importante: in quanto polo industriale, il capoluogo della Lombardia necessita infatti di simili figure professionali che, grazie alla loro competenza, possano aiutare le piccole e grandi imprese nella gestione dei loro affari.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Immagine riferita all'articolo La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quand’è che si parla di Crimine informatico?

Un crimine informatico si caratterizza nell’abuso della tecnologia informatica. Tutti questi reati hanno in comune:

Leggi tutto...
Go to Top