Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Dati necessari per compilare la cambiale

Come dati personali, vanno indicati: nome, luogo di nascita, data di nascita, codice fiscale del soggetto "trattatario", ovvero di chi è indicato come colui che pagherà la cifra. Questi deve aggiungere anche la scadenza del pagamento, e successivamente va indicato il nome del beneficiario, ovvero di colui a cui intende farsi il pagamento. Seguono le indicazioni spazio-temporali dell'emissione della cambiale.

Va inserita ora la sottoscrizione del soggetto "traente". Se mancasse uno dei dati finora indicati, il documento non assume il valore di cambiale e in caso di mancato pagamento della stessa, possono sorgere azioni esecutive; ma questo non avviene nei seguenti casi:

  • omissione del luogo di pagamento. Viene considerato tale il luogo che appare vicino al nome del trattatario.
  • omissione del luogo di emissione. Viene considerato tale il luogo indicato vicino al nome del traente.
  • omissione della data di scadenza. La cambiale viene considerata "a vista".

E’importante sapere che l’indicazione della scadenza quando si compila la cambiale può essere di vari tipi, che sono illustrati nell’elenco che segue.

  • Una data precisa, ad esempio il 20 settembre.
  • Tra un determinato periodo di tempo che inizia dal giorno in cui è stata emessa la cambiale, ad esempio tra due mesi.
  • A vista, in questo caso il creditore riceverà il pagamento della somma dovuta, nel momento in cui presenterà la cambiale al suo debitore o a chi risponde per lui. E’importante sapere che la cambiale deve essere presentata entro massimo un anno dalla data di emissione.
  • A certo tempo vista.

Nel caso in cui sul documento non sia presente una data di scadenza, la cambiale è considerata a vista e quindi sarà saldata al momento della sua presentazione. E’importante sapere che la data di scadenza non può essere riferita a un periodo precedente alla data di emissione del documento, alla data di integrazione dei bolli e alla data in cui è stato trascritto il contratto in Tribunale. Inoltre non può essere riferita ad una data posteriore di oltre 5 anni rispetto alla sua data di emissione. Nel giorno di scadenza il documento dovrà essere portato nel luogo indicato sul titolo, la maggior parte delle volte una banca, quest’ultima provvederà al pagamento della somma indicata.

Il retro del documento

Le informazioni sopra descritte si riferivano alla parte anteriore, di seguito sono illustrate invece le parti che si devono compilare sul retro della cambiale

  • Il bollo, la cui somma è proporzionale a quella debitoria.
  • La girata, che comprende il nome del giratario, la data e la firma del girante. Nel caso in cui si tratti di una cambiale in bianco è necessario apporre solo la firma del girante ed il documento diventa così un titolo al portatore.

Ci sono alcuni elementi che possono essere opzionali all’interno di un documento di pagamento e sono riportati nell’elenco che segue.

  • La scadenza, che com’è stato già detto può essere a vista, a certo tempo a vista, a giorno fisso e a certo tempo data.
  • Il luogo di emissione del documento.
  • Il luogo dove avverrà il pagamento della somma riportata, nel caso in cui non sia espressamente scritto si considera il luogo di emissione.
  • L’avallo, vale a dire una garanzia che può essere richiesta dal beneficiario.

Come correggere una cambiale

Diciamo subito che apportare una modifica a una cambiale è del tutto possibile. Dobbiamo però sottolineare che la cambiale rimarrà comunque un titolo esecutivo e per questo protestabile. Ovviamente occorre rispettare determinati canoni e prestare particolare attenzione nella compilazione. Volete cambiare la data di riscossione della cambiale, dando così più tempo alla persona debitrice per restituirvi il denaro ma non sapete come fare?

La correzione è semplicissima, basterà apportare le firme di entrambe le persone affianco alla data modificata. La nuova data dovrà essere scritta fra le righe, ovvero subito sotto data già esistente e subito sopra il resto del testo.

Abbiamo chiarito che qualsiasi tipo di cambiamento in una cambiale può essere attuato purché sia sottoscritto da entrambe le parti, ovvero siano partecipi tutti i protagonisti, senza alcun tipo di dolo.

Valore marche da bollo su cambiali

Per la corretta compilazione della cambiale occorre affrancare alla suddetta un bollo, più conosciuto come marca da bollo. Quando una cambiale è senza bollo, perde il suo valore esecutivo e si perde la possibilità di protestarla ma al tempo stesso mantiene la sua validità.

La domanda che ci viene fatta più spesso è quella su come calcolare il valore del bollo da affrancare al titolo. Questo valore viene calcolato in percentuale al valore stesso della cambiale. Bisogna fare particolare attenzione a utilizzare la marca da bollo del giusto valore. Infatti se questa sarà inferiore alla somma dovuta, la cambiale perderà la sua esecutività, se invece il valore della marca da bollo sarà superiore questa resterà esecutiva.

Occorre, in base alla legge 191/2004, fare una distinzione a seconda se il titolo sia una cambiale tratta o un pagherò:

  • Per la cambiale tratta il valore è del 12 per mille della somma della cambiale
  • Per i pagherò l’imposta è pari all’11 per mille.




Potrebbe interessarti

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Leggi tutto...

Tribunale ordinario: conosciamolo meglio!

Il tribunale ordinario rappresenta, nell'ordinamento italiano, l'organo giurisdizionale cui competono cause civili e penali, in primo grado, le quali non siano di competenza di altri giudici. In appello, il tribunale ordinario si occupa di cause su cui si è già pronunciato il giudice di pace.

Leggi tutto...

La legge sulla banda larga in Italia: approfondimento tematico

Immagine utilizzata nell'articolo La legge sulla banda larga in Italia: ecco come ci si regola nel nostro Paese

Qualcosa si muove nel settore della rete a banda larga in Italia. Infatti, in quella che possiamo considerare l'agenda del digitale in Italia, veniamo a sapere dal Sole 24 ore che è tonata alla ribalta il cosiddetto piano di sviluppo in materia.

Leggi tutto...

Affidamento congiunto: ecco come regolarsi seguendo la legge?

Immagine usata nell'articolo Affidamento congiunto: ecco come regolarsi seguendo la legge?

Non sempre l'unione di due coniugi va a buon fine. Spesso per incomprensioni o altro si decide di separarsi e divorziare e di non condividere più insieme la vita di coppia e l'educazione dei propri figli; a pagare maggiormente per la fine di un matrimonio sono infatti proprio i figli della coppia.

Leggi tutto...

Che cos’è l’Oblazione penale? Quando è usata?

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Quando il preventivo dell’avvocato è troppo alto

 

Il preventivo legale ti sembra troppo alto? E’ possibile contestare la parcella dell’avvocato anche se era stato accettato il preventivo per la consulenza prima?

Leggi tutto...

Imposta IRES: cos'è e come si calcola

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Leggi tutto...

Ormai è possibile richiedere il preventivo di un mutuo anche online

Ormai attraverso internet è possibile fare qualsiasi cosa, anche richiedere il preventivo per un mutuo. I siti che si mettono a disposizione per il calcolo effettivo di un tale prestito sono ormai moltissimi, tutti altamente affidabili e in grado di far ottenere dei reali risparmi al cliente.

Leggi tutto...

Come tutelarsi dalle truffe del trading online

Il trading online è un’attività finanziaria che può diventare remunerativa se condotta con le premesse giuste e le necessarie precauzioni sulla sicurezza per tutelare il proprio denaro; come qualsiasi attività online – da un acquisto e-commerce all’iscrizione a un forum, agli investimenti – occorre porre la massima attenzione per evitare le truffe online.

Leggi tutto...

Società in nome collettivo: ecco le caratteristiche

La società in nome collettivo, detta anche S.n.c. è un tipo di impresa rientra nell'ambito delle società di persone ed è disciplinata dagli articoli 2291-2312 del codice civile; la caratteristica principale è che tutti i soci rispondono in maniera solidale e illimitata in merito ai debiti corrisposti dalla stessa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come aprire una Ditta Individuale

Quando si decide di aprire una attività o un lavoro in proprio, è necessario innanzitutto stabilire la forma giuridica da assumere, secondo quanto stabilisce il diritto commerciale; le alternative sono fra la scelta di lavorare in proprio o costituire una società. Praticamente si tratta di scegliere se diventare un Imprenditore in privato oppure entrare in società.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos'è Equitalia e di cosa si occupa?

In Italia esistono delle Istituzioni pubbliche e delle società che si occupano di diritto soprattutto di natura commerciale e che regolano gli scambi con altri Paesi e le entrate di denaro e i movimenti dello stesso all'interno della Nazione. C'è, ad esempio, una società che a tal proposito è molto importante per l'Italia: cerchiamo di capire cos'è Equitalia e come funziona.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come impugnare cartelle Equitalia

Impugnare le cartelle di Equitalia è, in questo periodo, argomento scottante e di grande interesse per tutti. Quanti di noi hanno ricevuto cartelle Equitalia? La protesta nei confronti del “grande esattore” monta sempre più, sfociando in alcuni casi in pericolose derive. Ma è possibile difendersi dallo stillicidio Equitalia con metodi democratici e legali.

Leggi tutto...
Go to Top