Tutti noi ci siamo sicuramente messi nei panni disperati del povero Paperino, costretto dal suo miliardario zio a firmare al termine di ogni storia una tonnellata di cambiali.

Ma cosa sono effettivamente le cambiali? E quali sono i modi migliori per effettuare la Compilazione di una cambiale in modo da non effettuare errori?Dal punto di vista giuridico, la cambiale è un titolo di credito all’ordine; esso attribuisce al legittimo possessore della cambiale stessa, il diritto incondizionato a farsi pagare una somma determinata entro una scadenza indicata.

Tipologie di cambiale

Esistono due tipologie di cambiale: quella emessa sottoforma di cambiale tratta, e quella emessa come cambiale propria (il cosiddetto "pagherò!")

La prima tipologia di cambiale è costituita da un ordine di pagamento che il soggetto traente dà al soggetto trattario (ovvero colui che si trova in debito), in modo che il creditore (che può essere sia il traente stesso che un terzo soggetto) ne sia beneficiato. Qualora il trattario accetti, assume la condizione di debitore principale verso chiunque entri in possesso di tale documento.

Il "Pagherò" invece inverte i soggetti del documento relativo alla cambiale: è infatti emesso dal debitore, il quale pone in forma scritta la sua promessa di pagare un dato beneficiario.

Bollo sulla cambiale

Esiste una imposta di bollo che grava sull'emissione della cambiale, ed è pari al 12 per mille in caso di cambiali tratte e dell’11 per mille per i "pagherò".

Qualora non sia presente il bollo sulla cambiale, essa può comunque circolare ma senza alcun valore di titolo esecutivo: praticamente, se il debitore non paga, il beneficiario non ha diritto alle azioni legali conseguenti il mancato pagamento. Tale condizione però va comunque espressa da un giudice.

La girata

E’possibile effettuare la girata della cambiale, vale a dire un atto con il quale si traferiscono tutti i diritti ad un altro soggetto, che diventa così il beneficiario dell’importo. Colui che esegue la girata si definisce girante, mentre colui che si fa carico dei diritti di chiama giratario. E’importante sapere che non esiste la girata parziale dell’importo dovuto, ma solo quella totale, che dovrà essere saldata alla scadenza. Il giratario del documento deve essere scritto nella parte posteriore ed esistono due differenti tipologie di girate, che sono illustrate nell’elenco che segue.

  • Girata propria, che a sua volta di divide in pieno e in bianco. La girata in pieno è caratterizzata dalla scritta dicitura “per me pagate al sig...” e inserisce anche i dati relativi alla località, la data e la firma. In quella in bianco invece non si inserisce il beneficiario dell’importo, in questo caso la si può considerare come un titolo al portatore. Il beneficiario può trascrivere il proprio nome, trasferirla direttamente ad un altra persona o girarla di nuovo in bianco.
  • Girata impropria, in questo caso si trasferisce solamente il possesso del documento. Sarà una terza persona, generalmente una banca, che incasserà la somma indicata a nome del girante. Questo genere di girata è caratterizzata dalla dicitura “ all’incasso”.

E’importante sapere che il girante ha la responsabilità sia dell’accettazione della cambiale, sia del pagamento, a meno che sul documento non sia presente la dicitura non trasferibile. Inoltre esistono delle cambiali che non sono trasferibili e si riconoscono dalla presenza della dicitura “ non all’ordine “.

Mancato pagamento

Nel caso in cui allo scadere della cambiale non avvenga il pagamento, il beneficiario della somma riportata sul documento può prendere alcuni provvedimenti, che sono riportati nell’elenco che segue.

  • Azione diretta, che può essere fatta nei confronti del debitore o degli eventuali avallanti. Questo procedimento si prescrive dopo tre anni lo scadere della cambiale e provoca un recupero della somma indicata tramite un precetto di pagamento.
  • Azione di regresso, che deve essere effettuata entro un anno la data di levata del protesto, superato questo periodo di tempo l’azione cade in prescrizione. In questo caso il beneficiario più richiedere il pagamento della somma non riscossa, le spese e gli interessi.
  • Decreto ingiuntivo, è un procedimento grazie al quale è possibile eseguire la riscossione forzata della somma indicata sulla cambiale. Può avvenire anche tramite il pignoramento dei beni del debitore.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Governo Tecnico: quando entra in funzione?

La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. 

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

I più condivisi

Reddito dominicale: un approfondimento sul'argomento

immagine per reddito dominicale

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Leggi anche...

Commercialisti di Firenze: a chi rivolgersi?

La città di Firenze offre delle soluzioni variegate per quel che concerne la scelta del commercialisti. Date un’occhiata alla lista che proponiamo di seguito.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top