Il contratto di lavoro parasubordinato è un tipo di rapporto molto vicino al lavoro subordinato e a quello autonomo. E’ una forma di collaborazione svolta in maniera continuativa, collegata con la struttura organizzativa del datore di lavoro. Sono considerati in lavoro parasubordinato i lavoratori a progetto e i collaboratori occasionali. Per i lavoratori di questo tipo, è stata pensata l’iscrizione alla Gestione Separata Inps. I lavoratori iscritti alla Gestione Separata hanno diritto ad alcune prestazioni erogate dall’Inps (indennità di maternità, indennità di malattia e assegno per il nucleo familiare).

Assicurazione per il contratto per parasubordinati

I lavoratori devono essere assicurati all’Inail (il lavoro parasubordinato ha assunto maggiore importanza con il decreto legislativo del 10 settembre 2003 (il n. 276), che recava attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro. Il Codice Civile discerne il prestatore di lavoro parasubordinato dal contratto d'opera. Questa dualità è arricchita dall'appalto secondo la communis opinio, nell'ambito di un'attività di impresa appaltatrice. Restano quindi fuori del Libro V del Codice tutti quei rapporti di lavoro che sono separati ai modelli economici recepiti dal legislatore del 1942. Soltanto il contratto di agenzia riceve una propria disciplina, all'interno del Libro IV.

immagine per lavoro parasubordinato

Le caratteristiche 

Una delle caratteristiche principali del contratto di lavoro parasubordinato è il fatto che esiste in maniera parallela subordinazione e autonomia. Per quel che concerne la conclusione degli stessi, l'agente deve godere di una certa autonomia negoziale. La sua prestazione in favore del preponente fa parte di un rapporto destinato a durare. Il preponente avrà interesse dunque a prevedere forme di controllo sull'attività dell'agente e di riscontro dei risultati.

Fine dell’era di questo contratto?

Questo tipo di lavoro parasubordinato, insieme ad altre tipologie, ha per anni caratterizzato l’Italia come un Paese all’insegna del precariato. Persone, soprattutto giovani, che non potevano permettersi un minimo di futuro perchè il contratto gli veniva rinnovato di volta in volta, salvo arrivare in talune condizioni dove si veniva scartati. Arrivederci e grazie, con i giovani costretti a ricominciare daccapo in uno scenario generale che peggiorava vista la grave incidenza della crisi economica sull’occupazione in Italia (nel 2014 si è arrivati al 12.9% di disoccupazione e al 43% di disoccupazione giovanile). Il Governo Renzi ha puntato forte sul Jobs Act che nelle intenzioni del Premier dovrebbe dare più respiro alla ripresa occupazionale, con il famoso contratto a tutele crescenti e l’abbandono delle forme di precariato ora esistenti.

Il Presidente del Consiglio ha infatti dichiarato che 200mila lavoratori, che attualmente appartengono alla categoria del lavoro parasubordinato, con la riforma del Jobs tramite i decreti attuativi in via di approvazione, passeranno dai celebri co.co.co a un contratto a tempo indeterminato. Il contratto a tutele crescenti è infatti l’asse portante di tutta la riforma e proprio per questo motivo viene stimolato dal Governo a favore delle imprese, che potranno beneficiare in questo caso di agevolazioni fiscali per assumere più persone. Stesso dicasi del contratto apprendistato, che porterà maggiori benefici all’azienda. Sarà superato anche l’articolo 18 contenuto nello Statuto dei Lavoratori: se prima (al di sopra di aziende con quindici dipendenti) si poteva essere tutelati, ora per i primi anni viene ridotto il campo d’azione dell’articolo 18, fatti salvi i licenziamenti illegittimi per discriminazione o in alcuni casi disciplinari.

La regola generale sarà quella dell’indennizzo economico.
La speranza è che dopo tante chiacchiere e discussioni ci sia davvero in Italia una ripresa dell’occupazione, che possa portare finalmente un avvenire ai nostri tanti giovani che hanno vissuto in questi anni da disoccupati o al massimo con contratti che non avevano nessuna tutela, dalla malattia alle ferie fino al rispetto dei diritti. E’ tempo di dire fine all’era dei co.co.co e co.co.pro e lavoro parasubordinato che sono stati il simbolo di una generazione che ha visto colpire duramente la forza lavoro giovanile.


Potrebbe interessarti

Le normative in merito alle piattaforme elevatrici per disabili

piattaforme-elevatrici-per-disabili.jpg

Uno dei temi sociali più importanti al giorno d’oggi è abbattere tutte quelle barriere e i pregiudizi nei confronti di chi è nato con una disabilità

Tribunale ordinario: ecco spiegato quali sono i suoi compiti?

tribunale ordinario

Il tribunale ordinario rappresenta, nell'ordinamento italiano, l'organo giurisdizionale cui competono cause civili e penali, in primo grado, le quali non siano di competenza di altri giudici. In appello, il tribunale ordinario si occupa di cause su cui si è già pronunciato il giudice di pace.

Detenzione domiciliare presso la propria abitazione

In materia di Diritto Penale, quando a un condannato viene data da scontare una determinata pena sono diverse le forme di detenzione possibili. Nei casi di delitti davvero efferati viene infatti dato l'ergastolo, ovvero la reclusione a vita in carcere; per delitti minori vengono dati determinati anni, a seconda della gravità della pena, da scontare all'interno di un carcere.

Cos’è il Copyright? Quando interviene?

Ne sentiamo molto parlare. Ma cos’è il Copyright? Quando si applica? Scopriamo dunque con l’intervento di oggi la sua storia e il suo utilizzo. Prima di tutto chiariamo che il termine copyright racchiude l'insieme delle normative sul diritto d'autore in vigore nel mondo anglosassone e statunitense.

Cosa spetta per la Paternità: Permessi, Ferie

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Società in nome collettivo: ecco le caratteristiche

La società in nome collettivo, detta anche S.n.c. è un tipo di impresa rientra nell'ambito delle società di persone ed è disciplinata dagli articoli 2291-2312 del codice civile; la caratteristica principale è che tutti i soci rispondono in maniera solidale e illimitata in merito ai debiti corrisposti dalla stessa.

Come tutelarsi dalle truffe del trading online

Il trading online è un’attività finanziaria che può diventare remunerativa se condotta con le premesse giuste e le necessarie precauzioni sulla sicurezza per tutelare il proprio denaro; come qualsiasi attività online – da un acquisto e-commerce all’iscrizione a un forum, agli investimenti – occorre porre la massima attenzione per evitare le truffe online.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi anche...

La tredicesima mensilità: modalità e tassazione

Nell'ambito dei contratti dei lavoratori, è bene verificare se sono presenti le voci relative alla tredicesima e alla Quattordicesima mensilità .

Leggi anche...

La prescrizione per la multa: vediamo come funziona

immagine per prescrizione multe

Quando va in prescrizione una multa? E' necessario chiarire questo aspetto in quanto bisogna fare attenzione alle varie norme del codice della strada che nel corso degli anni possono aver ingenerato confusione negli utenti della strada.

Go to Top