Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo: in questo modo è autorizzato a rappresentare un cliente, dietro pagamento di onorario, durante una controversia giudiziale o extragiudiziale.

Requisiti per la professione di avvocato

Per poter svolgere la professione di avvocato, sono necessari una serie di requisiti: innanzitutto bisogna essere cittadini italiani o comunque cittadini di uno stato membro dell'Unione Europea; bisogna poi avere il pieno possesso dei diritti civili ed avere una laurea. La laurea prevista per esercitare è quella in giurisprudenza vecchio ordinamento, oppure la laurea specialistica in giurisprudenza o, per finire, la laurea magistrale in giurisprudenza di durata quinquennale.

Esami di abilitazione

Per esercitare bisogna effettuare due anni di praticantato presso un Avvocato già abilitato, ed essere in possesso del certificato di tale pratica compiuta: tale certificato viene rilasciato dal Consiglio dell'Ordine di riferimento.
Successivamente per diventare avvocato bisogna superare l'esame di abilitazione alla professione forense, proferire il giuramento presso il proprio Tribunale di residenza, e pagare la quota di iscrizione, consegnando verbale di giuramento e documentazione supplementare presso il proprio Consiglio dell'Ordine. In particolare, l'esame di abilitazione alla professione di avvocato consiste in tre prove scritte, che si svolgono nel periodo di dicembre, ed una prova orale, a partire da 30 giorni dopo i risultati delle prove scritte.

L'avvocato? Ora lo puoi trovare anche in rete

Con lo sviluppo delle tecnologie e, soprattutto, di Internet, rivolgersi ad un avvocato è diventato molto più semplice. Non è più necessario, infatti, telefonare, prendere appuntamento, recarsi fisicamente in uno studio e perdere così il proprio tempo, magari anche solo per una semplice lettera che, però, deve essere scritta da un professionista competente.
Non tutti lo sanno infatti, ma è possibile ottenere consulenza o assistenza legale online, ricevendo il parere di esperti anche direttamente sul web.

Risolvere i propri problemi è, quindi, più facile e immediato, dal momento che alcuni siti, come dirittosemplice.it, permettono di inviare una richiesta di consulenza o assistenza legale in modo molto rapido: basta scegliere la materia, indicare l’oggetto e spiegare il proprio problema, eventualmente allegando anche documenti, per ricevere, entro 24 ore, i preventivi da esperti del settore prescelto.

Agli avvocati è possibile chiedere ogni tipo di assistenza o consulenza legale che viene abitualmente offerta: invio di lettere, recupero crediti, consulenza, redazione di contratti, diffide, ricorsi, lettere, transazioni, procedure di mediazione, ecc. E' così possibile ottenere una risposta in poco tempo ed essere sicuro che la richiesta venga inoltrata solo agli avvocati che abitualmente trattano la materia indicata, in modo da ricevere un preventivo,e poi, dopo aver comparato i preventivi, un parere, solo da legali esperti e specializzati nel settore. Anche il mondo delle professioni è sempre più presente sul web!

In materia di diritto la figura dell'avvocato è fondamentale; dovrà ovviamente essere in regola con la sua professione e in primis, come spesso accade, non essere un ciarlatano. Un avvocato che si rispetti deve essere laureato in giurisprudenza e conoscere appieno tutte le dinamiche di natura giuridica e processuale, al fine di riuscire a difendere in modo valido e coerente il proprio assistito durante un processo importante.

Una delle cose più importanti, come previsto anche per tante altre categorie lavorative, deve possedere per poter esercitare la professione stessa è l'iscrizione all'albo forense. Prima dovrà però effettuare un periodo di due anni di praticantato, presso un altro avvocato abilitato a farlo e che possiede il regolare patentino; alla fine di esso dovrà iniziare le procedure per iscriversi all'albo forense.

Iscrizione e ammissione all'albo

Per poter iscriversi, il futuro avvocato dovrà sostenere un esame specifico; superato tale esame il Consiglio dell'Ordine di competenza, che varia in base al luogo in cui si vorrà esercitare la professione e si effettuerà l'esame stesso, potrà effettuare l'iscrizione.

L'articolo 3 del Regio Decreto del 27 novembre 1933, numero 1578, prevede inoltre che per l'ammissione all'albo forense sono necessari anche degli specifici requisiti che il Consiglio dell'Ordine dovrà valutare per effettuare l'effettiva ammissione di chi ne fa richiesta.

L'esame per l'iscrizione prevede tre prove scritte, che si effettuano solitamente durante il mese di dicembre, e una prova orale prevista trenta giorni dopo i risultati degli scritti. Dopo l'iscrizione all'Albo forense, dovrà fare giuramento innanzi alla Corte d'appello. Solo dopo tutta questa procedura l'avvocato potrà finalmente esercitare a tutti gli effetti la sua professione.

Alcuni requisiti

L'avvocato in questione dovrà inoltre essere cittadino italiano o al massimo appartenere a uno degli Stati membri dell'Unione Europea; deve altresì possedere la fedina penale pulita e il pieno possesso dei diritti civili.

Potrà occuparsi esclusivamente di questioni di natura civile, solo di argomenti inerenti alle materie penali, oppure di entrambe le branche giuridiche. Altre figure professionali collaborano e lavorano spesso assieme; tra queste assumono un ruolo fondamentale persone come il magistrato e tutti coloro che operano all'interno di un tribunale.

Chi svolge l’attività di avvocato rientra nel campo dei liberi professionisti. Il lavoro dell’avvocato è legato all’attività giudiziale, la quale comprende difesa e rappresentanza in giudizio, e all’attività stragiudiziale (composta da consulenze periodiche, stesura di pareri, arbitrati, redazione di contratti piuttosto complessi).

Coloro che desiderano svolgere tale professione devono: 

  • essere laureati in Giurisprudenza con laurea quadriennale (vecchio ordinamento) o specialistica,
  • compiere la pratica forense per almeno due anni presso uno studio legale della città di residenza.

Coloro che hanno frequentato una Scuola di Specializzazione per la professione di avvocato, devono compiere la pratica forense per un solo anno.

Pratica forense e retribuzione

Per compiere la pratica per la professione di avvocato è bene che il laureato si rivolga al Consiglio dell'Ordine Forense della propria città in modo da essere agevolato nel trovare uno studio legale per il tirocinio. Per svolgere la pratica forense il tirocinante non deve sostenere alcuna spesa. Al contempo la pratica forense non è retribuita ed è discrezionalità dello studio legale riconoscere un rimborso spese al tirocinante.

Dopo aver svolto questa sorta di tirocino, il futuro avvocato deve sostenere l’esame di Stato presso la sede di Corte d’Appello nel distretto in cui si è effettuata la pratica. L’esame per divenire avvocato si compone di una parte scritta e una orale, ed è di tipo teorico-pratico.

Esame dopo la pratica di avvocato

L’esame scritto è composto da tre prove che vertono su temi elaborati dal Ministero della giustizia e che trattano: 

  • la redazione di un parere motivato, da scegliersi tra due questioni in materia regolata dal codice civile;
  • la redazione di un parere motivato, da scegliersi tra due questioni in materia regolata dal codice penale;
  • la redazione di un atto giudiziario che postuli conoscenze di diritto sostanziale e di diritto processuale, su un quesito proposto, in materia scelta dal candidato tra il diritto privato, il diritto penale ed il diritto amministrativo.

 


Potrebbe interessarti

Cos’è il Copyright? Quando interviene?

Ne sentiamo molto parlare. Ma cos’è il Copyright? Quando si applica? Scopriamo dunque con l’intervento di oggi la sua storia e il suo utilizzo. Prima di tutto chiariamo che il termine copyright racchiude l'insieme delle normative sul diritto d'autore in vigore nel mondo anglosassone e statunitense.

Magistratura italiana: ecco alcune delle sue funzioni

magistratura italiana

In Italia, la magistratura è un organo costituzionale con funzioni giurisdizionali, che opera in maniera autonoma e indipendente dagli altri poteri.

Come scrivere un testamento? Ecco qualche indicazione

Il testamento è l'atto con cui una persona detta le disposizioni di carattere non patrimoniale per il tempo in cui non sarà più in vita; appartiene alla categoria del negozio giuridico, nella quale si caratterizza per essere un atto unilaterale a causa di morte.

Affidamento congiunto: ecco come regolarsi seguendo la legge?

Immagine usata nell'articolo Affidamento congiunto: ecco come regolarsi seguendo la legge?

Non sempre l'unione di due coniugi va a buon fine. Spesso per incomprensioni o altro si decide di separarsi e divorziare e di non condividere più insieme la vita di coppia e l'educazione dei propri figli; a pagare maggiormente per la fine di un matrimonio sono infatti proprio i figli della coppia.

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Reddito dominicale: un approfondimento sul'argomento

immagine per reddito dominicale

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Come compilare una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

1imposte

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono esattamente?

Immagine presente nell'articolo Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono esattamente?

Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Leggi anche...

Contestazione dei lavori non eseguiti a regola d'arte

Contestazione dei lavori non eseguiti a regola d'arte

Un problema che può verificarsi, in seguito ad opere di ristrutturazione, è la cattiva esecuzione dei lavori o in casi più gravi la comparsa di danni alla struttura. In queste situazioni il cliente è tutelato? Di chi è l'effettiva responsabilità? È possibile chiedere un risarcimento?

Leggi anche...

Come impugnare cartelle Equitalia

Impugnare le cartelle di Equitalia è, in questo periodo, argomento scottante e di grande interesse per tutti. Quanti di noi hanno ricevuto cartelle Equitalia? La protesta nei confronti del “grande esattore” monta sempre più, sfociando in alcuni casi in pericolose derive. Ma è possibile difendersi dallo stillicidio Equitalia con metodi democratici e legali.

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima
Go to Top