I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Le differenze fra tasso fisso e variabile oggi

Sottolineiamo che con il tasso fisso il cliente guadagna se l'interesse dei prestiti sale al di sopra di quello del proprio mutuo mentre ovviamente con il tasso variabile c’è il rischio concreto di arrivare ad una rata più alta di quella iniziale se i tassi salgono. Esistono forme particolari di mutuo del secondo tipo:

  • con interest cap: un tasso variabile con una soglia massima che comunque non può essere superata
  • a tasso misto con opzione
  • a tasso bilanciato: l'interesse è una media pesata dei due, secondo quanto deciso dal cliente
  • mutuo a rata fissa e durata variabile.
  • mutui a tasso misto rinegoziabile dopo un certo numero di anni 

E’ il cliente a scegliere l’ammontare del capitale, la durata e se optare per il tasso fisso o variabile, che in genere non è oggetto di negoziato, ed è quindi determinato dal mutuante in tutta tranquillità; al mutuatario rimane la scelta fra le varie offerte del mercato, ma le differenze, spesso calcolabili in pochi decimali di tasso annuo nominale.

Calcolo e composizione dell'interesse: diamone una definizione

La banca non guadagna solo sullo spread, ma dalla differenza fra il tasso di sconto e l'indice di riferimento.

Gli indici cui si applica uno spread non indicano quanto il denaro costa alla banca, sono una media degli interessi pesata sull'ammontare dei prestiti denominati in una certa valuta (si riducono le possibilità di arbitraggio e speculazione sui tassi di interesse).

Il calcolo dell'importo finale della somma da restituire (prestito più interessi maturati con il mutuo) in corrispondenza di un determinato tasso d'interesse ed a determinate scadenze si definisce montante. In economia, gli interessi rappresentano la misura dell'interesse su un prestito. Gli interessi vengono espressi come una percentuale per un dato periodo di tempo (indica quanta parte della somma prestata debba essere corrisposta).

Il debitore ricevendo una somma di denaro, si impegna a pagare una somma superiore a quella ricevuta in base proprio al calcolo degli interessi. Tale percentuale costituisce il tasso di interesse variabile anche in funzione della moneta di riferimento. L'interesse di ogni mutuo viene detto semplice quando è proporzionale al capitale e al tempo, e quelli maturati da un capitale non vengono annessi al capitale che li ha prodotti.

Questo viene detto composto quando è aggiunto al capitale iniziale che lo ha prodotto. Questo comporta che alla maturazione degli interessi il montante sarà riadoperato come capitale iniziale per il periodo successivo. In questo caso si sommano al capitale che li ha prodotti ad ogni istante. Il tasso d'interesse del mutuo ha applicazioni soprattutto teoriche.

L'interesse in capitalizzazione continua può essere analizzato in questo modo: si consideri un tasso annuale r e si supponga di suddividere l'anno in t periodi, al termine di ciascuno dei quali viene corrisposta una frazione del relativo all'intero anno che viene immediatamente reinvestita.

Mutuo a tasso protetto (o con Cap): ecco il significato e la sua convenienza

Il mutuo a tasso protetto (o mutuo a tasso variabile con Cap), è un finanziamento in cui l’ammontare degli interessi dipende dall’andamento dell’indice di riferimento legato al costo del denaro (Euribor).

In cosa differisce rispetto al mutuo a tasso variabile? Questo il confronto

A differenza del mutuo a tasso variabile standard, l’opzione Cap permette di fissare a priori un tetto massimo (detto Cap-Rate) al tasso d’interesse, in modo tale da tutelarsi da eventuali oscillazioni verso l’alto dei tassi stessi e cautelandosi quindi contro eccessivi rialzi futuri.

Caratteristiche del mutuo a tasso protetto

In questo modo sia la rata iniziale sia la rata massima sono conosciute sin dall'inizio:

  • se il tasso è inferiore al tetto massimo, il calcolo degli interessi sarà conforme al mutuo a tasso variabile;
  • se il tasso è superiore alla soglia del tetto massimo, la rata sarà comunque calcolata in base al tasso massimo garantito dal contratto.

Che cos’è un mutuo

Il mutuo è un finanziamento che un privato richiede ad un istituto di credito e che per ottenere il quale deve essere in possesso di una serie di specifici requisiti e di determinate garanzie. La somma che la banca eroga al richiedente dovrà esserle restituita entro un periodo variabile di tempo, che può andare dai cinque ai quarant’anni. Generalmente il mutuo viene richiesto per comperare una casa, ristrutturare un edificio oppure costruire un’abitazione. In alcuni casi può anche essere utilizzato dal richiedente per estinguere o rifinanziare altri mutui già esistenti. Nel caso che colui che richiede il mutuo non è in grado di offrire all’istituto di credito determinate garanzie, la banca può richiedere la presenza di un garante, vale a dire una persona che, nel caso in cui l’intestatario del prestito non riesca a restituire la somma ricevuta, si farà carico della restituzione del debito. In alcuni casi il richiedente può decidere di stipulare un’ipoteca sull’immobile che intende acquistare, in questo caso sarà la casa stessa la garanzia del mutuo. Il cliente deve restituire la somma ricevuta pagando delle rate, comprensive d’interesssi, che variano in base al tipo di tasso che è stato scelto e che possono essere mensili, trimestrali, semestrali o annuali.

Tipologie di mutui: occhio ai grafici dei tassi che ti propongono in filiale

I mutui possono essere a tasso fisso o variabile, nel primo caso il cliente restituisce alla banca una rata prestabilita e fissa, nel secondo caso la rata può variare in base all’andamento mensile dei tassi d’interesse. Il tasso variabile quindi può rappresentare dei rischi per il cliente, perchè la rata può crescere e magari diventare troppo alta. Proprio per questo motivo esistono dei mutui che possono essere delle parziali soluzioni del problema e che sono illustrati di seguito.

  • Il mutuo a tasso protetto, chiamato anche con interest cap. Com’è stato già detto in precedenza questa tipologia di prestito è a tasso variabile, che nonostante l’aumento degli interessi mensili, non può oltrepassare una determinata soglia massima. In questo modo il cliente ha la sicurezza che la rata non diventerà mai così onerosa da compromettere la personale capacità di rimborso della somma ottenuta.
  • A tasso bilanciato, in questo caso l’interessa è formato da una media tra il tasso fisso e quello variabile.
  • A tasso misto con opzione, il cliente può decidere di passare da un tasso fisso o variabile ogni determinato periodo di tempo, ad esempio ogni tre anni.
  • A tasso misto rinegoziabile dopo un determinato periodo di tempo.
  • A rata fissa e durata variabile, questa particolare formula applica la regola che se il tasso d’interesse diminuisce, la durata del mutuo sarà più breve, se invece cresce la durata di conseguenza aumenterà.




Potrebbe interessarti

Punti invalidità: un approfondimento completo

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

Leggi tutto...

Requisiti ONLUS: eccoli elencati

In questi ultimi anni ne abbiamo sentito spesso parlare per le loro attività benemerite in diversi settori, dal supporto e assistenza a diversamente abili ed anziani bisognosi fino all'integrazione ed inserimento nella società di soggetti emarginati ed immigrati extracomunitari, tuttavia le cosiddette ONLUS non sono delle semplici organizzazioni che si possono costituire con una certa facilità e da chiunque. 

Leggi tutto...

Legge sul testamento biologico: a che punto siamo in Italia?

Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenzo da parte del diretto interessato.

Leggi tutto...

Tipi di referendum: li conosci tutti?

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

Leggi tutto...

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Imposta IRES: cos'è e come si calcola

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Leggi tutto...

Redditi dominicali: sai di cosa si parla?

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi tutto...

Cos'è la permuta? Scopriamo questo contratto

Con il termine permuta s'intende lo scambio tra due persone, di oggetti e servizi di varia natura. Neglratica, veloce e soprattutto economica per procurarsi oggetti o servizi che altrimenti ni ultimi anni sono sempre più numerose le persone che usano questa forma di scambio pon potrebbero comprare.

Leggi tutto...

Società in accomandita per azioni

All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società per azioni (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

Leggi tutto...

Modello F23 editabile, cos’è e quando si deve utilizzare

Rispetto ad altri Paesi europei, in Italia purtroppo si è costretti a pagare annualmente diverse tipologie di tasse. Per rendere meno complicato e pesante il loro pagamento, almeno dal punto di vista pratico, negli ultimi anni l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti, sul proprio sito internet, alcuni utili strumenti che permettono di poter compilare e stampare dei moduli, utilizzabili appunto per il versamento di alcune imposte.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Responsabilità per danni da cattiva esecuzione lavori: chi, come e quando

Un problema che può verificarsi, in seguito ad opere di ristrutturazione, è la cattiva esecuzione dei lavori o in casi più gravi la comparsa di danni alla struttura. In queste situazioni il cliente è tutelato? Di chi è l'effettiva responsabilità? È possibile chiedere un risarcimento?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima Leggi tutto...

Leggi anche...

Multe per divieto di sosta

Le multe per divieto di sosta possono essere comminate o perchè non viene rispettato il segnale di divieto, oppure perchè non si è messa in mostra la ricevuta per la sosta in un'area dove è previsto il pagamento.

Leggi tutto...
Go to Top