Ormai attraverso internet è possibile fare qualsiasi cosa, anche richiedere il preventivo per un mutuo. I siti che si mettono a disposizione per il calcolo effettivo di un tale prestito sono ormai moltissimi, tutti altamente affidabili e in grado di far ottenere dei reali risparmi al cliente.

La ricerca del mutuo migliore per ogni singolo cliente

Richiedere dei preventivi di mutuo online permette di confrontare le offerte di decine di istituti bancari per meglio ricercare quello più adatto e vantaggioso. Attraverso questi siti di comparazione, infatti, si possono richiedere mutui a tasso fisso, variabile, misto, per l'acquisto della prima o della seconda casa, per effettuare delle ristrutturazioni o addirittura dei preventivi per effettuare la surroga di un mutuo già in essere. I tassi di interesse e i costi fissi da affrontare sono spesso scontati e comunque mai più alti di quelli che possono essere richiesti dai normali istituti bancari interpellati direttamente. Non si deve dimenticare, poi, che anche l'assicurazione sul mutuo è estremamente più vantaggiosa ed economica. Richiedere preventivi per un mutuo on line è davvero semplice e immediato: inse rendo tutti i dati necessari si può effettuare tranquillamente la simulazione della rata presso più banche per poter trovare quella più conveniente. Inoltre è un'operazione totalmente gratuita.

Come funziona questo servizio

I siti aggiornano costantemente le condizioni economiche, i tassi di interesse e i costi attraverso le informazioni che vengono continuamente fornite da tutte le banche che hanno accettato di iscriversi al servizio di comparazione. Il servizio può essere utilizzato sia per ottenere un preventivo del mutuo personalizzato e gratuito, sia per calcolare la rata del mutuo e ottenere il tasso d'interesse e la rata mensile massima che ci si può permettere.

Quali dati devono essere inseriti per ottenere un preventivo online

Per calcolare la fattibilità e la rata del proprio mutuo è necessario inserire una serie di semplici dati e informazioni:
1. finalità (es. acquisto prima o seconda casa, ristrutturazione, liquidità...)
2. tipo di tasso (fisso, variabile, variabile con cap, variabile con rata fissa, misto)
3. valore dell'immobile
4. importo del mutuo da richiedere
5. durata da un minimo di cinque a un massimo di quaranta anni
6. età del richiedente e posizione lavorativa (es. pensionato, tempo determinato, indeterminato, possessore di partita iva...)
7. reddito totale netto mensile dei richiedenti
8. comune di domicilio e comune in cui si trova l'immobile
9. stato di ricerca dell'immobile (es. è già stato firmato il compromesso, è stato solo individuato, è già di proprietà....)
Inseriti tutti questi dati si otterranno dei preventivi da parte di diversi istituti bancari, tutti dettagliatamente spiegati nelle clausole e nei costi per poter effettuare la comparazione tra gli stessi.

La surroga del proprio mutuo

Attraverso i portali internet è possibile richiedere anche un preventivo per la surroga del proprio mutuo già in essere. Per chi non lo sapesse, la surroga è il trasferimento del mutuo a costo zero dal proprio istituto bancario ad un altro con la possibilità di variare i parametri in essere (durata e importo della rata) senza modificare l'ammontare ancora da restituire.





Potrebbe interessarti

Legge di bilancio: come avviene l'iter burocratico di approvazione

La Legge di Bilancio definisce ogni anno gli obiettivi finanziari da perseguire nel triennio successivo e dalla quale dipendono i conti pubblici. L’approvazione della legge di Bilancio suscita interesse anche nell’Unione Europea e nelle agenzie di rating perché è il momento in cui si capisce quale sarà la direzione economica di un Paese e le prospettive future di crescita e stabilità.

Leggi tutto...

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Leggi tutto...

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Leggi tutto...

Il principio di legalità: indicazioni fondamentali!

Uno dei punti di forza del Diritto Penale è individuabile nel principio di legalità: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Leggi tutto...

Fivet in Italia: le ultime novità sulla limitazione degli embrioni

In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il comitato creditori: di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Coefficiente rivalutazione TFR 2017: a cosa serve?

Il trattamento di fine rapporto consiste in una parziale retribuzione del lavoratore subordinato, effettuata dal datore di lavoro e differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Al 31 dicembre di ogni anno entra in gioco il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR. Bisogna infatti in quella data rivalutare la somma complessivamente accantonata al 31 dicembre dell'anno precedente.

Leggi tutto...

Le agenzie fiscali: i riferimenti nel diritto pubblico

Per quanto concerne il diritto pubblico, si parla di agenzia per designare un qualsiasi ente o organizzazione inerente la pubblica amministrazione dotato di specifiche funzioni. Solitamente svolgono rispetto agli altri dicasteri funzioni strettamente legate all'operatività. Tuttavia, ogni agenzia è direttamente soggetta al controllo del dicastero di riferimento.

Leggi tutto...

Ormai è possibile richiedere il preventivo di un mutuo anche online

Ormai attraverso internet è possibile fare qualsiasi cosa, anche richiedere il preventivo per un mutuo. I siti che si mettono a disposizione per il calcolo effettivo di un tale prestito sono ormai moltissimi, tutti altamente affidabili e in grado di far ottenere dei reali risparmi al cliente.

Leggi tutto...

Cos'è lo scudo fiscale? Scopriamolo insieme

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta esattamente, almeno a livello di diritto fiscale e tributario, quando si utilizza il termine scudo fiscale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aprire partita IVA: i consigli di Fiscozen

 

Se stai pensando di dare avvio alla tua attività lavorativa sappi che non potrai iniziare con prestazione occasionale ma dovrai aprire partita IVA. Oggi scopriamo come essere in regola con il Fisco?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Informazioni sul pignoramento: dall'impignorabilità allo stipendio

Nella scelta dei beni su cui effettuare il pignoramento mobiliare, vanno esclusi alcuni determinati oggetti a causa del loro valore morale (oggetti votivi, fede nuziale) o a causa del bisogno che ne ha il debitore per poter continuare una vita normale (elettrodomestici...).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reato di Frode: la prescrizione per l'evasione fiscale

Il reddito proveniente dal lavoro del singolo contribuente e cittadino è soggetto a partire dagli anni '30 alla tassazione, ovvero ad una trattenuta da parte dello stato per contribuire a tutta una serie di servizi pubblici.

Leggi tutto...
Go to Top