Il reddito, detta in soldoni, rappresenta l'entrata netta che un determinato contribuente italiano realizza in uno specifico lasso temporale, ed espressa secondo l'unità di misura della moneta di riferimento in quel paese.

Secondo quanto disciplinato dal Capo IV, Artt. 49 - 52, D.P.R. 22 Dicembre 1986 n. 917, vengono definiti redditi di lavoro dipendente quei redditi che derivano da determinati rapporti che hanno come oggetto la specifica dipendenza o direzione da parte di altri. Rientra in questo ambito anche il lavoro a domicilio regolato dalla legislazione sul lavoro.

Anche le pensioni e gli assegni pensionistici vengono classificati, nel diritto tributario, come redditi di lavoro dipendente. Lo stesso vale le indennità che sostituiscono il reddito da lavoro dipendente, come la cassa integrazione, l’indennità di disoccupazione e di maternità.

Come comprende

Costituiscono reddito di lavoro dipendente tutte quelle somme e valori percepiti dal soggetto durante un periodo di imposta, corrispondente all’anno solare. In questo caso viene determinato secondo il “principio di cassa”, altrimenti viene definito “allargato” quando vengono considerate nel periodo d’imposta anche le somme percepite fino al 12 gennaio dell’anno successivo a quelle cui si riferiscono. In questo modo, i sostituti d’imposta possono calcolare le ritenute sul conguaglio di fine anno.
Fanno parte del reddito, oltre alle somme in denaro percepite, i fringe benefits che si vanno ad aggiungere alla retribuzione base. Tra questi rientrano, i veicoli aziendali, gli immobili concessi in locazione e i prestiti. Questi benefits vengono usufruiti dal dipendente sia per esigenze di lavoro ma, anche per l’uso privato e per tale ragione vengono quantificati secondo il “valore normale”, cioè il prezzo medio del mercato.

Redditi assimilati a lavoro dipendente

La legislazione ha inoltre assimilato ai redditi di lavoro dipendente tutta una serie di altri redditi ad essi affini.
Vediamo quali sono queste altre tipologie di reddito: 

  • innanzitutto, i compensi dei lavoratori di cooperative di vario genere (servizi, produzione e lavoro, agricole, ecc);
  • le somme percepite come borsa di studio o assegno o premio per fini di studio, in caso il beneficiario non è vincolato da rapporti di lavoro dipendente con il soggetto erogante;
  • qualsiasi tipo di indennità o compensi percepiti da terzi per incarichi svolti presso il datore di lavoro;
  • le varie indennità corrisposte da enti pubblici (Stato, regioni, ecc) per esercitare determinate funzioni pubbliche; stesso discorso per le indennità percepita dai parlamentari italiani ed europei;
  • le remunerazioni percepite dai sacerdoti;
  • rendite vitalizie senza funzione previdenziale, assegni periodici e compensi per lavori socialmente utili secondo le normative vigenti.

La tassazione

Il lavoratore dipendente paga le imposte sul reddito attraverso il datore di lavoro che, come sostituto d’imposta, ha l’obbligo di trattenere una parte della retribuzione e versarla come acconto delle imposte da parte del dipendente.
Nel calcolo della tassazione bisogna considerare:

  • la base imponibile: costituita dalla retribuzione, in denaro e in natura (v. benefits), e le indennità percepite dagli enti previdenziali (indennità di malattia);
  • imposta lorda: si applica sull’imponibile una ritenuta, sulla base delle aliquote IRPEF e secondo gli scaglioni di reddito;
  • detrazioni: sono quelle spettanti al lavoratore (ad esempio, figli a carico) e vengono tolte dall’imposta lorda. Con questa operazione si ottiene l’imposta netta che il datore di lavoro versa all’erario per conto del dipendente.

A livello fiscale, il lavoratore deve soltanto presentare ogni anno la dichiarazione dei redditi, il Modello Unico o 730.

Addizionali IRPEF

Sono trattenute calcolate sulla base delle aliquote stabilite dalle Regioni e dai Comuni, versate insieme alla ritenuta IRPEF. Si tratta di:

  • addizionale regionale: si versa alla Regione in cui il lavoratore ha il domicilio fiscale;
  • addizionale comunale: è un’imposta istituita dai Comuni e si versa direttamente a questi.

 





Potrebbe interessarti

Fedina Penale: consultazione e rilascio

Una delle cose più importanti in materia di diritto penale è sicuramente il certificato penale, meglio conosciuta come fedina penale. Per essere un buono ed onesto cittadino ai sensi della Legge e nei confronti dello Stato, è infatti fondamentale avere una fedina penale pulita.

Leggi tutto...

Denunciare la Malasanità all'URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico)

Con malasanità si intende in generale un episodio in cui si verifica una carenza della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Leggi tutto...

Fivet in Italia: le ultime novità sulla limitazione degli embrioni

In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Leggi tutto...

Perquisizione personale: sai quando è davvero necessaria?

La perquisizione rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

Leggi tutto...

Cos'è e cosa fa la medicina legale?

La medicina legale è un ramo della medicina che si congiunge al diritto, ed è nata per conoscere e applicare le conoscenze mediche al diritto.

Leggi tutto...

I più condivisi

Domanda aggregata: come funziona?

La Domanda aggregata rappresenta la spesa compiuta dai soggetti di un determinato sistema economico. I Consumi da parte delle famiglie, la spesa per Investimenti da parte delle imprese e la spesa in beni e servizi del settore pubblico: tutte componenti fondamentali di questo documento.

Leggi tutto...

Cos'è la permuta? Scopriamo questo contratto

Con il termine permuta s'intende lo scambio tra due persone, di oggetti e servizi di varia natura. Neglratica, veloce e soprattutto economica per procurarsi oggetti o servizi che altrimenti ni ultimi anni sono sempre più numerose le persone che usano questa forma di scambio pon potrebbero comprare.

Leggi tutto...

Il codice tributo 4726 e gli studi di settore in materia di adeguamento

L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Leggi tutto...

Imposta IRES: cos'è e come si calcola

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Leggi tutto...

Rendita catastale IMU: cosa bisogna sapere?

Cosa si intende per rendita catastale come base imponibile per l'IMU? Si tratta in pratica di un valore a cui andiamo ad applicare una aliquota, in modo da calcolare il valore effettivo delle imposte da pagare. Nel caso di imposte dirette, la base imponibile va ad essere calcolata per una sua applicazione al reddito delle deduzioni e riduzioni fiscale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come trovare la giusta nicchia per il proprio business

Trovare la giusta nicchia per il proprio business legato all’e-commerce è il passo più importante in grado di avvicinarvi all’obiettivo del successo imprenditoriale. Ma come fare?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reato di Frode: la prescrizione per l'evasione fiscale

Il reddito proveniente dal lavoro del singolo contribuente e cittadino è soggetto a partire dagli anni '30 alla tassazione, ovvero ad una trattenuta da parte dello stato per contribuire a tutta una serie di servizi pubblici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bancarotta fraudolenta: è il tuo caso?

Intimamente connesso al concetto e soprattutto al reato di fallimento, abbiamo il reato di bancarotta. Tale termine deriva dalla consuetudine, in epoca medievale, di rompere il tavolo di legno del banchiere insolvente. La bancarotta può essere di due tipologie: semplice, in quanto causata da imprudenza, oppure fraudolenta, ovvero causata per frode e violazione di leggi.

Leggi tutto...
Go to Top