Il reddito, detta in soldoni, rappresenta l'entrata netta che un determinato contribuente italiano realizza in uno specifico lasso temporale, ed espressa secondo l'unità di misura della moneta di riferimento in quel paese.

Secondo quanto disciplinato dal Capo IV, Artt. 49 - 52, D.P.R. 22 Dicembre 1986 n. 917, vengono definiti redditi di lavoro dipendente quei redditi che derivano da determinati rapporti che hanno come oggetto la specifica dipendenza o direzione da parte di altri. Rientra in questo ambito anche il lavoro a domicilio regolato dalla legislazione sul lavoro.

Anche le pensioni e gli assegni pensionistici vengono classificati, nel diritto tributario, come redditi di lavoro dipendente. Lo stesso vale le indennità che sostituiscono il reddito da lavoro dipendente, come la cassa integrazione, l’indennità di disoccupazione e di maternità.

Come comprende

Costituiscono reddito di lavoro dipendente tutte quelle somme e valori percepiti dal soggetto durante un periodo di imposta, corrispondente all’anno solare. In questo caso viene determinato secondo il “principio di cassa”, altrimenti viene definito “allargato” quando vengono considerate nel periodo d’imposta anche le somme percepite fino al 12 gennaio dell’anno successivo a quelle cui si riferiscono. In questo modo, i sostituti d’imposta possono calcolare le ritenute sul conguaglio di fine anno.
Fanno parte del reddito, oltre alle somme in denaro percepite, i fringe benefits che si vanno ad aggiungere alla retribuzione base. Tra questi rientrano, i veicoli aziendali, gli immobili concessi in locazione e i prestiti. Questi benefits vengono usufruiti dal dipendente sia per esigenze di lavoro ma, anche per l’uso privato e per tale ragione vengono quantificati secondo il “valore normale”, cioè il prezzo medio del mercato.

Redditi assimilati a lavoro dipendente

La legislazione ha inoltre assimilato ai redditi di lavoro dipendente tutta una serie di altri redditi ad essi affini.
Vediamo quali sono queste altre tipologie di reddito: 

  • innanzitutto, i compensi dei lavoratori di cooperative di vario genere (servizi, produzione e lavoro, agricole, ecc);
  • le somme percepite come borsa di studio o assegno o premio per fini di studio, in caso il beneficiario non è vincolato da rapporti di lavoro dipendente con il soggetto erogante;
  • qualsiasi tipo di indennità o compensi percepiti da terzi per incarichi svolti presso il datore di lavoro;
  • le varie indennità corrisposte da enti pubblici (Stato, regioni, ecc) per esercitare determinate funzioni pubbliche; stesso discorso per le indennità percepita dai parlamentari italiani ed europei;
  • le remunerazioni percepite dai sacerdoti;
  • rendite vitalizie senza funzione previdenziale, assegni periodici e compensi per lavori socialmente utili secondo le normative vigenti.

La tassazione

Il lavoratore dipendente paga le imposte sul reddito attraverso il datore di lavoro che, come sostituto d’imposta, ha l’obbligo di trattenere una parte della retribuzione e versarla come acconto delle imposte da parte del dipendente.
Nel calcolo della tassazione bisogna considerare:

  • la base imponibile: costituita dalla retribuzione, in denaro e in natura (v. benefits), e le indennità percepite dagli enti previdenziali (indennità di malattia);
  • imposta lorda: si applica sull’imponibile una ritenuta, sulla base delle aliquote IRPEF e secondo gli scaglioni di reddito;
  • detrazioni: sono quelle spettanti al lavoratore (ad esempio, figli a carico) e vengono tolte dall’imposta lorda. Con questa operazione si ottiene l’imposta netta che il datore di lavoro versa all’erario per conto del dipendente.

A livello fiscale, il lavoratore deve soltanto presentare ogni anno la dichiarazione dei redditi, il Modello Unico o 730.

Addizionali IRPEF

Sono trattenute calcolate sulla base delle aliquote stabilite dalle Regioni e dai Comuni, versate insieme alla ritenuta IRPEF. Si tratta di:

  • addizionale regionale: si versa alla Regione in cui il lavoratore ha il domicilio fiscale;
  • addizionale comunale: è un’imposta istituita dai Comuni e si versa direttamente a questi.

 


Potrebbe interessarti

Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Immagine presente nell'articolo Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Con il termine Iter Legislativo, intendiamo il procedimento legislativo, ovvero il processo formale che porta una legge dalla sua creazione alla successiva approvazione da parte delle camere del Parlamento.

Diritto di Credito: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Diritto di Credito

Il Diritto di Credito rappresenta la modulistica che ruota attorno al rapporto di scambio tra due parti, che può concretizzarsi nel trasferimento di potere d’acquisto o di disponibilità contro il pagamento di un interesse. Il credito è dunque lo strumento essenziale per il trasferimento di risorse da chi le detiene a chi non ne ha (ma può impiegarle ottenendo un utile superiore all’interesse pagato). Il cedente diventa così creditore, mentre il cessionario debitore.

Denuncia per malasanità all'URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico)

Denuncia per malasanità

Con malasanità si intende in generale un episodio in cui si verifica una carenza della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Principio di colpevolezza: ecco tutto quello che c'è da sapere

Principio di colpevolezza

Il principio di colpevolezza delimita ciò che è illecito sotto il profilo penale e determina la pena da applicare. Il codice penale italiano non usa il termine colpevolezza, ma il nostro ordinamento giuridico lo considera uno dei principi fondamentali della responsabilità penale.

Copyright web: come si applica rispetto al diritto d'autore

Scrivere contenuti per i siti internet può essere molto soddisfacente, in quanto è un modo completamente gratuito per esprimere le proprie idee ad un pubblico vasto e spesso sconosciuto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Mediatore creditizio: cos'è e cosa fa? Scopriamolo insieme

mediatore creditizio

Quando si vuole ottenere un prestito ma le competenze in materia finanziaria scarseggiano è possibile affidarsi ad un mediatore creditizio, un professionista esperto in materia di finanziamenti che svolge la funzione di intermediario tra un istituto bancario o finanziario e la clientela interessata ad un prestito.

Cambiale ipotecaria e titoli di credito: sai come funziona questo mondo?

Immagine presente nell'articolo Cambiale ipotecaria e titoli di credito: sai come funziona questo mondo?

Non sono particolarmente diffusi, tuttavia potrebbe capitare ad ognuno di avere a che fare con una cosiddetta cambiale ipotecaria oppure degli eventuali titoli di credito. Cosa sono e soprattutto in quali situazioni potremmo trovarceli di fronte? Cerchiamo di approfondire meglio la questione.

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

Leggi anche...

Assegno Trasferibile: ecco quello che c'è da sapere

L'assegno trasferibile è uno strumento che permette al titolare di un conto corrente, il pagamento di una somma ad un altro soggetto. L’assegno bancario è valido quando esiste una reale somma di denaro all'interno del conto.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top