In materia di Diritto Penale, quando a un condannato viene data da scontare una determinata pena sono diverse le forme di detenzione possibili. Nei casi di delitti davvero efferati viene infatti dato l'ergastolo, ovvero la reclusione a vita in carcere; per delitti minori vengono dati determinati anni, a seconda della gravità della pena, da scontare all'interno di un carcere.

Per coloro che vengono premiati per buona condotta vengono poi effettuate delle riduzioni di pena o concessi gli arresti domiciliari, che con i nuovi decreti del Governo Monti relativi alle carceri italiane stanno subendo alcune variazioni importanti. Un altro tipo di reclusione possibile a livello penale è poi la cosiddetta detenzione domiciliare.

Le caratteristiche della detenzione domiciliare

La detenzione domiciliare viene applicata quando al condannato viene concesso di scontare alcuni periodi di pena presso la propria abitazione oppure presso centri pubblici volti alla cura e all'assistenza dello stesso o presso altri luoghi definiti dalla legge come private dimore.

La detenzione domiciliare è diversa dagli arresti domiciliari. I secondi rappresentano infatti in gergo una misura cautelare, che quindi comporta sempre una limitazione della libertà personale. Nel caso della detenzione domiciliare invece viene concessa al condannato una sorta di riscatto dalla pena stessa prevista.

La detenzione domiciliare è inoltre possibili solo per coloro che devono scontare una pena che non superi i quattro anni di reclusione. Le misure alternative relative alla detenzione domiciliare è stata introdotta dalla legge di modifica dell'ordinamento penitenziario numero 663 del 10 ottobre 1986. L'articolo 47 è invece quello che ne definisce le caratteristiche principali.

I soggetti che possono usufruirne

I soggetti che possono beneficiare della detenzione domiciliare sono ad esempio le persone che versano in gravi condizioni di salute e che necessitano di cure costanti presso istituti sanitari appositi.

Anche le donne incinte o le madri e i padri che abbiano dei figli con un'età che non supera i dieci anni possono godere della detenzione domiciliare. Possono inoltre usufruire della detenzione domiciliare i soggetti con età al di sotto dei ventuno anni per motivi di lavoro, studio o salute e gli inabili di età superiore ai sessanta anni.

Non possono invece essere ammessi alla detenzione domiciliare a detenuti e internati che hanno commesso delitti efferati; essa è infatti possibile solo nei casi di collaborazione con la giustizia.

La detenzione domiciliare speciale

La detenzione domiciliare speciale è una misura alternativa, che è stata introdotta dalla Legge 8 marzo 2001 n. 40. Con questo beneficio viene consentito alle madri di bambini di età inferiore ai dieci anni, di scontare la pena nella propria abitazione o comunque in un altro luogo di priva dimore, ossia tutti luoghi di cura, assistenza o accoglienza con il fine di curare e assistere i proprio figli.

Quando può essere concessa?

La detenzione domiciliare speciale viene concessa quando non ricorrono le condizioni riportate nell’articolo 47 ter, solo se non c’è il pericolo concreto che vengano commessi altri delitti e se c’è la possibilità di ripristinare la convivenza con i proprio figli. Può anche essere concessa al padre detenuto, in caso la madre sia deceduta o impossibilitata ad assistere i figli e che non ci sia modo di affidare i figli ad altri oltre il padre.

Chi può usufruire della detenzione domiciliare speciale?

Come già detto, possono essere ammessi alla detenzione domiciliare speciale: la madre di bambini di età inferiore ai dieci anni, che convivono con le; il padre di bambini di età inferiore ai dieci anni che convivono con lui solo quando la madre è deceduta o impossibilitata ad assistere i propri figli.
È importante sottolineare che sia il padre che la madre per poter usufruire di questa misura alternativa, debbano aver scontato almeno un terzo della pena, oppure in caso di ergastolo, almeno 15 anni.

La revoca della misura

La detenzione domiciliare speciale può essere revocata se il comportamento del condannato è contrario alla legge. Il condannato che si assenta dal proprio domicilio, senza un giustificato motivo, per non più di dodici ore, può essere proposto per la revoca della misura.
Se l’assenza diventa più lunga e si protrae per un tempo maggiore, il condannato viene punito ai sensi dell’articolo 385 del codice penale nel quale è descritta la condanna per evasione. La condanna per l’evasione comporta la revoca della misura alternativa.





Potrebbe interessarti

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Leggi tutto...

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Leggi tutto...

Detenzione domiciliare presso la propria abitazione

In materia di Diritto Penale, quando a un condannato viene data da scontare una determinata pena sono diverse le forme di detenzione possibili. Nei casi di delitti davvero efferati viene infatti dato l'ergastolo, ovvero la reclusione a vita in carcere; per delitti minori vengono dati determinati anni, a seconda della gravità della pena, da scontare all'interno di un carcere.

Leggi tutto...

Diritto Parlamentare: come funziona?

Anche i deputati e i senatori hanno una branca del diritto costituzionale che regola e si occupa di valutare il corretto andamento della gestione e di tutto quello che concerne il Parlamento. Tutto quello che concerne infatti l’operato del Parlamento rientra nel diritto parlamentare.

Leggi tutto...

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Associazioni che difendono i diritti dei consumatori

In Italia esistono varie associazioni che tutelano i diritti dei consumatori, ovvero dei soggetti sorti con lo scopo di difendere i consumatori e gli utenti di determinati servizi.

Leggi tutto...

Credit Spread, una misura per il rischio di credito

Ogni ambito del diritto predispone di determinate leggi, regole da seguire; anche il diritto commerciale, infatti si muove su dinamiche di trasformazione, mutazione e cambiamento che hanno alla base strutture bene precise.

Leggi tutto...

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi tutto...

Capacità contributiva: gli indici e altre informazioni

Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Leggi tutto...

Società in accomandita per azioni

All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società per azioni (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

I commercialisti di Milano: trova i più autorevoli!

I commercialisti di Milano svolgono, in questa città, una funzione particolarmente importante: in quanto polo industriale, il capoluogo della Lombardia necessita infatti di simili figure professionali che, grazie alla loro competenza, possano aiutare le piccole e grandi imprese nella gestione dei loro affari.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ecomafia globale: il traffico illecito di rifiuti

Affari milioniari che hanno riguardato sempre più soggetti quelli delle navi portacontainer da un capo all’altro del globo. Spedizioni verso i Paesi del sud del mondo, di navi stracariche di scorie prodotte dalle aziende, un modo per smaltire i rifiuti senza incidere sui bilanci aziendali e senza disturbare gli affari.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quand’è che si parla di Crimine informatico?

Un crimine informatico si caratterizza nell’abuso della tecnologia informatica. Tutti questi reati hanno in comune:

Leggi tutto...
Go to Top