In materia di Diritto Penale, quando a un condannato viene data da scontare una determinata pena sono diverse le forme di detenzione possibili. Nei casi di delitti davvero efferati viene infatti dato, da parte del giudice all'interno di una sentenza in tribunale, regolata dall'intervento dell'avvocato difensore dell'imputato, l'ergastolo, ovvero la reclusione a vita in carcere; per reati minori vengono dati determinati anni, a seconda della gravità della pena e della fedina penale, da scontare all'interno di un carcere.

Per coloro che vengono premiati per buona condotta vengono poi effettuate delle riduzioni di pena o concessi gli arresti domiciliari, che con i nuovi decreti del Governo Monti relativi alle carceri italiane stanno subendo alcune variazioni importanti. Un altro tipo di reclusione possibile a livello penale è poi la cosiddetta detenzione domiciliare.

Le caratteristiche della pena: cosa decide il giudice

La detenzione domiciliare viene applicata quando al condannato viene concesso da parte di un giudice, all'interno di una sentenza in tribunale, regolata dall'intervento dell'avvocato difensore dell'imputato, il diritto di scontare alcuni periodi di pena presso la propria abitazione oppure presso centri pubblici volti alla cura e all'assistenza dello stesso o presso altri luoghi definiti dalla legge come private dimore.

La detenzione domiciliare è una sanzione diversa dagli arresti domiciliari. I secondi rappresentano infatti in gergo una misura cautelare, che quindi comporta sempre una limitazione della libertà personale. Nel caso della detenzione domiciliare invece viene concessa al condannato una sorta di riscatto dalla pena stessa prevista.

La detenzione domiciliare è inoltre possibili solo per coloro che devono scontare una pena che, per i reati commessi, non superi i quattro anni di reclusione. Le misure alternative relative alla detenzione domiciliare è stata introdotta dalla legge di modifica dell'ordinamento penitenziario numero 663 del 10 ottobre 1986. L'articolo 47 è invece quello che ne definisce le caratteristiche principali.

I soggetti che possono usufruirne: reati e fedina penale

I soggetti che possono beneficiare della detenzione domiciliare sono ad esempio le persone che versano in gravi condizioni di salute e che necessitano di cure costanti presso istituti sanitari appositi.

Anche le donne incinte o le madri e i padri che abbiano dei figli con un'età che non supera i dieci anni possono godere della detenzione domiciliare. Possono inoltre usufruire della detenzione domiciliare i soggetti con età al di sotto dei ventuno anni per motivi di lavoro, studio o salute e gli inabili di età superiore ai sessanta anni.

Non possono invece essere ammessi alla pena a detenuti e internati che hanno commesso delitti efferati; essa è infatti possibile solo nei casi di collaborazione con la giustizia.

La detenzione domiciliare speciale: diritti e doveri dei detenuti

certificato penale

La detenzione domiciliare speciale è una misura alternativa, che è stata introdotta dalla Legge 8 marzo 2001 n. 40. Con questo beneficio viene consentito dai giudici all'interno di una sentenza in tribunale, regolata dall'intervento dell'avvocato difensore dell'imputato, alle madri di bambini di età inferiore ai dieci anni, di scontare la pena nella propria abitazione o comunque in un altro luogo di priva dimore, ossia tutti luoghi di cura, assistenza o accoglienza con il fine di curare e assistere i proprio figli.

Quando può essere concessa? Vediamo cosa dice la giustizia riguardo questa sanzione

La detenzione domiciliare speciale viene concessa quando non ricorrono le condizioni riportate nell’articolo 47 ter, solo se non c’è il pericolo concreto che vengano commessi altri reati e se c’è la possibilità di ripristinare la convivenza con i proprio figli. Può anche essere concessa al padre detenuto, in caso la madre sia deceduta o impossibilitata ad assistere i figli e che non ci sia modo di affidare i figli ad altri oltre il padre.

Chi può usufruire della pena a domicilo speciale?

Detenzione domiciliare

Come già detto, possono essere ammessi alla detenzione domiciliare speciale: la madre di bambini di età inferiore ai dieci anni, che convivono con le; il padre di bambini di età inferiore ai dieci anni che convivono con lui solo quando la madre è deceduta o impossibilitata ad assistere i propri figli.
È importante sottolineare che sia il padre che la madre per poter usufruire di questa misura alternativa, debbano aver scontato almeno un terzo della pena, oppure in caso di ergastolo, almeno 15 anni.

La revoca della misura: le sanzioni in caso di evasione

La detenzione domiciliare speciale può essere revocata se il comportamento del condannato è contrario alla legge e alla giustizia e intacchi ulteriormente la fedina penale dello stesso. Il condannato che si assenta dal proprio domicilio, senza un giustificato motivo, per non più di dodici ore, può essere proposto per la revoca della misura.
Se l’assenza diventa più lunga e si protrae per un tempo maggiore, il condannato viene punito ai sensi dell’articolo 385 del codice penale nel quale è descritta la condanna per evasione. La condanna per l’evasione comporta la revoca della misura alternativa.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Supporto psicologico da casa? Basta una connessione internet

psicologo.jpg

L'equilibrio mentale è una parte fondamentale del benessere di una persona, sia nell’individualità che nella sfera sociale. Le patologie più frequenti nella società moderna sono la depressione, la schizofrenia, le sindromi nevrotiche e somatoformi. In piena emergenza Coronavirus, sono aumentate le problematiche legate ad un mancato benessere mentale, a causa della quarantena, dell’isolamento e dei cambiamenti improvvisi che hanno radicalmente stravolto la vita di ognuno di noi. 

Diritto finanziario: ti spieghiamo noi di cosa si tratta

Diritto finanziario

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Contratto di spedizione: differenze con il contratto di trasporto

contratto di spedizione

Vediamo ora nel diritto commerciale come sono regolati i cosiddetti contratti di spedizione.

Cos'è e cosa fa la medicina legale?

La medicina legale è un ramo della medicina che si congiunge al diritto, ed è nata per conoscere e applicare le conoscenze mediche al diritto.

Significato di Oblazione: cos'è esattamente? Quando è usata?

Significato di Oblazione

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

I più condivisi

Cos'è la cambiale: un approfondimento

Tutti noi ci siamo sicuramente messi nei panni disperati del povero Paperino, costretto dal suo miliardario zio a firmare al termine di ogni storia una tonnellata di cambiali.

Le agenzie fiscali: quali sono i riferimenti nel diritto pubblico

immagine per agenzie fiscali

Per quanto concerne il diritto pubblico, si parla di agenzia per designare un qualsiasi ente o organizzazione inerente la pubblica amministrazione dotato di specifiche funzioni. Solitamente svolgono rispetto agli altri dicasteri funzioni strettamente legate all'operatività. Tuttavia, le agenzie fiscali sono direttamente soggette al controllo del dicastero di riferimento.

Tasso fisso e variabile: i trucchi per scegliere bene il mutuo

I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Leggi anche...

Il licenziamento per giusta causa: scopriamo i dettagli

Il licenziamento per giusta causa

I titolari o i responsabili di un’Azienda hanno una serie notevole di responsabilità, sia di natura economica che sotto l’aspetto lavorativo. Inoltre, la posizione dirigenziale impone una funzione di controllo e supervisione sul lavoro dei dipendenti e sul livello di responsabilità col quale svolgono le proprie mansioni.

Leggi anche...

Crimine informatico: di cosa si tratta? Quando si verifica?

Crimine informatico

Dopo avervi parlato dell'ergastolo in Italia, oggi vi presentiamo un approfondimento che riguarda il crimine informatico. Ecco di cosa si tratta e quando si verifica. Tutti questi reati hanno in comune:

Go to Top