In materia di Diritto Penale, quando a un condannato viene data da scontare una determinata pena sono diverse le forme di detenzione possibili. Nei casi di delitti davvero efferati viene infatti dato l'ergastolo, ovvero la reclusione a vita in carcere; per delitti minori vengono dati determinati anni, a seconda della gravità della pena, da scontare all'interno di un carcere.

Per coloro che vengono premiati per buona condotta vengono poi effettuate delle riduzioni di pena o concessi gli arresti domiciliari, che con i nuovi decreti del Governo Monti relativi alle carceri italiane stanno subendo alcune variazioni importanti. Un altro tipo di reclusione possibile a livello penale è poi la cosiddetta detenzione domiciliare.

Le caratteristiche della detenzione domiciliare

La detenzione domiciliare viene applicata quando al condannato viene concesso di scontare alcuni periodi di pena presso la propria abitazione oppure presso centri pubblici volti alla cura e all'assistenza dello stesso o presso altri luoghi definiti dalla legge come private dimore.

La detenzione domiciliare è diversa dagli arresti domiciliari. I secondi rappresentano infatti in gergo una misura cautelare, che quindi comporta sempre una limitazione della libertà personale. Nel caso della detenzione domiciliare invece viene concessa al condannato una sorta di riscatto dalla pena stessa prevista.

La detenzione domiciliare è inoltre possibili solo per coloro che devono scontare una pena che non superi i quattro anni di reclusione. Le misure alternative relative alla detenzione domiciliare è stata introdotta dalla legge di modifica dell'ordinamento penitenziario numero 663 del 10 ottobre 1986. L'articolo 47 è invece quello che ne definisce le caratteristiche principali.

I soggetti che possono usufruirne

I soggetti che possono beneficiare della detenzione domiciliare sono ad esempio le persone che versano in gravi condizioni di salute e che necessitano di cure costanti presso istituti sanitari appositi.

Anche le donne incinte o le madri e i padri che abbiano dei figli con un'età che non supera i dieci anni possono godere della detenzione domiciliare. Possono inoltre usufruire della detenzione domiciliare i soggetti con età al di sotto dei ventuno anni per motivi di lavoro, studio o salute e gli inabili di età superiore ai sessanta anni.

Non possono invece essere ammessi alla detenzione domiciliare a detenuti e internati che hanno commesso delitti efferati; essa è infatti possibile solo nei casi di collaborazione con la giustizia.

La detenzione domiciliare speciale

La detenzione domiciliare speciale è una misura alternativa, che è stata introdotta dalla Legge 8 marzo 2001 n. 40. Con questo beneficio viene consentito alle madri di bambini di età inferiore ai dieci anni, di scontare la pena nella propria abitazione o comunque in un altro luogo di priva dimore, ossia tutti luoghi di cura, assistenza o accoglienza con il fine di curare e assistere i proprio figli.

Quando può essere concessa?

La detenzione domiciliare speciale viene concessa quando non ricorrono le condizioni riportate nell’articolo 47 ter, solo se non c’è il pericolo concreto che vengano commessi altri delitti e se c’è la possibilità di ripristinare la convivenza con i proprio figli. Può anche essere concessa al padre detenuto, in caso la madre sia deceduta o impossibilitata ad assistere i figli e che non ci sia modo di affidare i figli ad altri oltre il padre.

Chi può usufruire della detenzione domiciliare speciale?

Come già detto, possono essere ammessi alla detenzione domiciliare speciale: la madre di bambini di età inferiore ai dieci anni, che convivono con le; il padre di bambini di età inferiore ai dieci anni che convivono con lui solo quando la madre è deceduta o impossibilitata ad assistere i propri figli.
È importante sottolineare che sia il padre che la madre per poter usufruire di questa misura alternativa, debbano aver scontato almeno un terzo della pena, oppure in caso di ergastolo, almeno 15 anni.

La revoca della misura

La detenzione domiciliare speciale può essere revocata se il comportamento del condannato è contrario alla legge. Il condannato che si assenta dal proprio domicilio, senza un giustificato motivo, per non più di dodici ore, può essere proposto per la revoca della misura.
Se l’assenza diventa più lunga e si protrae per un tempo maggiore, il condannato viene punito ai sensi dell’articolo 385 del codice penale nel quale è descritta la condanna per evasione. La condanna per l’evasione comporta la revoca della misura alternativa.



Potrebbe interessarti

Diritto di Credito: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Immagine presente nell'articolo Diritto di Credito: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Il Diritto di Credito rappresenta la modulistica che ruota attorno al rapporto di scambio tra due parti, che può concretizzarsi nel trasferimento di potere d’acquisto o di disponibilità contro il pagamento di un interesse. Il credito è dunque lo strumento essenziale per il trasferimento di risorse da chi le detiene a chi non ne ha (ma può impiegarle ottenendo un utile superiore all’interesse pagato). Il cedente diventa così creditore, mentre il cessionario debitore.

Leggi tutto...

Significato di Oblazione: cos'è esattamente? Quando è usata?

Significato di Oblazione

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

Leggi tutto...

Denuncia per malasanità all'URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico)

Denuncia per malasanità

Con malasanità si intende in generale un episodio in cui si verifica una carenza della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Leggi tutto...

Come ottenere il visto per l'Australia, anche se si hanno precedenti penali

Per poter andare in Australia, anche se per un periodo massimo di tre mesi, è necessario ottenere un visto con una procedura che può ormai essere tranquillamente realizzata on-line. Più complessa è la situazione nel caso in cui il soggetto richiedente abbia dei precedenti penali

Leggi tutto...

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Codice accisa: la carta d’identità dei prodotti

Il cosiddetto “codice di accisa” è composto da una sequenza alfanumerica composta sempre da tredici caratteri ed è attribuito dalla Agenzia delle Dogane a ciascuni dei suoi operatori abilitati, siano essi un Deposito Fiscale come un Destinatario o uno Speditore Autorizzato.

Leggi tutto...

Cos'è la cambiale: un approfondimento

Tutti noi ci siamo sicuramente messi nei panni disperati del povero Paperino, costretto dal suo miliardario zio a firmare al termine di ogni storia una tonnellata di cambiali.

Leggi tutto...

Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono esattamente?

Immagine presente nell'articolo Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono esattamente?

Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Leggi tutto...

8 per mille: elenco dei beneficiari e criteri di inclusione

8 per mille: elenco

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'8 per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi tutto...

Tasse sugli Immobili: alcune cose che devi conoscere

Uno degli aspetti chiave della manovra finanziaria dell’attuale governo è la revisione delle tasse sugli immobili, che riguarda la regolamentazione delle imposte relative agli affitti degli appartamenti dati in locazione e il pagamento delle imposte relative alla proprietà di una casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Commercialisti di Torino: gli indirizzi e i contatti di alcuni studi

Abbiamo creato questa sezione al fine di riportare alcuni link utili a coloro i quali abbiano bisogno di una consulenza da parte di un commercialista a Torino: il capoluogo offre, sotto questo punto di vista, moltissimi studi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il pignoramento esattoriale, in cosa consiste?

Il pignoramento esattoriale si esegue nel caso non venga pagata una cartella esattoriale entro il sessantesimo giorno dalla sua notifica. Esso viene eseguito dall'agente adibito alla riscossione, il quale è responsabile della messa in atto di tutte le procedure esecutive ritenute opportune per riscuoterlo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Arresti domiciliari: le regole dettate dal provvedimento dello Stato

Immagine usata nell'articolo Arresti domiciliari: le regole dettate dal provvedimento dello Stato

Il diritto penale fa parte del diritto pubblico interno e si occupa di definire le dinamiche della pena per coloro che commettono reati più o meno gravi. Il diritto penale va ad analizzare dunque la gravità del reato commesso definendo la giusta pena da infliggere a colui che ha commesso un illecito penale.

Leggi tutto...
Go to Top