Occorre stabilire un’importante differenza tra il matrimonio civile e quello religioso. È ovvio che tali differenza prendono maggior forma nel momento in cui si parla di Divorzio e di annullamento del matrimonio. Vanno considerati i fattori che determinano la persistenza e dunque l’annullabilità dei vari tipi di matrimonio. Vediamo dunque quali sono queste differenze, analizzando in particolare la situazione per quel che riguarda il rito religioso.

Il matrimonio religioso persiste finché non ne venga sentenziata la nullità dal tribunale ecclesiastico. Il divorzio dunque, per la Religione, non è rilevante e incide solamente sugli effetti civili del rito stesso (per la Chiesa il vincolo religioso dura fino alla morte dei coniugi).

Questo viene fatto quando si vuole sciogliere un sacramento già valido, al contrario dell’annullamento che viene concesso quando fin dall’inizio non possiede le caratteristiche di validità. La differenza sostanziale è che con l’annullamento del matrimonio si ha la cancellazione del vincolo coniugale, vale a dire paragonarlo alla sua non esecuzione.
Il sacramento religioso può essere essere dichiarato nullo sia dal tribunale civile sia da quello ecclesiastico, la Sacra Rota.

Motivi per la richiesta di annullamento religioso

Per ottenere lo scioglimento del proprio matrimonio devono sussistere valide e documentate motivazioni, o capi di nullità, elencate di seguito:

  • mancanza di consenso al matrimonio da parte di uno dei coniugi o di entrambi;
  • insufficiente uso di ragione e cause di natura psichica;
  • non osservanza di una delle finalità essenziali del matrimonio religioso, nei termini procreazione, fedeltà, indissolubilità del vincolo;
  • errore sulla persona del coniuge;
  • violenza fisica;
  • impotenza nel rapporto sessuale dell’uno o dell’altra parte. Tranne la sterilità;
  • nozze non consumate, ovvero non aver avuto un rapporto sessuale completo.

Conseguenze di un matrimonio nullo

Per la Chiesa dunque un matrimonio contratto con il solo rito civile è un matrimonio nullo (i coniugi sono esaminati nell’ordinamento canonico come concubini).

Da sottolineare che tutti coloro i quali divorziano acquisiscono lo stato libero e possono contrarre un nuovo sacramento valido agli effetti civili. A questo punto è bene sottolineare quanto segue:

· la donna, con l’annullamento del rito religioso e civile, perde il cognome del marito (il Tribunale può permetterle anche di conservarlo; questa decisione può essere cambiata con successiva sentenza, per motivi di particolare gravità)

· i divorziati perdono qualsiasi diritto in tema di eredità

· il tribunale può stabilire dunque un assegno divorzile a favore di uno dei due ex coniugi

· nel momento in cui il divorziato beneficiario di assegno versa in stato di bisogno, è previsto un assegno supplementare da versare ad intervallo regolare a suo favore a carico dell’eredità (il Tribunale assegnerà questo assegno prendendo in considerazione l’importo delle somme percepite, il numero degli eredi e le loro condizioni economiche).

A chi rivolgersi, tempi e costi

I coniugi che vogliano richiedere l’annullamento del proprio matrimonio devono rivolgersi ad un avvocato rotale, cioè in possesso di un’abilitazione e una specializzazione specifica in Diritto Canonico. E’ prevista la possibilità che sia una sola delle due parti ad avanzare la richiesta.
Il procedimento si svolge in due momenti:

  • presentazione dell’istanza al tribunale ecclesiastico competente, vale a dire del domicilio; in questo grado avviene la raccolta di tutti gli elementi di prova da parte di un collegio giudicante e l’interrogazione dei coniugi in separata sede, nonché dei testimoni;
  • se la richiesta è considerata valida, si prosegue con il secondo grado di appello in cui viene revisionato tutto il processo. Se si riconoscono validi i motivi, allora il rito viene dichiarato nullo.

Il tempo minimo di espletamento di tutto il processo è di circa due anni, ma può variare in base a dove viene presentata l’istanza.
Per quanto riguarda i costi, si deve pagare una somma di 525 euro al Tribunale ecclesiastico e, a parte, l’onorario dell’avvocato. Questo è stabilito dalla Conferenza Episcopale Italiana in un range compresso i 1575 euro e i 2992 euro, a cui si sommano le spese fiscali ed eventuali supplementi.

Cosa prevede il Defense Marriage Act

Dopo le dichiarazioni di Obama legate al futuro dei matrimoni fra coppie omosessuali, anche la corte di appello degli Stati Uniti si pronuncia a favore dei diritti di questi ultimi. In una recente sentenza, infatti, è stata dichiarata l'incostituzionalità del divieto, per le coppie omosessuali, di godere dei benefici previsti dal Defense Marriage Act.

La corte d'appello di Boston ha emesso una sentenza, a parere di molti, rivoluzionaria per quanto riguarda il tabù dei diritti delle coppie gay. I tre giudici, infatti, hanno ritenuto incostituzionale questa legge federale dell'epoca clintoniana. Secondo tale legge, viene definito come matrimonio la sola unione fra uomo e donna, e a partire da tale definizione limitativa, si vanno a garantire una serie di diritti esclusivamente a coniugi dello stesso sesso.

Questo significa che le coppie omosessuali vengono private di una serie di privilegi, quali la possibilità di effettuare una dichiarazione congiunta dei redditi. Inoltre, sempre secondo la corte di Boston, il decreto va ad interferire con la possibilità da parte dei singoli stati, di legiferare autonomamente in materia di matrimoni.

defense marriage act

La questione sarà presto dibattuta sul tavolo della Corte Suprema degli Stati Uniti, aggiungendo un tassello importante alla risoluzione della questione dei matrimoni gay, attualmente legali sono in 8 stati degli USA.

Defense Marriage Act e diritti delle coppie gay

Una riformulazione del Defense Marriage Act in senso meno discriminatorio verso gli omosessuali andrà sicuramente a inasprire i toni della campagna elettorale: il tema dei matrimoni gay sembra infatti essere l'ago della bilancia delle prossime elezioni. La corrente di destra, infatti, trova appoggio nei difensori dei matrimoni tradizionali, Chiesa cattolica in primis, rifiutando categoricamente un'apertura in tal senso. Di tutt'altro approccio la corrente democratica, favorevole a riconoscere da un punto di vista legale i matrimoni soggetti ancora ad una discriminazione altamente incostituzionale.

Vedremo come andrà avanti il processo di legalizzazione delle coppie omosessuali e se le dichiarazioni dei democratici non siano solo un comodo appiglio per guadagnare i voti di migliaia di persone in cerca di vedere i propri diritti riconosciuti non solo in alcuni stati della federazione.

Matrimonio omosessuale

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso, spesso indicato come matrimonio omosessuale o impropriamente matrimonio gay, è l'unione per mezzo dell'istituto del matrimonio tra coniugi del medesimo sesso.

Ciò è consentito dalla legge di alcuni paesi e vietato da altre. L'apertura del matrimonio alle coppie dello stesso sesso è una delle principali rivendicazioni della militanza omosessuale. Tale richiesta politica nasce dall'esigenza di eliminare dalle legislazioni la disparità di trattamento fra unioni eterosessuali e unioni omosessuali, sul presupposto che il rapporto omosessuale sia una espressione della sessualità e che il diritto al matrimonio sia un diritto inalienabile della persona.

Laddove è aperto alle coppie dello stesso sesso, il matrimonio è talvolta descritto come egualitario in quanto in linea col principio di eguaglianza tra persone, con l'egualitarismo; da qui l'espressione matrimonio egualitario riferita al matrimonio nel suo insieme, accessibile da tutte le coppie a prescindere dal sesso dei contraenti.

Dove è ad oggi consentito?

Al giugno 2015 due persone aventi lo stesso sesso possono accedere all'istituto del matrimonio in 21 nazioni: Spagna, Francia, Regno Unito (tranne l'Irlanda del Nord), Portogallo, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Danimarca (compresa la Groenlandia dal 2015), Finlandia (a inizio 2017 le prime celebrazioni), Islanda, Norvegia, Svezia, Irlanda, Stati Uniti (in tutti gli Stati della federazione e il distretto federale di Washington, DC), Canada, Messico (nella capitale e in due Stati della federazione), Argentina, Brasile, Uruguay, Sudafrica e Nuova Zelanda.

Inoltre a Malta, in Israele e nelle nazioni caraibiche di Aruba, Curaçao e Sint Maarten, pur non essendo consentito alle persone aventi lo stesso sesso di accedere all'istituto del matrimonio, vengono registrati i matrimoni fra persone dello stesso sesso celebrati altrove.

In vari paesi si può accedere a ufficializzazioni diverse dalle nozze; le persone omosessuali, aventi o meno la possibilità di contrarre matrimonio, hanno spesso accesso a questa tipologia di unioni civili.



Potrebbe interessarti

Diritto finanziario: ti spieghiamo noi di cosa si tratta

Diritto finanziario

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Riforma sul divorzio breve: ecco in cosa consiste davvero

Riforma del divorzio breve

Non sempre l'unione tra due coniugi va a buon fine. Capita spesso infatti che per motivi di varia natura e legati a diverse incomprensioni tra marito e moglie si prenda la decisione, anche in presenza di figli, di separarsi.

Come disdire l'abbonamento Sky grazie al decreto Bersani

In materia di liberalizzazioni, uno dei capisaldi degli ultimi anni è senza dubbio il decreto bersani, convertito in Legge Bersani n. 248 del 4 agosto 2006. La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Adozione per single: quando sarà possibile in Italia?

 

Secondo quanto previsto dalla Convenzione di Strasburgo sui fanciulli del 1967, l'adozione da parte di un genitore single non sarebbe un tabù. Infatti, tale Convenzione, che in pratica contiene le linee guida relative all'adozione di minori, non conterrebbe nulla in contrario.

Promessi sposi: una guida su cosa tenere bene a mente per non sbagliare

 matrimonip

Sposarsi è, per molti, il sogno di una vita. Il desiderio di trascorrere il resto dei propri giorni con la persona che si ama è molto poetico, ma per renderlo effettivo bisogna rimanere coi piedi per terra e documentarsi scrupolosamente su tutte le pratiche necessarie per sposarsi. Infatti, se si perde di vista una scadenza si rischia di non poter coronare il proprio sogno nei tempi desiderati e di dover posticipare anche di alcuni mesi.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Imposte dirette e indirette: la differenza in un approfondimento

imposte indirette

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Ricorso per le cartelle Equitalia e l’annullamento del debito: come fare?

 Ricorso per le cartelle Equitalia

Equitalia S.p.A. è una società italiana a totale controllo pubblico, incaricata della riscossione dei tributi su tutto il territorio, ad eccezione della Sicilia. È partecipata al 51% dall'Agenzia delle Entrate, ed al 49% dall'INPS.

Cessione del quinto dello stipendio: come funziona?

Nel corso della vita può capitare di aver bisogno di una somma di denaro per effettuare un acquisto, come ad esempio quello di un immobile, oppure per un urgente ed importante lavoro di ristrutturazione dello stesso. 

Leggi anche...

Aprire partita IVA: i consigli di Fiscozen

 

Se stai pensando di dare avvio alla tua attività lavorativa sappi che non potrai iniziare con prestazione occasionale ma dovrai aprire partita IVA. Oggi scopriamo come essere in regola con il Fisco?

Leggi anche...

Punti patente per semaforo rosso: tutti i casi spiegati con calma

Decurtazione dei punti della patente

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Go to Top