Non sempre l'unione matrimoniale tra due persona va a buon fine. Spesso nascono incomprensioni, divergenze caratteriali, vari cambiamenti negativi all'interno della coppia che possono condurre alla fine del matrimonio. A livello umano e familiare, soprattutto se ci sono di mezzo anche i figli, la fine di un'amore è un momento davvero difficile da affrontare. In questi casi inoltre, i due coniugi decidono solitamente di separarsi o divorziare. Durante la separazione è altresì possibile che per motivi di natura, in primis economico, e logistica, si sia costretti a coabitare nello stesso luogo; tale tipo di annullamento matrimoniale è definito “separazione in casa”.

Separazione in casa: separazione di fatto

La separazione in casa si verifica soprattutto nei casi in cui i due ex coniugi sono separati di fatto. È necessario sapere che la separazione di fatto si differenzia sostanzialmente dalla separazione legale, consensuale o giudiziale. Per quest'ultima è infatti obbligatoria la presenza di un'autorità giudiziaria che stabilisce le condizioni della separazione stessa. La separazione di fatto prevede invece l'abbandono spontaneo di uno dei due ex coniugi del tetto coniugale con un eventuale accordo di pagamento di alimenti. Si può altresì decidere di vivere sotto lo stesso tetto, soprattutto se sussistono problemi economici, effettuando così la separazione in casa.

Coabitazione e convivenza

Quando si parla di separazione in casa è necessario sapere che coabitazione e convivenza hanno due significati totalmente diversi in ambito giuridico. La convivenza, che include in sé anche la coabitazione, rappresenta una sorta di fusione e condivisione anche e soprattutto di natura affettiva e sentimentale. A differenza della convivenza, la coabitazione prevista nella separazione in casa rappresenta unicamente un condividere fisicamente la stessa abitazione. La separazione di fatto cda separati in casa prevede dunque la cessazione della convivenza, ma il perdurare della coabitazione.

La novità: separazioni low cost

Con la nuova legge sulle separazioni, questo atto non costerà come in passato migliaia di euro ma appena 16 euro, da versare nelle Casse del Comune. Un’agevolazione che non vale quando ci sono di mezzo i figli, visto che in quest’ultimo caso bisognerà tuttavia passare sempre per gli avvocati. Queste nuove norme hanno portato a un boom delle richieste di separazioni, soprattutto in coppie 50enni o 30enni, che sono quelle che più di tutte soffrono la crisi matrimoniale. Una crisi matrimoniale testimoniata anche dai numeri, visto che nel 2012 le separazioni erano arrivate al 22% e i divorzi al 36%. Un chiaro sintomo che le vecchie famiglie, che festeggiavano le nozze d’argento se non addirittura le nozze d’oro, non esistono più. Oppure, sono diventati solo pochissimi casi.

Ma perchè allora le persone si sbrigano per sposarsi? Sarebbe questa la domanda da fare a tutte quelle coppie che arrivano all’altare della Chiesa o in Comune per suggellare un’unione che dovrà durare in eterno. Purtroppo, basta fare un giro tra amici, vicini di casa o semplicemente persone della propria città per capire che la realtà si è completamente ribaltata rispetto a tanti anni fa. Oggi le coppie “scoppiano” per un nulla, al primo accenno di crisi ecco che si lasciano, magari dopo aver giurato e urlato amore eterno. I social network hanno poi aggravato la situazione, visto che i canali social sono stati menzionati come tra le cause del divorzio e/o separazione.

Tutto ciò ha prodotto quindi matrimoni che durano pochi anni prima della fine con la crisi economica che ha peggiorato la situazione. Sono aumentati infatti i casi di marito e moglie costretti a vivere sotto lo stesso tetto da “separati in casa” perchè non possono permettersi una separazione di fatto, con uno dei che va ad abitare da un’altra parte. Quando ci sono poi figli di mezzo, lo scenario è più difficile da gestire perchè i bambini capiscono la difficoltà del momento e ne soffrono terribilmente, anche se non lo danno a vedere. Con tutte le conseguenze del caso, del figlio che a weekend alternati vive con il padre e poi ritorna dalla madre, come fosse un pacco postale. E tutto ciò influisce su una crescita sana e soprattutto stabile del figlio/a.





Potrebbe interessarti

Diritto allo sciopero: quando si esercita?

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Leggi tutto...

Magistratura italiana: ecco alcune delle sue funzioni

In Italia, la magistratura è un organo costituzionale con funzioni giurisdizionali, che opera in maniera autonoma e indipendente dagli altri poteri.

Leggi tutto...

Il principio di legalità: indicazioni fondamentali!

Uno dei punti di forza del Diritto Penale è individuabile nel principio di legalità: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Leggi tutto...

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Leggi tutto...

Validità passaporto: costi e scadenze del documento per chi viaggia

Il passaporto è un documento necessario per viaggiare e, più nello specifico, per varcare le frontiere di tutti quei Paesi non Europei riconosciuti dalla Repubblica Italiana. Va richiesto ed è poi rilasciato dalla Questura cui facciamo riferimento.

Leggi tutto...

I più condivisi

8 x 1000: la lista dei beneficiari

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'otto per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi tutto...

Redditi diversi: scopri se ti riguarda?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi tutto...

Società in accomandita per azioni

All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società per azioni (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

Leggi tutto...

Tagli al budget per l'accoglienza 2019: come funziona in Italia?

Il tema dell’accoglienza dei migranti in Italia è sempre molto delicato e la dimensione del fenomeno è tale da essere diventata una voce di spesa all’interno della Legge di Bilancio. Per l’anno 2019, il Governo prevede un taglio – pari a circa 5 miliardi – alle risorse da destinare all’accoglienza. Le cifre si basano su stime e valutazioni rispetto a quanto definito nel DEF (documento di Economia e Finanza) 2018 dai precedenti Governi.

Leggi tutto...

Le imposte indirette nel diritto tributario

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Patto di non concorrenza per il dipendente

Il patto di non concorrenza per il dipendente è disciplinato agli artt. 2125, 2596 e 1795 del codice civile (per lavoratori dipendenti, autonomi e agenti commerciali). Il lavoratore può concordare un pagamento mensile che è soggetto a contributi pensionistici ed integra la retribuzione, oppure alla cessazione del contratto, soggetto agli obblighi e al regime fiscale del TFR.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Importo multe: sei sicuro della correttezza del documento che ti è arrivato?

Il dramma di ricevere una multa è collegato non tanto al fatto di aver infranto il codice della strada, quanto al pagamento e alla somma da esborsare per poter sistemare la propria situazione di infrazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos’è e quando si applica il sequestro probatorio?

Facciamo chiarezza su uno degli argomenti di cui più si discute in Italia in questo ultimo periodo. Il codice di procedura penale comprende tra i mezzi di ricerca della prova il sequestro probatorio (uno strumento utilizzato per lo più da Pubblici Ministeri e Polizia Giudiziaria). Il sequestro probatorio è collegato alla perquisizione (rappresentando in pratica una sua conseguenza).

Leggi tutto...
Go to Top