Multe eccesso velocità

Le sanzioni e le relativo multe per eccesso di velocità, in seguito alle modifiche portate al codice della strada nell'estate del 2010, vanno a farsi più severe.

Le multe per eccesso di velocità, per chi supera il limite imposto dalla legge o indicato dai cartelli stradali, variano la loro severità anche a seconda di quanto si è superato il limite stesso.

Eccesso di velocità

L’articolo che regola i limiti di velocità da rispettare e le sanzioni è il n. 142 del Codice della Strada (o Cds). Nello specifico, le indicazioni vengono fornite dai comma 7, 8, 9 e 9bis, i quali sono molto chiari nel definire gli importi delle multe. Dal 1° gennaio 2015, sono entrate in vigore le nuove disposizioni in merito, valide per due anni. In base all’entità della violazione, sono stati decisi i seguenti importi minimi:

Fino a 10 km/h

Per chi supera il limite entro i 10 km/h sarà tenuto a pagare una somma di 41 euro con un aumento di circa il 30% se l’infrazione viene effettuata in orario notturno (dalle ore 22 alle ore 7). In questo caso non vengono decurtati i punti dalla patente.

11-40 km/h

Pertanto, la multa per eccesso di velocità compreso fra 11 e 40 km/h, porta ad una sanzione monetaria di 169 euro e non solo: infatti vengono detratti tre punti patente. Solo per questo caso si tratta effettivamente di una pena alleggerita rispetto al passato.

40-60 km/h

Una multa per eccesso di velocità compreso fra 40 e 60 km/h, invece, prevede la sottrazione di sei punti patente invece dei dieci precedenti, ma la sanzione pecuniaria invece sale a 531 euro rispetto ai 370 precedenti.
A questo va ad aggiungersi la sospensione della patente da uno a tre mesi più l'inibizione alla guida del veicolo nella fascia oraria che va dalle 22 alle 7.

Oltre 60 km/h

Una multa per eccesso di velocità oltre i 60 km/h porta alla sottrazione di 10 punti patenti e alla sanziono monetaria pari a 828 euro. Inoltre, è prevista la sospensione della patente da sei a dodici mesi. Inoltre, nel caso in cui si viene multati una seconda volta per violazione di questo comma, si subisce la revoca della patente.

Le somme appena indicate si riferiscono alle infrazioni occorse durante l’orario diurno, vale a dire, dalle 7 del mattino alle 22 della sera. Dopo questo orario vengono applicati i nuovi importi maggiorati del 30%, ad esempio: violazione del comma 9, la multa è di 708 euro, mentre per il comma 9bis si arriva a dover pagare anche 1104 euro.
Se il pagamento della multa viene effettuato entro 5 giorni dalla contestazione o notifica del verbale, il codice prevede una riduzione del 30% della somma.

Neopatentati

Per quanto riguarda i patentati da meno di tre anni, esistono dei limiti di velocità ad hoc: 100 km/h su autostrada e 90 km/h su strade extraurbane principali.
Chi non rispetta questi limiti avrà una multa per eccesso di velocità con sanzione di 160 euro e sospensione della patente da due a otto mesi, che vanno ad aggiungersi alle sanzioni viste precedentemente.

Inoltre, la sottrazione dei punti patente è raddoppiata rispetto a quanto previsto dalle norme precedenti.

Limiti di velocità di riferimento

Il Codice della Strada impone che, sulle strade italiane, bisogna rispettare determinati limiti di velocità “ai fini della sicurezza della circolazione e della tutela della vita umana”. In sintesi, questi limiti vengono fissati, in base al tipo di strada, in:

  • in autostrada: 130 km/h. In caso di condizioni metereologiche difficili, il limite è di 110 km/h;
  • strade extraurbane principali: in genere 110 km/h, ma 90 per maltempo;
  • strade extraurbane secondarie e locali: 90 km/h;
  • città e centri abitati: limite di 50 km/h, a volte di 70 opportunamente segnalato.

Rilevazioni delle violazioni

La misurazione della velocità e l’eventuale rilevazione del superamento dei limiti imposti viene effettuato tramite un’apparecchiatura elettronica fissa o mobile, l’autovelox. Questi vengono posti su strade principali e autostrade oppure in base ad esigenze stradali specifiche, ad esempio per servizi di controllo straordinari.
La posizione degli autovelox non è un mistero in quanto quelli fissi sono segnalati da cartelli ben visibili, mentre per quelli mobili sono indicati ogni settimana e per conoscerli è sufficiente collegarsi al sito della Polizia di Stato.



Articolo aggiornato il

Ultimi aggiornamenti

Contatti

Per contattare la redazione del sito Portaldiritto scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 

Abbonati ai FEED

Tassazione





 
www.portaldiritto.com di Enrico Mainero - email enr.mainero@gmail.com - Roma -