Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEF, IRES, IRAP, ICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Vediamo nel dettaglio in cosa consiste l'IRES.

IRES (Imposta sul reddito delle società)

L'IRES sta per Imposta sul reddito delle società. Si tratta di una imposta proporzionale e personale che ha una aliquota pari al 33%.

Un altro tipo di soggetti sottoposti sono gli enti pubblici e privati e i trust che risiedono nei confini dello Stato e che si occupano principalmente di attività commerciali e non.

Anche le società e gli enti, di qualsiasi tipo e tutti i tipi di trust dotati o meno di personalità giuridica ma non residenti nei confini dello stato italiano, sono soggetti ad IRES.

Cos'è e come nasce questa imposta

Viene applicato in maniera diretta al reddito d'impresa, sempre che non si tratti di enti non commerciali, e deve seguire particolari norme in caso di tassazione per trasparenza o per il consolidato fiscale.

Incostituzionalità della Robin Tax

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 9 del 11 febbraio 2015, ha dichiarato illegittima la legge n.133 del 6 agosto 2008 e successive modifiche, inerenti all’imposta IRES per le società petrolifere ed energetiche. Secondo quanto era stato stabilito per legge, la Robin Tax prevedeva un aggravio dell’IRES per le società che lavoravano nell’ambito energetico, petrolifero e del gas e che avessero ottenuto un ricavo, nell’annualità precedente, superiore alla somma di 25 milioni di euro. La sentenza decorre dal giorno dopo la pronuncia della Corte Costituzionale e non ha quindi valore retroattivo.

Dopo questa sentenza, il nuovo Governo (ricordiamo che all’epoca dei fatti il Premier era Berlusconi e il Ministro delle Finanze Tremonti) dovrà trovare vie alternative per reperire le risorse che non arriveranno più da quest’imposta. Si è calcolato, infatti, che nel biennio 2011-2012, l’incasso per lo Stato era stato vicino ai 3 miliardi di euro. Una cifra notevole, che adesso verrà a mancare nelle casse dello Stato. Ultimamente, l’incasso era sceso come gettito perchè era stata modificata l’aliquota di riferimento: dapprima era passata dal 5% al 10%, per poi scendere intorno al 6.5% nell’ultimo anno. La questione era stata posta dalla Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia con la stessa Autorità per l’Energia che aveva paventato come un aggravio si potesse poi ripercuotere sull’ultimo elemento della filiera, ossia i cittadini consumatori.

La cancellazione di questa tassa, la Robin Tax, secondo alcuni analisti, potrebbe comportare un aumento degli utili per le società di questo settore stimato intorno al 10%. Una buona notizia per questi soggetti che possono cominciare di nuovo a pensare a delle strategie economiche importanti grazie ai soldi che non verranno più vincolati al pagamento delle tasse all’erario.
La Corte Costituzionale ha spiegato la non retroattività della norma con il fatto che togliere dalle casse dello Stato una somma così ingente, dopo che lo stesso Governo aveva trovato degli accordi con l’Unione Europea sul bilancio, avrebbe provocato danni importanti per l’esecutivo, visto che sarebbe stato privato di una perdita consistente da inserire sul rendiconto economico.





Potrebbe interessarti

Il diritto penale e le sue fonti

Il diritto penale è un ramo del diritto pubblico interno. Lo Stato vieta alcune condotte per mezzo di una sanzione che si pone a tutela dei valori fondamentali. Il diritto penale è la pena che distingue il reato, ovvero l’illecito penale, dall’illecito civile e dall’illecito amministrativo.

Leggi tutto...

Il Reato di Ergastolo e l'art 22 del codice penale

Chi commette un delitto efferato è severamente punito dalla legge italiana. Nei casi più blandi si deve scontare una pena che varia a seconda della gravità del reato commesso. Quando

Leggi tutto...

Registro delle opposizioni: iscrizione per il tuo numero

Per tutelare la privacy e gli interessi commerciali dei cittadini, è nato un nuovo servizio, il Registro Pubblico delle Opposizioni. Si tratta di un servizio rivolto ai cittadini il cui numero telefonico è presente nei vari elenchi telefonici pubblici, i quali non desiderano più ricevere telefonate indesiderate collegate a ricerche di mercato o per scopi commerciali.

Leggi tutto...

Copyright web: come si applica rispetto al diritto d'autore

Scrivere contenuti per i siti internet può essere molto soddisfacente, in quanto è un modo completamente gratuito per esprimere le proprie idee ad un pubblico vasto e spesso sconosciuto.

Leggi tutto...

Il Giudice delegato: sai di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Cambiale ipotecaria e titoli di credito

Non sono particolarmente diffusi, tuttavia potrebbe capitare ad ognuno di avere a che fare con una cosiddetta cambiale ipotecaria oppure degli eventuali titoli di credito. Cosa sono e soprattutto in quali situazioni potremmo trovarceli di fronte? Cerchiamo di approfondire meglio la questione.

Leggi tutto...

Accisa benzina: tutti i rincari del carburante

Il 2012 e il primo trimestre del 2013 hanno registrato ulteriori nuovi aumenti sul prezzo del carburante, per far fronte agli obblighi del Patto di Stabilità e sanare i conti danneggiati dalla crisi finanziaria internazionale.

Leggi tutto...

Il codice tributo 4726 e gli studi di settore in materia di adeguamento

L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Leggi tutto...

Codice accisa: la carta d’identità dei prodotti

Il cosiddetto “codice di accisa” è composto da una sequenza alfanumerica composta sempre da tredici caratteri ed è attribuito dalla Agenzia delle Dogane a ciascuni dei suoi operatori abilitati, siano essi un Deposito Fiscale come un Destinatario o uno Speditore Autorizzato.

Leggi tutto...

Cessione del quinto dello stipendio: come funziona?

Nel corso della vita può capitare di aver bisogno di una somma di denaro per effettuare un acquisto, come ad esempio quello di un immobile, oppure per un urgente ed importante lavoro di ristrutturazione dello stesso. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

La Lettera di Licenziamento: come scriverla

Spesso purtroppo ci troviamo di fronte ad una situazione sgradevole. Il dover licenziare qualcuno o, in alternativa, il dover apprendere di essere stati licenziati. In qualsiasi delle situazioni vi troviate avrete a che fare con la lettera di licenziamento. Una delle missive più antipatiche che esistano. Eppure anche questa lettera ricopre una certa importanza giuridica.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Arresti domiciliari: il provvedimento e le regole

Il diritto penale fa parte del diritto pubblico interno e si occupa di definire le dinamiche della pena per coloro che commettono reati più o meno gravi. Il diritto penale va ad analizzare dunque la gravità del reato commesso definendo la giusta pena da infliggere a colui che ha commesso un illecito penale.

Leggi tutto...
Go to Top