Dopo avervi parlato delle spese condominiali, oggi ragioniamo attorno alle Contestazione dei lavori non eseguiti a regola d'arte. Un problema che può verificarsi, in seguito ad opere di ristrutturazione, è la cattiva esecuzione dei lavori o in casi più gravi la comparsa di danni alla struttura. In queste situazioni il cliente è tutelato? Di chi è l'effettiva responsabilità? È possibile chiedere un risarcimento?

È bene subito precisare che un professionista o un'impresa edile che svolge lavori di ristrutturazione ha il dovere di realizzare le opere commissionate a regola d'arte, ovvero secondo tutte le conoscenze e principi dell'arte e della tecnica. Quindi il lavoro deve essere completato rispettando determinati standard di qualità sia estetici che funzionali e la conformità con l'eventuale progetto. In tutti i casi in cui si verificano danni per una cattiva esecuzione, il committente può richiedere il risarcimento fino a 10 anni dal completamento delle opere.

Differenza tra vizi palesi e vizi occulti

Molte opere di ristrutturazione sono semplici interventi che richiedono poche ore di lavoro, altre sono decisamente più complesse e si prolungano nel tempo. Il committente dovrebbe svolgere, nel limite del possibile, una continua azione di controllo per accertare con i propri occhi l'esecuzione dei lavori e chiedendo delucidazioni in caso di dubbi. È meglio manifestare subito le proprie perplessità in corso d'opera piuttosto che aspettare la fine.

Completati i lavori c'è la così detta fase di collaudo in cui è possibile verificare e contestare eventuali vizi palesi, ossia i difetti immediatamente visibili anche da un occhio inesperto. Molti problemi si possono presentare successivamente al collaudo: in questo caso si parla di vizi occulti. Dei classici esempi sono la comparsa di crepe sui muri o infiltrazioni d'acqua.

Garanzia sui lavori e Contestazione

Per opere di minore durata è prevista una garanzia di 2 anni da parte di chi ha eseguito i lavori, che sale a 10 anni per opere più durevoli. Nel primo caso il committente ha l'obbligo di contestare il danno entro 60 giorni dalla scoperta, mentre nella seconda ipotesi il tempo massimo è di un anno. Il modo più sicuro per effettuare la contestazione è inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno alla sede legale dell'impresa. È consigliabile far eseguire una perizia tecnica che accerti, in modo inconfutabile, la presenza dei danni derivanti dai lavori eseguiti.

Ottenere il risarcimento

Contestazione dei lavori non eseguiti a regola d'arte

Accertata la responsabilità dell'impresa, il committente può richiedere l'eliminazione dei vizi e degli eventuali danni subiti oppure un totale risarcimento. In alternativa è possibile trovare una soluzione meno drastica che consiste in uno sconto sul prezzo finale. In mancanza di un accordo tra le parti non rimane che la via del processo.

Come trovare un professionista affidabile per dei lavori a regola d'arte?

Per avere la certezza di ottenere lavori a regola d'arte, è quanto mai opportuno avvalersi dei servizi di professionisti qualificati. La scelta si effettua attraverso il classico passaparola oppure cercando su internet un'azienda specializzata. Per evitare di prendere una decisione casuale, è sufficiente rivolgersi a instapro.it: sito che seleziona numerosi artigiani e imprese in base a requisiti di serietà e capacità professionali. L'utente non deve far altro che visitare la home page, compilare e inoltrare un modulo di richiesta. I collaboratori di Instapro.it faranno il resto, inviando la domanda di preventivo a tutte le società ritenute idonee per il lavoro richiesto. Nel giro di qualche giorno il committente riceverà, comodamente a casa, una serie di preventivi da valutare senz a impegno e nessun costo aggiuntivo; potrà scegliere il migliore ed eventualmente contattare l'impresa per ulteriori informazioni o fissare un appuntamento.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Approvazione della legge di stabilità: come avviene l'iter burocratico?

Approvazione della legge di stabilità

La Legge di Bilancio definisce ogni anno gli obiettivi finanziari da perseguire nel triennio successivo e dalla quale dipendono i conti pubblici. L’approvazione della legge di Bilancio suscita interesse anche nell’Unione Europea e nelle agenzie di rating perché è il momento in cui si capisce quale sarà la direzione economica di un Paese e le prospettive future di crescita e stabilità.

Giudice delegato: sai di cosa si occupa questa figura?

giudice delegato

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Legge Bersani telefonia

Con l’avvento della Legge Bersani, sono state introdotte delle misure favorevoli ai consumatori, relativamente alle tariffe telefoniche.

Validità del passaporto: costi e scadenze del documento per chi viaggia

validità del passaporto

Il passaporto è un documento necessario per viaggiare e, più nello specifico, per varcare le frontiere di tutti quei Paesi non Europei riconosciuti dalla Repubblica Italiana. Va richiesto ed è poi rilasciato dalla Questura cui facciamo riferimento.

I più condivisi

Cos'è la cambiale: un approfondimento

Tutti noi ci siamo sicuramente messi nei panni disperati del povero Paperino, costretto dal suo miliardario zio a firmare al termine di ogni storia una tonnellata di cambiali.

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Mutuo per la prima casa: cosa vuol dire e come richiederlo

Cosa_vuol_dire_mutuo_prima_casa_e_quali_sono_i_requisiti_1.jpg

Quando si inizia a pensare all’acquisto di una casa, generalmente si verifica una circostanza che potremmo definire ‘tipica’. Ovvero, si presenta la necessità di accendere un mutuo per potersi aggiudicare quel certo immobile. L’acquisto di un appartamento è un punto di svolta e a maggior ragione se si tratta di una prima casa.

Leggi anche...

Caf Palermo e provincia: ecco dove andare!

Perchè c'è bisogno dei CAF, o centri di Assistenza Fiscale? Queste società si occupano di aiutare i cittadini contribuenti nella compilazione di alcuni moduli e nella verifica dei rapporti da presentare all'Agenzia delle entrate, nonchè di determinare i pagamenti necessari per una corretta gestione delle tasse. 

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima
Go to Top