Con l'attuazione del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, e la conseguente riforma del processo civile in materia di mediazione, la figura del mediatore conciliatore ha assunto un ruolo chiave nell'ambito della risoluzione di determinate questioni legali.

Per questo motivo la figura del conciliatore professionista è diventata molto ricercata da parte di determinate società legali.

Gli elementi della mediazione

Prima di addentrarci sulla figura del mediatore risulta opportuno fornire delle spiegazioni circa gli elementi principali di questa attività.

  • Primo, la mediazione: è l’attività svolta da una figura, definita terzo imparziale, che assiste due o più soggetti nella risoluzione di una controversia tramite la ricerca e la proposta di un compromesso che può porre fine alla questione.
  • Il terzo imparziale è chiamato mediatore, vale a dire colui in termini di persona o persone fisiche che svolgono il lavoro senza avere la presunzione di giudicare o prendere decisioni. Il suo obiettivo è di trovare una via d’uscita che metta d’accordo le parti contendenti senza dover andare in tribunale.

Come diventare conciliatore

Per diventare un conciliatore professionista, bisogna comunque possedere una serie di requisiti che attestino la qualifica professionale del soggetto.

Innanzitutto un conciliatore professionista deve possedere un titolo di studio pari almeno al diploma di laurea universitaria triennale, o comunque deve essere iscritto all'ordine o al collegio professionale.

Inoltre, il conciliatore professionista deve aver effettuato un corso di aggiornamento della durata minima di due anni, presso particolari enti di formazione.

Il Cesd mette a disposizione un particolare corso intensivo per la formazione del mediatore civile professionista. Questo ente ha la garanzia di essere accreditato dal Ministero della Giustizia, e dunque presenta tutti quelli che sono i requisiti richiesti dall'attuale normativa di riferimento in merito alla figura del conciliatore professionista.

Possono fare i mediatori anche coloro che non hanno una laurea in discipline giuridiche o economiche, ma anche chi possiede ad esempio un titolo in ambito filosofico, psicologico, medico e altro.

Caratteristiche personali

I requisiti richiesti per poter svolgere l’attività sono i più comuni per dimostrare una fedina penale pulita. Infatti, non bisogna avere avuto condanne definitive, non avere l’interdizione dai pubblici uffici, non essere sottoposto a misure di sicurezza o prevenzione, non aver avuto sanzioni disciplinari.
Il mediatore è una persona che sa comunicare e ascoltare in maniera efficace, empatica e in grado di relazionarsi con le parti. Risulta essenziale una personalità riflessiva, vale a dire una persona che prende il giusto tempo per proporre una soluzione equilibrata.
Un’ulteriore capacità è richiesta nell’ambito linguistico, con tanto di certificazione, per chi svolge l’attività di mediatore esperto in materia internazionale.

Corso conciliatore professionista

Il corso per diventare conciliatore professionista ha una durata di 52 ore, come previsto dal decreto ministeriale 180/2010, ed è erogato nelle seguenti modalità:

  • 6 giorni consecutivi

  • due week end da tre giorni

Il corso da conciliatore professionista proposto dal Cesd viene effettuato presso le sedi dell’Università e-Campus, (Novedrate, Roma e Messina), Ente Patrocinante dei corsi.

Una volta concluso il corso, è necessario iscriversi all’albo di un ente di conciliazione per essere chiamati a risolvere le controversie.

Doveri Mediatore Conciliatore

Il mediatore conciliatore è un professionista (a volte indicato semplicemente come mediatore o come conciliatore) che si occupa in maniera individuale, oppure insieme ad un team di collaboratori di pari ruolo, della risoluzione di determinati conflitti o liti sorti fra due o più parti.

Il mediatore conciliatore lavora necessariamente in condizioni di imparzialità rispetto alle parti in conflitto, operando dunque ai fini della risoluzione dello stesso in tempi brevi e nell'interesse delle parti. Grazie alla figura del mediatore conciliatore, le parti in conflitto non devono ricorrere alle normali vie giudiziarie.

Secondo quanto previsto dalla legge, il mediatore conciliatore ha il divieto di lavorare per un numero maggiore a cinque organismi di mediazione. Se viola tale obbligo, il mediatore conciliatore commette un illecito disciplinare, con relativa sanzione in caso di iscrizione all'albo professionali.

Nel caso in cui infatti il mediatore conciliatore abbia a che vedere con i fatti di cui è chiamato a conciliare, è obbligato a comunicare in tal senso all'ente o all'organismo cui riferisce.

Novità

Dal decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, con la riforma del processo civile in materia di mediazione, la figura del mediatore conciliatore ha assunto un ruolo chiave. Infatti, per alleggerire il lavoro dei tribunali, prima di avviare un qualsiasi giudizio civile è diventato obbligatorio rivolgersi ad un mediatore conciliatore per risolvere conflitti nei seguenti ambiti: condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato.

Il compenso del mediatore creditizio viene pagato dalle società di intermediazione. Il mediatore creditizio non può chiedere compensi in denaro al cedente. Tutto quello che offre il Mediatore creditizio, il cliente lo può trovare direttamente in Banca o presso la Società Finanziaria.

Il mediatore creditizio si occupa del mercato finanziario offrendo un servizio di negoziazione di titoli per conto terzi. I clienti del mediatore creditizio sono gli investitori, che decidono cosa comprare o vendere. Spesso il prezzo per questo servizio è basso, in quanto è introduttivo allo svolgimento di una o più operazione su cui il broker intascherà la commissione.

Il trading on line permette all'investitore connesso ad una rete informatica di inviare gli ordini all'intermediario. La comodità e la velocità di trasmissione rende più attraente anche per i piccoli risparmiatori l'investimento sui mercati.

Corso di mediatore conciliatore

Per diventare mediatore conciliatore occorre svolgere un corso di formazione pratico e teorico di 50 ore, presso una struttura che sia iscritta alla lista del Ministero di Giustizia. Alla fine del corso il partecipante sarà sottoposto a una valutazione finale. La persona interessata alla partecipazione del suddetto corso e che intende acquisire la professione di conciliatore dovrà possedere determinati requisiti professionali descritti dall’art.4 D.M. 180/2010:

  • Essere in possesso di un diploma di laurea triennale
  • In alternativa deve essere iscritto a un ordine o a un collegio professionale
  • Deve possedere una formazione biennale presso enti di formazioni riconosciuti dal Ministero di Giustizia
  • Possedere una idonea capacità linguistica della lingua straniera
  • Non deve avere a proprio carico condanne penali
  • Non deve essere stato interdetto dagli uffici pubblici
  • Non deve essere mai stato sotto misura di prevenzione
  • Non deve aver subito sanzioni disciplinari.

Il corso, a pagamento e della frequenza obbligatoria, per diventare mediatore civile affronterà diverse tematiche, tra le quali:

  • Normativa nazionale, comunitaria e internazionale in ambito di mediazione
  • Metodi e sulle procedure per la migliore negoziazione
  • Tecniche sulle modalità di risoluzione dei conflitti
  • Tecniche comunicative
  • Esplicazione delle attività e delle responsabilità che dovrà svolgere l’intermediario

Una volta superata la prova finale, prima di diventare conciliatore a svolgere gli annessi compiti, il candidato dovrà iscriversi all’albo di un ente pubblico o privato dove svolgerà l’iter di conciliazione. Per iscriversi, dopo aver pagato la quota, basterà presentare il proprio curriculum e l’attestato di partecipazione. Gli organismi di conciliazione più diffusi sono le banche e le camere di commercio. Qualora si decidesse di iscriversi ad un organismo privato, quest’ultimo dovrà:

  • Essere registrato nell’elenco del Ministero di Giustizia
  • Possedere almeno 5 formatori
  • Possedere 1 responsabile scientifico esperto nella risoluzione delle controversie
  • Documentare la competenza dei sopracitati professionisti
  • Garantire un patrimonio netto superiore ai diecimila euro
  • Poter essere attivo in almeno due regioni Italiane
  • Poter essere operativo in almeno due provincie della stessa regione
  • Garantire la massima efficienza




Potrebbe interessarti


Diritto di difesa: come usufruirne

Analizziamo oggi in questo articolo un concetto molto importante per la persona. Il Diritto di difesa è infatti uno dei principali diritti riconosciuti all'imputato nell’ambito del diritto processuale penale. Il diritto di difesa è tecnico e sostanziale. Si ha la prima accezione nel momento in cui si ha il diritto e dovere di avere un difensore che guida la parte nel processo tramite consigli tecnici; la seconda con la titolarità dell'imputato stesso che sceglie la tesi sulla quale dibattere la propria posizione.

Leggi tutto...

Che cos’è l’Oblazione penale? Quando è usata?

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

Leggi tutto...

Magistratura italiana: ecco alcune delle sue funzioni

In Italia, la magistratura è un organo costituzionale con funzioni giurisdizionali, che opera in maniera autonoma e indipendente dagli altri poteri.

Leggi tutto...

Tipi di referendum: li conosci tutti?

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

Leggi tutto...

Perquisizione personale: sai quando è davvero necessaria?

La perquisizione rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

Leggi tutto...

I più condivisi


Cos'è la permuta? Scopriamo questo contratto

Con il termine permuta s'intende lo scambio tra due persone, di oggetti e servizi di varia natura. Neglratica, veloce e soprattutto economica per procurarsi oggetti o servizi che altrimenti ni ultimi anni sono sempre più numerose le persone che usano questa forma di scambio pon potrebbero comprare.

Leggi tutto...

Visura Catastale online: ecco come ottenerla

La visura catastale un documento che viene rilasciato dall'agenzia del Territorio, ovvero dal Catasto, contenente tutti i dati principali relativi a un immobile in oggetto, distinti in dati sui fabbricati o sui terreni.

Leggi tutto...

Le imposte indirette nel diritto tributario

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Leggi tutto...

Esempio di calcolo IMU: strumenti e simulazioni

Per quanto riguarda esempi di calcolo dell'IMU, si parla di un valore pari a circa il triplo della vecchia ICI.

Leggi tutto...

Rendita catastale IMU: cosa bisogna sapere?

Cosa si intende per rendita catastale come base imponibile per l'IMU? Si tratta in pratica di un valore a cui andiamo ad applicare una aliquota, in modo da calcolare il valore effettivo delle imposte da pagare. Nel caso di imposte dirette, la base imponibile va ad essere calcolata per una sua applicazione al reddito delle deduzioni e riduzioni fiscale.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Le cooperative di consumo (Coop)

Nell'ambito delle società cooperative ha un ruolo rilevante la cooperativa di consumo, un tipo di società che ha come obiettivo quello di acquistare e rivendere beni di qualità a prezzi vantaggiosi ai propri soci, che hanno anche il ruolo di consumatori.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Patteggiamento della pena: quando e come?

Il patteggiamento sulla pena rappresenta un istituto del diritto processuale penale disciplinato dal punto 4 dell'art.2 della legge delega dl 1987 e dall'art. 444 c.p.p. come modificato dalla legge 12 giugno 2003 n.134. Il patteggiamento è dunqueil procedimento caratterizzato dalla richiesta rivolta al Giudice dall'imputato di una sanzione sostitutiva diminuita fino a un terzo.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Patteggiamento della pena: quando e come?

Il patteggiamento sulla pena rappresenta un istituto del diritto processuale penale disciplinato dal punto 4 dell'art.2 della legge delega dl 1987 e dall'art. 444 c.p.p. come modificato dalla legge 12 giugno 2003 n.134. Il patteggiamento è dunqueil procedimento caratterizzato dalla richiesta rivolta al Giudice dall'imputato di una sanzione sostitutiva diminuita fino a un terzo.

Leggi tutto...
Go to Top