Con l'attuazione del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, e la conseguente riforma del processo civile in materia di mediazione, la figura del mediatore conciliatore ha assunto un ruolo chiave nell'ambito della risoluzione di determinate questioni legali.

Per questo motivo la figura del conciliatore professionista è diventata molto ricercata da parte di determinate società legali.

Gli elementi della mediazione

Prima di addentrarci sulla figura del mediatore risulta opportuno fornire delle spiegazioni circa gli elementi principali di questa attività.

  • Primo, la mediazione: è l’attività svolta da una figura, definita terzo imparziale, che assiste due o più soggetti nella risoluzione di una controversia tramite la ricerca e la proposta di un compromesso che può porre fine alla questione.
  • Il terzo imparziale è chiamato mediatore, vale a dire colui in termini di persona o persone fisiche che svolgono il lavoro senza avere la presunzione di giudicare o prendere decisioni. Il suo obiettivo è di trovare una via d’uscita che metta d’accordo le parti contendenti senza dover andare in tribunale.

Come diventare conciliatore

Per diventare un conciliatore professionista, bisogna comunque possedere una serie di requisiti che attestino la qualifica professionale del soggetto.

Innanzitutto un conciliatore professionista deve possedere un titolo di studio pari almeno al diploma di laurea universitaria triennale, o comunque deve essere iscritto all'ordine o al collegio professionale.

Inoltre, il conciliatore professionista deve aver effettuato un corso di aggiornamento della durata minima di due anni, presso particolari enti di formazione.

Il Cesd mette a disposizione un particolare corso intensivo per la formazione del mediatore civile professionista. Questo ente ha la garanzia di essere accreditato dal Ministero della Giustizia, e dunque presenta tutti quelli che sono i requisiti richiesti dall'attuale normativa di riferimento in merito alla figura del conciliatore professionista.

Possono fare i mediatori anche coloro che non hanno una laurea in discipline giuridiche o economiche, ma anche chi possiede ad esempio un titolo in ambito filosofico, psicologico, medico e altro.

Caratteristiche personali

I requisiti richiesti per poter svolgere l’attività sono i più comuni per dimostrare una fedina penale pulita. Infatti, non bisogna avere avuto condanne definitive, non avere l’interdizione dai pubblici uffici, non essere sottoposto a misure di sicurezza o prevenzione, non aver avuto sanzioni disciplinari.
Il mediatore è una persona che sa comunicare e ascoltare in maniera efficace, empatica e in grado di relazionarsi con le parti. Risulta essenziale una personalità riflessiva, vale a dire una persona che prende il giusto tempo per proporre una soluzione equilibrata.
Un’ulteriore capacità è richiesta nell’ambito linguistico, con tanto di certificazione, per chi svolge l’attività di mediatore esperto in materia internazionale.

Corso conciliatore professionista

Il corso per diventare conciliatore professionista ha una durata di 52 ore, come previsto dal decreto ministeriale 180/2010, ed è erogato nelle seguenti modalità:

  • 6 giorni consecutivi

  • due week end da tre giorni

Il corso da conciliatore professionista proposto dal Cesd viene effettuato presso le sedi dell’Università e-Campus, (Novedrate, Roma e Messina), Ente Patrocinante dei corsi.

Una volta concluso il corso, è necessario iscriversi all’albo di un ente di conciliazione per essere chiamati a risolvere le controversie.

Doveri Mediatore Conciliatore

Il mediatore conciliatore è un professionista (a volte indicato semplicemente come mediatore o come conciliatore) che si occupa in maniera individuale, oppure insieme ad un team di collaboratori di pari ruolo, della risoluzione di determinati conflitti o liti sorti fra due o più parti.

Il mediatore conciliatore lavora necessariamente in condizioni di imparzialità rispetto alle parti in conflitto, operando dunque ai fini della risoluzione dello stesso in tempi brevi e nell'interesse delle parti. Grazie alla figura del mediatore conciliatore, le parti in conflitto non devono ricorrere alle normali vie giudiziarie.

Secondo quanto previsto dalla legge, il mediatore conciliatore ha il divieto di lavorare per un numero maggiore a cinque organismi di mediazione. Se viola tale obbligo, il mediatore conciliatore commette un illecito disciplinare, con relativa sanzione in caso di iscrizione all'albo professionali.

Nel caso in cui infatti il mediatore conciliatore abbia a che vedere con i fatti di cui è chiamato a conciliare, è obbligato a comunicare in tal senso all'ente o all'organismo cui riferisce.

Novità

Dal decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, con la riforma del processo civile in materia di mediazione, la figura del mediatore conciliatore ha assunto un ruolo chiave. Infatti, per alleggerire il lavoro dei tribunali, prima di avviare un qualsiasi giudizio civile è diventato obbligatorio rivolgersi ad un mediatore conciliatore per risolvere conflitti nei seguenti ambiti: condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato.

Il compenso del mediatore creditizio viene pagato dalle società di intermediazione. Il mediatore creditizio non può chiedere compensi in denaro al cedente. Tutto quello che offre il Mediatore creditizio, il cliente lo può trovare direttamente in Banca o presso la Società Finanziaria.

Il mediatore creditizio si occupa del mercato finanziario offrendo un servizio di negoziazione di titoli per conto terzi. I clienti del mediatore creditizio sono gli investitori, che decidono cosa comprare o vendere. Spesso il prezzo per questo servizio è basso, in quanto è introduttivo allo svolgimento di una o più operazione su cui il broker intascherà la commissione.

Il trading on line permette all'investitore connesso ad una rete informatica di inviare gli ordini all'intermediario. La comodità e la velocità di trasmissione rende più attraente anche per i piccoli risparmiatori l'investimento sui mercati.

Corso di mediatore conciliatore

Per diventare mediatore conciliatore occorre svolgere un corso di formazione pratico e teorico di 50 ore, presso una struttura che sia iscritta alla lista del Ministero di Giustizia. Alla fine del corso il partecipante sarà sottoposto a una valutazione finale. La persona interessata alla partecipazione del suddetto corso e che intende acquisire la professione di conciliatore dovrà possedere determinati requisiti professionali descritti dall’art.4 D.M. 180/2010:

  • Essere in possesso di un diploma di laurea triennale
  • In alternativa deve essere iscritto a un ordine o a un collegio professionale
  • Deve possedere una formazione biennale presso enti di formazioni riconosciuti dal Ministero di Giustizia
  • Possedere una idonea capacità linguistica della lingua straniera
  • Non deve avere a proprio carico condanne penali
  • Non deve essere stato interdetto dagli uffici pubblici
  • Non deve essere mai stato sotto misura di prevenzione
  • Non deve aver subito sanzioni disciplinari.

Il corso, a pagamento e della frequenza obbligatoria, per diventare mediatore civile affronterà diverse tematiche, tra le quali:

  • Normativa nazionale, comunitaria e internazionale in ambito di mediazione
  • Metodi e sulle procedure per la migliore negoziazione
  • Tecniche sulle modalità di risoluzione dei conflitti
  • Tecniche comunicative
  • Esplicazione delle attività e delle responsabilità che dovrà svolgere l’intermediario

Una volta superata la prova finale, prima di diventare conciliatore a svolgere gli annessi compiti, il candidato dovrà iscriversi all’albo di un ente pubblico o privato dove svolgerà l’iter di conciliazione. Per iscriversi, dopo aver pagato la quota, basterà presentare il proprio curriculum e l’attestato di partecipazione. Gli organismi di conciliazione più diffusi sono le banche e le camere di commercio. Qualora si decidesse di iscriversi ad un organismo privato, quest’ultimo dovrà:

  • Essere registrato nell’elenco del Ministero di Giustizia
  • Possedere almeno 5 formatori
  • Possedere 1 responsabile scientifico esperto nella risoluzione delle controversie
  • Documentare la competenza dei sopracitati professionisti
  • Garantire un patrimonio netto superiore ai diecimila euro
  • Poter essere attivo in almeno due regioni Italiane
  • Poter essere operativo in almeno due provincie della stessa regione
  • Garantire la massima efficienza




Potrebbe interessarti

Fedina Penale: consultazione e rilascio

Una delle cose più importanti in materia di diritto penale è sicuramente il certificato penale, meglio conosciuta come fedina penale. Per essere un buono ed onesto cittadino ai sensi della Legge e nei confronti dello Stato, è infatti fondamentale avere una fedina penale pulita.

Leggi tutto...

Legge sul testamento biologico: a che punto siamo in Italia?

Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenzo da parte del diretto interessato.

Leggi tutto...

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Leggi tutto...

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Leggi tutto...

Fivet in Italia: le ultime novità sulla limitazione degli embrioni

In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il comitato creditori: di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Leggi tutto...

La legge Bersani sui mutui: ecco cosa dice

La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Leggi tutto...

Le commissioni tributarie: qual è il loro ruolo?

Nell'ambito dell'ordinamento italiano, esistono particolari organi giurisdizionali denominati Commissioni tributarie. Queste sono dei giudici particolari che si esprimono in materia tributaria.

Leggi tutto...

Associazioni che difendono i diritti dei consumatori

In Italia esistono varie associazioni che tutelano i diritti dei consumatori, ovvero dei soggetti sorti con lo scopo di difendere i consumatori e gli utenti di determinati servizi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Patto di non concorrenza per il dipendente

Il patto di non concorrenza per il dipendente è disciplinato agli artt. 2125, 2596 e 1795 del codice civile (per lavoratori dipendenti, autonomi e agenti commerciali). Il lavoratore può concordare un pagamento mensile che è soggetto a contributi pensionistici ed integra la retribuzione, oppure alla cessazione del contratto, soggetto agli obblighi e al regime fiscale del TFR.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione da 6 a 10 punti patente, occhio al semaforo rosso!

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione da 6 a 10 punti patente, occhio al semaforo rosso!

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...
Go to Top