La parola anatocismo sta a significare la capitalizzazione degli interessi su un capitale, in modo che siano produttivi di altri interessi (questi interessi vengono poi dichiarati composti). La legge italiana autorizza il pagamento degli interessi legali sulle quote di debito, che non sono state saldate a scadenza. 

Da sottolineare che il calcolo degli interessi in regime di capitalizzazione composta determina una crescita molto alta del debito. Logico dunque che in un'obbligazione pecuniaria l'applicazione dell'anatocismo comporta l'obbligo di pagamento del capitale e degli interessi pattuiti, oltre agli ulteriori interessi calcolati sugli interessi già scaduti. 

Sebbene l'anatocismo sia un istituto conosciuto da tempo, la legge del nostro paese non ha raggiunto ancora un grado di completezza. Gli interessi scaduti infatti hanno la possibilità di produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale. È molto importante sottolineare il fatto che il codice civile vieta un regime di capitalizzazione composta degli interessi. 

Nel 1999 la Corte di Cassazione ha affermato la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale, portando come causa l’inesistenza di un uso normativo idoneo a derogare all'art. 1283 c.c.. Il legislatore ha modificato l'art. 120 del decreto legislativo 1º settembre 1993, n. 385 apportando in materia il principio della eguale cadenza di capitalizzazione dei saldi attivi e passivi. Ha dunque fissato una sanatoria per il pregresso. 

Dopo la sentenza della Consulta, datata ottobre 2000, un secondo decreto fu approvato il 29 dicembre 2000. Il decreto è l'interpretazione autentica della legge antiusura, la n. 108 del 1996. Venuta meno la norma transitoria la Corte di Cassazione ha continuato, con altre sentenze a ribadire il suo approccio più recente, estendendo i principi enunciati con riferimento al conto corrente bancario anche ai contratti di mutuo.

L’anatocismo al contrario dell’usura non è un illecito penale, bensì civile. Infatti per quanto riguarda l’usura non è mai approvata dal nostro codice civile e ha dei risvolti anche nel codice penale in quanto applica degli interessi troppo alti, l’anatocismo invece in alcuni casi è ammesso dal codice civile e chi lo pratica non commette nessun illecito penale.

L’anatocismo è ammesso quando gli interessi scaduti possono produrre interessi solo e soltanto dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi.

Tasso di interesse

Il tasso di interesse non è altro che la somma dovuta come compenso per ottenere un capitale o secondo un altro punto di vista: costo del denaro. I tassi di interesse sono indicatori cruciali per i mercati finanziari.
Questo viene espresso in percentuale, e se il tasso d’interesse supera quello che viene deciso dal Ministero di Economia e Finanza trimestralmente, diviene tasso usurario.

Sanzioni

Con l’anatocismo non ci sono forti sanzioni, infatti si limitano alla restituzione delle somme estorte ingiustamente. Non esiste una modalità standard per il risarcimento. Il giudice può riconoscere il risarcimento per il danno esistenziale e biologico.

Al contrario dell’anatocismo, l’usura è penalmente perseguibile e le sue sanzioni vanno ben oltre la restituzione delle somme estorte. L’usura è un reato e come tale la giustizia applica una maggiore reazione rispetto ad un illecito civile.
Con questo reato si prevede l’apertura di un’indagine penale con l’intervento del Pubblico Ministero nei confronti dei possibili usurai, avendo un potere di indagine molto elevato.

Anche le sanzioni che provengono dal codice civile sono molto incisive ed aspre: infatti in caso di usura non sono dovuti gli interessi.
Anche le banche non sono esenti dal reato di usura, anzi, se questo reato viene commesso da un soggetto che si occupa di attività bancaria, le sanzioni sono ancora più dure ed è prevista un’aggravante specifica.

 





Potrebbe interessarti

Commissione dell'Unione Europea: metodologia di giudizio della legge di bilancio

Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione Europea ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Leggi tutto...

Congedi di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il congedo anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Leggi tutto...

Certificato penale casellario giudiziale: tutti i nostri reati o quasi

Il casellario giudiziale è una sorta di maxi schedario, istituito dalla Procura della Repubblica presso ogni Tribunale, contenente tutte le notizie relative a tutti i provvedimenti (giudiziari e amministrativi) riferiti a ogni singolo cittadino.

Leggi tutto...

Separazioni in casa: ecco come funziona

Non sempre l'unione matrimoniale tra due persona va a buon fine. Spesso nascono incomprensioni, divergenze caratteriali, vari cambiamenti negativi all'interno della coppia che possono condurre alla fine del matrimonio. 

Leggi tutto...

Affidamento congiunto: come regolarsi?

Non sempre l'unione di due coniugi va a buon fine. Spesso per incomprensioni o altro si decide di separarsi e divorziare e di non condividere più insieme la vita di coppia e l'educazione dei propri figli; a pagare maggiormente per la fine di un matrimonio sono infatti proprio i figli della coppia.

Leggi tutto...

I più condivisi

Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono?

Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Leggi tutto...

Preventivo notaio: quanto costano le spese notarili?

Nel calcolo delle spese notarili, valutabili già nel preventivo del notaio, è necessario tenere presenti diversi fattori, che naturalmente variano a seconda dell’atto che stiamo facendo, sia per quanto riguarda l’onorario del notaio sia ad esempio per quanto riguarda tasse e imposte che saremo chiamati a versare a questo professionista in qualità di sostituto d’imposta

Leggi tutto...

Ormai è possibile richiedere il preventivo di un mutuo anche online

Ormai attraverso internet è possibile fare qualsiasi cosa, anche richiedere il preventivo per un mutuo. I siti che si mettono a disposizione per il calcolo effettivo di un tale prestito sono ormai moltissimi, tutti altamente affidabili e in grado di far ottenere dei reali risparmi al cliente.

Leggi tutto...

Imposta IRES: cos'è e come si calcola

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Leggi tutto...

Scadenza della cambiale: come comportarsi?

Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

I commercialisti di Milano: trova i più autorevoli!

I commercialisti di Milano svolgono, in questa città, una funzione particolarmente importante: in quanto polo industriale, il capoluogo della Lombardia necessita infatti di simili figure professionali che, grazie alla loro competenza, possano aiutare le piccole e grandi imprese nella gestione dei loro affari.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contestare una multa: ecco come fare

Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure il giudice di pace.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contestare una multa: ecco come fare

Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure il giudice di pace.

Leggi tutto...
Go to Top