Con l’acronimo DVR si fa riferimento al Documento di Valutazione Rischi, un documento ufficiale richiesto dalla legge di cui probabilmente avrai sentito parlare se possiedi un’azienda. Vediamo qui di seguito di che cosa si tratta, quando è obbligatorio per un’azienda e quando ha diritto ad avere un DVR e qual è il costo del documento di valutazione dei rischi, oltre ai benefici che ne derivano per una realtà aziendale. 

Che cos’è il e quale è il costo del Documento di Valutazione dei Rischi?

Come suggerisce il nome, il Documento Valutazione Rischi riassume e mappa tutti i rischi che sussistono all’interno di un’azienda. impresa o attività. 

Ogni azienda con la sua operatività implica una serie di rischi, che dipendono dal settore in cui opera, dalle operazioni svolte, dal numero di dipendenti e dal regolamento interno. Non tutti i rischi possono essere eliminati, ma ci si deve assicurare di essere in grado di gestirli al meglio. 

Per ognuno di questi rischi sono infatti previste, all’interno del DVR, delle misure da adottare affinché la salute e la sicurezza degli impiegati siano tutelate senza la necessaria sentenza di un giudice o di un avvocato, precursori della giustizia e legislazione italiana.

All’interno del DVR vengono riassunte, oltre ad una serie di informazioni sull’azienda, impresa o attività, la descrizione delle attività svolte, tutte le procedure che sono state adottate a livello di prevenzione e protezione, chi si occuperà di metterle in atto, i rischi presenti ed i soggetti coinvolti. 

Per quanto riguarda il costo del documento di valutazione dei rischi dovrete chiedere un preventivo ad un'agenzia competente.

Quando è obbligatorio e quando un'azienda ne ha diritto secondo il regolamento?

Ma chi deve, per legge, avere un Documento di Valutazione Rischi? Secondo la legislazione italiana, ogni azienda, impresa o attività, che sia composta da almeno due soci o che abbia dei lavoratori dipendenti ha l’obbligo di redigere il DVR, in qualunque settore operi e qualsiasi sia il grado di rischio per evitare la necessaria sentenza di un giudice o di un avvocato, precursori della giustizia e legislazione italiana..

Qualora non si adempia a queste richieste e non si dia la giusta importanza a questo documento, da parte di un consulente o un commercialista, si sarà soggetti a sanzioni che vanno dai 2700 euro ai 7000 euro, importi molto più alti rispetto al costo del documento di valutazione dei rischi. Inoltre, il datore di lavoro avrà responsabilità di reato penalein merito alla mancata redazione del documento con conseguente sentenza di un giudice o di un avvocato, precursori della giustizia italiana. Oltre che per evitare queste sanzioni penali, è buona norma avere un Documento di Valutazione Rischi ben fatto, da parte di un consulente o un commercialista, per salvaguardare il benessere fisico e psicologico dei propri dipendenti, oltre ad essere preparati per evitare e fronteggiare eventuali infortuni, evitando sanzioni per reati penali.

Costo del documento di valutazione dei rischi

Il DVR andrà poi via via aggiornato entro 30 giorni da modifiche rilevanti a livello di processo produttivo o organizzativo, dopo infortuni importanti o altre casistiche indicate dalla legge, questi aggiornamenti saranno compresi nel costo del documento di valutazione dei rischi .

Qual è il costo del documento di valutazione dei rischi ?

Il DVR è un documento molto variabile, che fa parte del regolamento aziendale, non c’è uno standard ma il costo del documento di valutazione dei rischi  si adatta alle caratteristiche di ogni azienda. impresa o attività, specifica che ha il diritto e dovere di presentarlo, dopo una valutazione in base alle stesse.

Il costo del documento di valutazione dei rischi  include quindi la valutazione della realtà aziendale, con tempi che dipenderanno dalle dimensioni e dal numero di dipendenti, l’elaborazione dei dati raccolti ed infine la redazione del documento finale da parte di un consulente o un commercialista. L'elaboraizione di questo documento eviterà alla vostra azienda di incorrere in reati penali e di conseguenza in sanzioni o multe salate.

Secondo Soterikon.it il costo DVR va da 300 euro per le aziende più piccole, e può arrivare a 2000 euro per le realtà aziendali più strutturate, che operano in settori maggiormente rischiosi che incidono più rischi potenziali ed un numero maggiore di dipendenti. Va inoltre considerato che una prima attestazione del rischio, ad esempio per un’azienda di nuova costituzione, andrà fatta di pari passo con la pianificazione dei corsi di formazione e sicurezza, altrettanto obbligatori. 

Il Documento di Valutazione dei Rischi ha una data di scadenza?

Il documento di valutazione dei rischi deve essere rielaborato immediatamente secondo la normativa vigente quando:

  • Vi siano delle modifiche al processo produttivo;
  • Vi siano interventi all'organizzazione del lavoro importanti per quanto riguarda la salute o la sicurezza dei lavoratori;
  • Avvenga un’evoluzione della tecnica, della protezione o della prevenzione;
  • C’è stato un infortunio significativo;
  • Si rendano necessari e seguito della sorveglianza sanitaria.

Dopo queste rielaborazioni, le misure di prevenzione si devono aggiornare e il documento di valutazione dei rischi va rielaborato entro trenta giorni dalle causali.

Il datore di lavoro, anche in caso di rielaborazione del documento di valutazione dei rischi, deve dare immediata evidenza, mediante la documentazione idonea, dell'aggiornamento sulle misure di prevenzione fornendo comunicazione immediata al rappresentante dei lavoratori sulla sicurezza. Su richiesta, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza accede a tale documentazione.

Inoltre, ci sono delle valutazioni specifiche che scadono in momenti definiti direttamente dalla norma tecnica alla quale si riferiscono. Se vogliamo fare un esempio possiamo citare la valutazione del rischio rumore che scade dopo 4 anni.

Dove si custodisce il documento?

Mano

Il Documento di Valutazione dei Rischi che viene scritto alla fine della valutazione, va custodito nell’unità produttiva a cui si riferisce la valutazione dei rischi e si può conservare rispettando le prescrizioni su supporto informatico del TU 81/08.


Potrebbe interessarti

Supporto psicologico da casa? Basta una connessione internet

psicologo.jpg

L'equilibrio mentale è una parte fondamentale del benessere di una persona, sia nell’individualità che nella sfera sociale. Le patologie più frequenti nella società moderna sono la depressione, la schizofrenia, le sindromi nevrotiche e somatoformi. In piena emergenza Coronavirus, sono aumentate le problematiche legate ad un mancato benessere mentale, a causa della quarantena, dell’isolamento e dei cambiamenti improvvisi che hanno radicalmente stravolto la vita di ognuno di noi. 

Significato di Oblazione: cos'è esattamente? Quando è usata?

Significato di Oblazione

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Le normative in merito alle piattaforme elevatrici per disabili

piattaforme-elevatrici-per-disabili.jpg

Uno dei temi sociali più importanti al giorno d’oggi è abbattere tutte quelle barriere e i pregiudizi nei confronti di chi è nato con una disabilità

Punti di invalidità: un approfondimento completo su come farne richiesta

punti invalidità

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

I più condivisi

Tasse per le slot machine: ecco cosa cambia con gli ultimi provvedimenti

Tasse per le slot machine

Per alcune persone rappresentano dei semplici passatempi con cui divertirsi sporadicamente, da altre invece sono considerate come l'origine di problemi di varia natura, mentre per lo Stato sono una fonte di entrate annue costanti, le slot machines hanno visto nel corso degli ultimi anni una considerevole diffusione sul territorio, anche grazie all'apertura di locali appositi in diverse città e paesi. Tuttavia, attorno a queste macchinette, spesso, sono sorte anche molte polemiche.

Capacità contributiva: scopri gli indici e altre informazioni

Immagine per capacità contributiva

Nell'ambito del diritto tributario italiano, uno dei principi fondamentali vigenti in Italia, relativamente alla cosiddetta capacità contributiva, è sancito dall'art. 53 della Costituzione. Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Scadenza della cambiale: come comportarsi?

Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Leggi anche...

Consulenti del Lavoro a Bologna: scopriamo a chi rivolgersi?

immagine per Consulenti del Lavoro a Bologna

Di seguito riportiamo una serie di consigli utili alla gestione dei contatti con alcuni degli studi di consulenti del lavoro di Bologna. Possono iscriversi al registro dei praticanti solo coloro in possesso di laurea triennale o specialistica conseguita in Giurisprudenza, Economia e Scienze Politiche. Altre lauree triennali non consentono l'iscrizione al registro dei praticanti.

Leggi anche...

Notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Immagine riferita all'articolo La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Go to Top