Dopo avervi parlato di privacy su internet, oggi vi presentiamo un approfondimento per chiarire cos'è il franchising. Con questo termine si vuole indicare una sorta di collaborazione che prevede l'interazione fra imprenditori, al fine di distribuire una serie di beni o servizi. Tale collaborazione detta anche affiliazione commerciale è spesso indicata per coloro che vogliono avviare una impresa ma non partendo da zero: il franchising appunto fa in modo che si venga affiliati ad un marchio già presente sul mercato. Vediamo insieme cos'è il franchising .

Particolarità del franchising: accordo tra azienda e venditore

Cos'è il franchising dunque? Si tratta di un tipo di accordo di collaborazione fra una società o persona fisica, denominata affiliata o franchisee, che aderendo a questa formula commerciale, diventa partner di una azienda consolidata affiliante, detta franchisor.

Sono dunque coinvolti una azienda madre ed un rivenditore. Tale collaborazione detta anche affiliazione commerciale è spesso indicata per coloro che vogliono avviare una impresa ma non partendo da zero: il franchising appunto fa in modo che si venga affiliati ad un marchio già presente sul mercato.

Nel diritto commerciale, per capire cos'è il contratto di franchising, bisogna cercare la definizione nell'art. 1 della legge n. 129/04.

Forma e contenuto del contratto

Ogni contratto va stipulato, secondo la legge apposita, per iscritto, o è da considerarsi nullo. L'azienda madre può essere incarnata da un produttore oppure da un distributore di determinati servizi o prodotti, appartenenti ad un marchio particolare. Tale azienda affida, o meglio concede all'affiliato il diritto di mettere in commercio i proprio prodotti, utilizzando il marchio e l'insegna del franchisor.

Rapporti di produzione: cos'è il franchising

E' chiaro che a livello di profitti fra franchisor e affiliato viene a determinarsi un rapporto tale che il secondo debba effettuare il pagamento di una percentuale su tutto il fatturato, detta royalty, oltre naturalmente al conseguente rispetto di tutte le norme contrattuali che regolamentano il rapporto che sta alla base del franchising stesso.

Obblighi d'informazione a carico dell'affiliante

Sono stati posti obblighi informativi precontrattuali. Occorre fornire al potenziale affiliato:

  • i principali dati relativi all'affiliante
  • una sintetica descrizione dell'attività
  • la lista degli affiliati attuali

Cos'è il franchising: valutazioni da fare prima di avviare l’attività in affiliazione

Con il decreto Bersani e la conseguente liberalizzazione delle attività di vendita, oggi è possibile aprire un negozio in franchising in modo piuttosto semplice, seguendo un iter burocratico veloce e senza essere costretti a richiedere una specifica licenza. La cosa fondamentale prima di intraprendere questa strada imprenditoriale, è quella di informarsi molto bene su quali siano i settori più in auge al momento, sullo stato di salute del brand a cui ci si vuole associare ed infine capire se si è in possesso dei requisiti personali richiesti.

Innanzitutto è necessario, una volta capito cos'è il franchising e individuato il settore merceologico che fa per noi, informarsi circa l’azienda franchisor. Ma come è possibile valutarne l’affidabilità? Si devono considerare alcuni fattori indicativi: l’anzianità del marchio o comunque gli anni di attività sul mercato, la sua notorietà, quanti negozi affiliati sono attivi e quanti invece hanno chiuso, i bilanci dell’ultimo triennio e se l’azienda è “controllata” periodicamente dalle associazioni di categoria che ne monitorano l’operato.

Allo stesso modo, il franchisor valuterà le richieste di affiliazione ricevute, in funzione di alcuni requisiti personali che deve avere il franchisee. Tra questi sicuramente c’è la predisposizione imprenditoriale, una conoscenza almeno di base di elementi contabili e commerciali e capacità di relazionarsi con la clientela. Il requisito più importante però è quello di sapersi adattare alle decisioni e alle linee guida imposte dall’azienda madre.

Anche il futuro negozio che verrà aperto dovrà rispettare alcuni requisiti. Innanzitutto l’ubicazione, che per molte aziende è fondamentale per il successo del franchising stesso, tant’è che richiedono l’apertura presso centri o vie commerciali.

Cos'è il franchising: Iter burocratico da seguire per l’apertura

cos'è il franchising

Dopo aver capito cos'è il franchising  e una volta individuato il brand a cui ci si vuole affiliare e dopo aver considerato tutti i fattori, è giunto il momento di passare alla parte burocratica da seguire. La prima cosa da fare è quella di apire la partita IVA e scegliere il regime fiscale, presentando tutta la documentazione richiesta presso l’Agenzia delle Entrate di riferimento, iscrivere la ditta al Registro delle Imprese, mettersi in regola con il pagamento dell’Inps e dell’Inail (dove previsti), comunicare al Sindaco della propria città l’apertura del negozio nel pieno rispetto delle leggi che regolano l’attività in franchising.

Novitá 2021 sulle aziende in franchising di vendita

Ora sappiamo cos'è il franchising ma da quando tale tipo di formula commerciale si è diffusa nel mondo (anni '50) fino ad oggi, non vi sono stati sostanziali cambiamenti nelle sue regole. Comunque, mentre decenni fa il franchising si diffondeva soprattutto nel settore delle catene di fast food o ristoranti, recentemente invece tende ad evidenziarsi nell'ambito della rivendita al dettaglio di vari prodotti. Inoltre, si va sempre più affermando il cosiddetto franchising solidale, nel quale l'azienda madre tende a versare le royalties, acquisite da alcune società affiliate, per il finanziamento di progetti umanitari o di solidarietà.

Analizzando in dettaglio tale formula commerciale, si può notare come questa permetta all'azienda madre o affiliante di avere una crescita di mercato maggiore e soprattutto più veloce rispetto ad altre società che non ricorrono al franchising. Ulteriore considerevole vantaggio per l'affiliante è che parte del rischio di impresa viene suddiviso tra questo e l'affiliato e quindi tra le due società, soprattutto per quanto riguarda gli investimenti effettuati, la gestione del personale e la scelta dell'area geografica in cui avviare l'attività dell'azienda affiliata.

A questo poi si aggiunge che il franchising deroga anche ad alcune regole antitrust, che tendono a porre limiti o restrizioni alle quote di mercato detenute da una singola azienda oppure al bacino di utenti o alla distanza minima tra punti vendita legati al medesimo ambito commerciale e merceologico, sia se facenti parte della stessa società oppure ad aziende differenti. Difatti, l'attività in franchising risulta di proprietà di un soggetto diverso rispetto al marchio distributore, così quest'ultimo, in tale modo, incrementerà i locali e gli sbocchi presenti sul mercato.

cos'è il franchising
Come si può vedere, quindi, col franchising esistono diversi vantaggi per l'azienda affiliante, mentre per la società affiliata esistono anche alcuni possibili svantaggi. Infatti, da un lato, il rivenditore potrà far leva sull'assistenza e sul brand della casa madre, sia in ambito commerciale che in quello finanziario, per ottenere eventualmente dei prestiti da istituti bancari. Dall'altro, invece, il rivenditore dovrà seguire le strategie commerciali e le indicazioni della società madre, senza avere molta autonomia. A questo poi si aggiunge, inoltre, il pagamento per l'uso del marchio.

Sperimo che il nostro articolo su "cos'è il franchising" vi sia stato utile.


Potrebbe interessarti

Supporto psicologico da casa? Basta una connessione internet

psicologo.jpg

L'equilibrio mentale è una parte fondamentale del benessere di una persona, sia nell’individualità che nella sfera sociale. Le patologie più frequenti nella società moderna sono la depressione, la schizofrenia, le sindromi nevrotiche e somatoformi. In piena emergenza Coronavirus, sono aumentate le problematiche legate ad un mancato benessere mentale, a causa della quarantena, dell’isolamento e dei cambiamenti improvvisi che hanno radicalmente stravolto la vita di ognuno di noi. 

Significato di Oblazione: cos'è esattamente? Quando è usata?

Significato di Oblazione

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Le normative in merito alle piattaforme elevatrici per disabili

piattaforme-elevatrici-per-disabili.jpg

Uno dei temi sociali più importanti al giorno d’oggi è abbattere tutte quelle barriere e i pregiudizi nei confronti di chi è nato con una disabilità

Punti di invalidità: un approfondimento completo su come farne richiesta

punti invalidità

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

I più condivisi

Tasse per le slot machine: ecco cosa cambia con gli ultimi provvedimenti

Tasse per le slot machine

Per alcune persone rappresentano dei semplici passatempi con cui divertirsi sporadicamente, da altre invece sono considerate come l'origine di problemi di varia natura, mentre per lo Stato sono una fonte di entrate annue costanti, le slot machines hanno visto nel corso degli ultimi anni una considerevole diffusione sul territorio, anche grazie all'apertura di locali appositi in diverse città e paesi. Tuttavia, attorno a queste macchinette, spesso, sono sorte anche molte polemiche.

Capacità contributiva: scopri gli indici e altre informazioni

Immagine per capacità contributiva

Nell'ambito del diritto tributario italiano, uno dei principi fondamentali vigenti in Italia, relativamente alla cosiddetta capacità contributiva, è sancito dall'art. 53 della Costituzione. Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Scadenza della cambiale: come comportarsi?

Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Leggi anche...

Consulenti del Lavoro a Bologna: scopriamo a chi rivolgersi?

immagine per Consulenti del Lavoro a Bologna

Di seguito riportiamo una serie di consigli utili alla gestione dei contatti con alcuni degli studi di consulenti del lavoro di Bologna. Possono iscriversi al registro dei praticanti solo coloro in possesso di laurea triennale o specialistica conseguita in Giurisprudenza, Economia e Scienze Politiche. Altre lauree triennali non consentono l'iscrizione al registro dei praticanti.

Leggi anche...

Notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Immagine riferita all'articolo La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Go to Top