In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Cos'è la FIVET e come funziona in Italia

FIVET in Italia indica la fecondazione in vitro ed embryo transfer. Si tratta di una tecnica di procreazione assistita che permette di ottenere la fecondazione dell'ovocita esternamente al corpo della donna.
In pratica l'embrione viene formato fuori dal ventre materno, e solo in un secondo momento viene trasferito nell'utero della futura madre.
Il dibattito etico che ha portato in Italia ad una legislazione restrittiva nei confronti della pratica, è conseguente al fatto che durante questa pratica viene creato un sovrannumero di embrioni destinati o ad essere scartati, o alla ricerca scientifica su di essi.

Pro e contro

Questo metodo ha una probabilità di gravidanza di circa il 28% dei cicli ovulatori femminili e tre quarti di queste arrivano al parto.

La procedura non è esente da rischi. Tuttavia le emorragie e le infezioni sono rare.

Limitazione degli embrioni

La sentenza della Corte Costituzionale 151/2009 ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l'art. 14, comma 2, della legge 19 febbraio 2004, n. 40 limitatamente alle parole "ad un unico e contemporaneo impianto, comunque non superiore a tre".
Pertanto è stato abrogato il punto della legge in cui il limite della produzione di embrioni superava il numero di tre.
Tale sentenza ha anche vietato la crioconservazione, la soppressione di embrioni, la fecondazione eterologa e la diagnosi pre-impianto.
Questa normativa così restrittiva in Italia obbliga molte coppie a rivolgersi all'estero per praticare la FIVET, in quanto i costi sono notevolmente inferiori, e la percentuale di casi di successo di gravidanza post-FIVET è molto più alta a causa di una tecnologia più avanzata.

Le fasi della FIVET in Italia

La FIVET è un’operazione che si contraddistingue per la sua non invasività e lo scarso impatto psicologico che ha su chi la pratica; è però suddivisa in fasi le cui tempistiche vanno rispettate scrupolosamente:

  • Si comincia con una serie di analisi volte ad accertare l’infertilità della coppia;
  • Ad orari e giorni prestabiliti, la donna deve assumere gli ormoni prescritti, sottoponendosi inoltre ad una serie di prelievi del sangue per determinare la quantità di estrogeni necessari, oltre ad un’ecografia per il monitoraggio dei follicoli;
  • Fatto questo, dietro indicazione del medico la paziente riceverà un’iniezione dell’ormone della gravidanza (l’HCG), per poi subire il prelievo degli ovociti entro 36 ore;
  • Il prelievo richiede circa 10 minuti e va abbinato alla raccolta del liquido seminale, generalmente recuperato e conservato in precedenza; il campione maschile viene trattato per aumentarne la fertilità, aumentando così le possibilità di fecondare l’ovulo.

Il problema etico della FIVET si ha appunto nella fase finale, ovvero sul numero di ovuli da fecondare: per quanto una quantità maggiore aumenti le possibilità di creare un embrione, il dilemma etico che si ha nella creazione di potenziali bambini è tuttora oggetto di aspri dibattiti.

La legge sulla fecondazione assistita: sai come si compone?

fivet in Italia

La procreazione medica assistita (PMA) è un termine che indica le varie metodologie che permettono ad un individuo di procreare. Tali metodologie possono essere di varia natura: ormonali, farmacologiche, chirurgiche, o altro ancora.

La procreazione medicalmente assistita non va confusa con la fecondazione assistita, che riguarda la semplice fecondazione dell'ovulo e non tutto il processo di procreazione dell'individuo. Come detto in precedenza, erroneamente si considera sinonimo di procreazione assistita, che ha semantica ben più ampia.

Procreazione assistita

Per quanto riguarda i due o tre embrioni impiantati in utero, è comunque possibile, e sempre più riproducibile, il loro co-attecchimento.

Normativa

In Italia viene regolamentata dalla legge n. 40 del 19 febbraio 2004, contenente tutte le norme in materia.

A seguito della legge, che pone una serie di limiti in materia di procreazione e ricerca sperimentale sugli embrioni, in Italia è in atto un continuo dibattito, determinato dal giudizio da parte di alcuni esperti che considerano la disciplina in materia troppo restrittiva. Ma tale definizione risulta troppo ambigua per certi ambiti di applicazione.

Contenuti della legge

Altri concetti importanti espressi nella normativa sulla procreazione assistita riguardano il permesso di usufruire della copertura da parte del Servizio Sanitario nazionale, nonché la possibilità di accesso a tale pratica da parte di coppie maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile, ed entrambi in vita.

Con questa legge vengono vietate l'eugenetica e la crioconservazione degli embrioni prodotti in eccesso durante la procreazione assistita, tranne che per cause di forza maggiore non prevedibili al momento della fecondazione.

Legislazione

La legge sulla fecondazione assistita è sempre stata causa di dibattiti, specialmente in Italia, dal punto di vista etico ma anche da quello tecnologico.

I dibattiti principali relativi alla legge sulla fecondazione assistita vertono sulle tematiche della fecondazione eterologa, sulla commercializzazione degli embrioni, sul tema della maternità surrogata e su tutto ciò che concerne la produzione di embrioni con fini di ricerca e sperimentazione.

In Italia tali pratiche sono vietate per l'appunto dalla legge del 19 febbraio 2004 n. 40 sulla fecondazione assistita.

In seguito a questa legge, è stato istituito un referendum nel 2005, articolato in quattro punti. Tale referendum voleva abrogare alcuni punti della legge, a giudizio di molti esponenti politici eccessivamente restrittiva.

Il referendum non ha avuto esiti positivi in quanto non è stato raggiunto il quorum necessario.

Conseguenze

A causa della ristrettezza della nostra legge, molte coppie si rivolgono presso paesi stranieri per effettuare questa pratica. In particolare, la Spagna è considerata la meta ideale in quanto è permesso anche alle donne single di poter scegliere la fecondazione assistita e la donazione degli ovuli.

Per conoscere nel dettaglio la legge è possibile consultare il testo integrale

Legge 19 febbraio 2004, n. 40, Norme in materia di procreazione medicalmente assistita

Va ricordato che la procreazione assistita non è un sinonimo di fecondazione assistita in quanto assume un significato più ampio da conoscere approfonditamente.


Potrebbe interessarti

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Certificato penale casellario giudiziale: tutti i nostri reati o quasi

Il casellario giudiziale è una sorta di maxi schedario, istituito dalla Procura della Repubblica presso ogni Tribunale, contenente tutte le notizie relative a tutti i provvedimenti (giudiziari e amministrativi) riferiti a ogni singolo cittadino.

Decreto anti coronavirus: ecco i punti della manovra a sostegno dell’Italia

decreto anti corona virus

Il 16 marzo 2020 è stato approvato dalla Presidenza del Consiglio un maxi-decreto con misure urgenti economiche a sostegno delle imprese e delle famiglie nella lotta al corona-virus. Il decreto “Cura Italia” – così come è stato definito – contiene 122 articoli che toccano tutti i principali ambiti dell’economia e del welfare con uno stanziamento di 25 miliardi di euro che si auspica facciano leva sulle attività economiche e sulle famiglie comportando una mobilitazione pari a 350 miliardi in rapporto al PIL nazionale.

Codice civile italiano: ecco tutte le indicazioni per comprenderlo

Codice civile italiano

Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile italiano. Il codice civile italiano infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

8 per mille: elenco dei beneficiari e criteri di inclusione

8 per mille: elenco

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'8 per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Associazioni che difendono i diritti dei consumatori

In Italia esistono varie associazioni che tutelano i diritti dei consumatori, ovvero dei soggetti sorti con lo scopo di difendere i consumatori e gli utenti di determinati servizi.

Leggi anche...

Avvocati di Bologna: contatti e indirizzi pronti all'uso

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.

Leggi anche...

Patteggiamento della pena: quando e come?

Il patteggiamento è dunqueil procedimento caratterizzato dalla richiesta rivolta al Giudice dall'imputato di una sanzione sostitutiva diminuita fino a un terzo.

Go to Top